Uniti per differenza

All'inizio di questo mese ho esplorato le complessità della genitorialità attraverso il libro appassionato e toccante di Andrew Solomon, Far From The Tree . Oggi guardo a tutti i modi in cui possiamo promuovere l'identità di un gruppo di pari se ereditiamo o acquisiamo un tratto estraneo ai nostri genitori.

Crescendo in Inghilterra non mi è mai mancato amore o comprensione, ma mi sono immaginato una minoranza magro. Conoscevo pochi balbuzienti. Quelli che conoscevo, mi tenevano lontano. Solo quando mi sono trasferito in America per iniziare a studiare Out With It, ho visto che ero in, quello che Solomons chiama "una vasta compagnia". Non solo con milioni di altri balbuzienti in tutto il mondo, ma con la moltitudine di persone che aveva qualche cosiddetto difetto o stranezza con cui stavano facendo i conti. Come Salomone lo descrive con grazia, ho capito che "la differenza ci unisce … (che) l'eccezionale è onnipresente; essere del tutto tipico è lo stato raro e solitario. "

In Lontano dall'albero Solomon descrive il senso di orgoglio che testimonia tra i partecipanti a una conferenza dei nani e riflette sulla convalida che molti bambini sordi provano quando incappano nell'identità sorda nella loro adolescenza. Parla del complesso dispiegarsi della sua identità di uomo gay in mezzo alla "festa del technicolor del Gay Pride". È un senso familiare di scoperta. Ricordo che entrai nella mia prima conferenza balbuzie, nella calda cacofonia delle balbuzie e nelle conversazioni fieramente orgogliose.

Diventare parte della comunità della balbuzie non ha attenuato tutte le difficoltà del mio intervento. Né trascorro la mia vita all'interno degli accoglienti confini di quella comunità. Potrebbero esserci persone che vedono la mia balbuzie come brutture, ma la comunità balbettante salvaguarda da ogni tendenza che devo interiorizzare quelle percezioni. Mi insegna ad essere più gentile con me stesso e nutre la mia soddisfazione conquistata duramente. Come scrive Solomon sulla comunità sorda, "la cultura generale ritiene che i bambini non udenti siano principalmente bambini a cui manca qualcosa: mancano di udito. La cultura dei non udenti sente di avere qualcosa: è membro di una bella cultura ".

Solomon non banalizza la disabilità di difficoltà, non educatamente evita tutte le umiliazioni e le ferite. Ci dà sia il dolore straziante di una vita difficile accanto alla storia di Temple Grandin e la sua capacità di rendere "ciò che il mondo chiama malattia (il suo autismo) la pietra angolare del suo splendore".

C'è una certa consolazione tra le pagine del suo libro, il senso che noi costituiamo un clan sconfinato e coerente di disadattati. Siamo tutti imperfetti e strani, abbiamo tutti la nostra oscurità. Come Grandin dimostra "il trucco sta facendo esaltare qualcosa".

Mi ci sono voluti anni per abbandonare la mia ricerca, una volta infinita, di normalità. Per rendermi conto che tutto quello che cercavo era una banale mediocrità. Ci sono voluti trovare una comunità per capire che non potevo essere qualcun altro, ma potrei essere una versione migliore di me stesso.

Interessato a saperne di più? Vedere la prima parte della mia esplorazione di Lontano dall'Albero in Parenting a Stranger.

Solutions Collecting From Web of "Uniti per differenza"