Unisciti al movimento di Psicoterapia unificata

Hai mai guardato nel campo della psicoterapia e sei stato un po 'sopraffatto da tutti i modelli, le prospettive e i modi di concettualizzare e intervenire? Forse come studente di psicoterapia hai sentito che ognuna delle principali prospettive aveva un valore e avresti desiderato che ci fosse un modo per portare più ordine nel campo? O forse hai notato che la pratica della psicoterapia sembra spesso del tutto disconnessa dalla scienza della psicologia umana e si chiede se possano essere costruiti ponti migliori tra i due?

Se queste caratterizzazioni ti sono familiari, ti invitiamo a prendere in considerazione l'adesione al Movimento di Psicoterapia unificata (UPM). L'UPM consiste in un gruppo di studiosi e professionisti della psicoterapia che sono preoccupati che il campo sia in disordine concettuale, nel senso che si tratta di una giungla frammentata di approcci che vengono insegnati ed esistono in un modo potenzialmente molto confuso per lo studente e il praticante nello stesso modo. Si consideri, ad esempio, che i paradigmi principali come la terapia cognitiva comportamentale e psicodinamica funzionano in gran parte come "tribù" differenti che offrono agli aderenti lingue, intuizioni e obiettivi diversi che poi competono tra loro per il dominio. Tuttavia, se si fa un passo indietro e si osservano le tradizionali prospettive cognitive comportamentali come tentativo di favorire una regolazione adattiva di modelli angosciosi di pensiero, sentimento e recitazione, mentre le prospettive psicodinamiche tendono a concentrarsi sul raggiungimento di intuizioni più profonde nella propria identità, difese e relazioni (che a loro volta Consentire una crescita adattativa), allora si può vedere che questi approcci non sono necessariamente antitetici e che in realtà possono essere abbastanza complementari (vedere qui per ulteriori informazioni).

Gregg Henriques
La psicoterapia è una giungla di approcci.
Fonte: Gregg Henriques

Naturalmente, queste sono solo due delle principali scuole di psicoterapia e ce ne sono molte altre, come i sistemi di narrativa, i sistemi familiari, gli interventi basati sulla consapevolezza e così via. Ma questa osservazione solleva la domanda: perché ci sono così tanti diversi approcci alla psicoterapia e perché sono così spesso definiti l'uno contro l'altro? Una delle ragioni principali è che sono collegate a differenti ipotesi e modelli fondamentali relativi alla psicologia umana, alla personalità, alla psicopatologia e ai processi di cambiamento terapeutico. Perché è così? Uno dei motivi principali è che il campo della psicologia umana è di per sé privo di un quadro coerente che consenta la correlazione e il coordinamento sistematico di diversi sistemi di psicoterapia. Quindi la domanda diventa: qual è l'ampio quadro di comprensione da cui operano i professionisti di varie forme di psicoterapia? È qui che l'UPM è focalizzato.

Alla fine di settembre del 2015, a Cape Cod, MA si è tenuta una conferenza che ha riunito importanti studiosi dell'UPM per discutere della sua attenzione e del suo futuro. I partecipanti alla conferenza arrivarono a una dichiarazione di consenso, che affermava che il Movimento di Psicoterapia Unificata mira a migliorare la capacità dei praticanti di attingere alla diversità di approcci, processi, tecniche e risultati di ricerca fornendo un quadro evolutivo, completo e olistico.

È stato inoltre concordato che devono essere prese misure per gettare le basi per un movimento verso una psicoterapia più unificata. Uno di questi passi sarà lo sviluppo di una lista di psicoterapia unificata, che è stata istituita e sarà formalmente avviata alla fine di gennaio 2016. Se sei interessato ad unirti a questo gruppo, contatta il Dr. Jeff Harris a JHarris18@mail.twu .edu. Se avete domande, non esitate a contattarmi a henriqgx@jmu.edu.

Come fai a sapere se ti piacerebbe aderire all'UPM? Ecco alcune domande frequenti che potrebbero aiutarti a capire meglio il movimento:

Qual è il punto di UPM?

Il punto è impegnarsi nello sviluppo di strutture e prospettive olistiche o meta-teoriche che consentano di portare più ordine e organizzazione nel campo della psicoterapia. Questa prospettiva è necessaria perché il campo è frammentato e molti paradigmi sono definiti l'uno contro l'altro. Dobbiamo capire perché è così e se questo è necessario o è una conseguenza del fatto che le prospettive stesse siano limitate o miopi. Come gruppo, generalmente vediamo ognuna delle maggiori prospettive che hanno qualcosa di valore da offrire e che sono inutilmente definite l'una contro l'altra perché ci è mancata una visione efficace, meta-teorica della condizione umana e dei processi di cambiamento umano.

Chi sono alcuni dei principali attori dell'UPM?

Drs. Jeffrey Magnavita e Jack Anchin sono pionieri nel campo. Hanno scritto numerosi articoli sulla psicoterapia unificata e recentemente il libro Unifying Psychotherapy: Principles, Methods and Evidence da Clinical Science . Questi individui fondarono anche il Journal of Unified Psychotherapy and Clinical Science . Il dott. Anchin è un professore associato clinico (nucleo docente) nel programma di dottorato in psicologia clinica del Medaille College e professore a contratto di psicologia presso l'Università di Buffalo / SUNY. Jeffrey Magnavita è la figura di spicco del progetto Unified Psychotherapy e Psychotherapedia (lanciato con l'aiuto di Steve Sobleman).

Il dottor Jeff Harris è il fondatore della psicoterapia multitecistica ed è autore del libro Psicoterapia multitecistica integrativa . Il dottor Harris è professore associato di psicologia alla Texas Woman's University, dove insegna agli studenti come operare da una prospettiva multitecnica.

Il Dr. Andre Marquis è uno dei membri fondatori dell'Istituto integrale e ha scritto diversi lavori che esplorano il motivo per cui la teoria integrale di Ken Wilber fornisce un prezioso quadro meta-teorico per la comprensione della psicopatologia e della psicoterapia. Il Dr. Marquis è professore associato presso l'Università di Rochester, dove sta usando, insegnando e ricercando un approccio integrale alla psicoterapia.

Il Dr. Gregg Henriques ha sviluppato un nuovo approccio per unificare la scienza della psicologia, che sostiene possa essere utilizzato per fornire il quadro per l'assimilazione e l'integrazione dei principali paradigmi in psicoterapia. È autore del blog Theory of Knowledge on Psychology di oggi e del libro A New Unified Theory of Psychology . È professore alla James Madison University, dove dirige un programma di dottorato in Psicologia del servizio sanitario che è organizzato attorno a approcci integrativi e unificati al campo. Drs. Kenneth Critchfield e Craig Shealy sono anche associati al movimento e insegnano nel programma di JMU. Pertanto, il programma di JMU fornisce un modello di formazione su come gli studenti di psicoterapia possono apprendere l'approccio unificato.

Qual è la relazione tra l'UPM e il movimento di integrazione della psicoterapia come incarnato dalla Società per l'esplorazione dell'integrazione della psicoterapia ?

C'è molta sovrapposizione tra le forze che hanno dato origine al movimento per l'integrazione della psicoterapia e l'UPM. Fu negli anni '80 che un numero crescente di importanti studiosi e professionisti della psicoterapia si interessò a considerare i modi in cui le principali singole scuole (ad esempio, cognitive comportamentali, umanistiche, psicodinamiche) potevano informarsi l'un l'altra in modo sinergico. Il movimento per l'integrazione della psicoterapia ha dato origine a quattro angoli distinguibili sull'integrazione: 1) Fattori comuni, che enfatizzavano i fattori relazionali generali e di cura che erano comuni tra le prospettive; 2) Eclettismo tecnico, che enfatizzava il disegno di tecniche empiricamente supportate da tutte le prospettive; 3) Integrazione Assimilativa, che ha enfatizzato la comprensione dei concetti da altri approcci attraverso la lente della propria prospettiva principale; e 4) Integrazione teorica, che ha tentato di combinare concetti teorici per creare nuovi modi di pensare alla personalità, alla psicopatologia e alla psicoterapia.

L'UPM può essere considerato come un quinto tipo di integrazione della psicoterapia ed è il più ambizioso. Cerca strutture unificanti che trascendono i paradigmi della competizione e offrono un quadro olistico del campo.

L'UPM offre una singola struttura o diversi quadri per unificare la psicoterapia?

I fondatori del movimento stanno esplorando a fondo questa domanda ed è stato il punto centrale di discussione alla riunione di Cape Cod. Da un lato, le strutture sono state sviluppate in modo indipendente da diversi studiosi e hanno sicuramente elementi diversi. Ad esempio, la Teoria integrale di Wilber (il fulcro del lavoro di Andre Marquis) è diversa dal Tree of Knowledge System di Henriques, che a sua volta è un po 'diverso dai triangoli annidati che organizzano la formulazione di Magnavita e Anchin. La domanda che stiamo esplorando è la seguente: in che misura queste mappe rappresentano rappresentazioni dello stesso vasto territorio o sono fondamentalmente contraddittorie? Il nostro senso attuale è il primo; in gran parte sono modi diversi di rappresentare il quadro generale generale. Detto questo, è necessario più lavoro per esplorare la sovrapposizione e le differenze dei modelli in modo che possiamo essere chiari su quali sono le differenze di enfasi e prospettiva e quali potrebbero essere le differenze fondamentali nelle affermazioni sulla realtà.

Cosa significa identificare come psicoterapeuta unificato?

La posizione di base che i sostenitori del supporto UPM si trova nella vecchia parabola dei ciechi e dell'elefante, dove sei uomini ciechi si imbattono in un elefante e ciascuno prende una porzione dell'elefante e fa un reclamo sulla sua natura. La nostra posizione è che ciascuno dei paradigmi principali (cioè, i sistemi bio-psichiatrici, umanistici, cognitivi-comportamentali, psicodinamici, familiari) sta afferrando un elemento chiave e legittimo della condizione umana. Ciò che manca è un quadro completo dell'elefante. L'assenza di una prospettiva più ampia provoca una frammentazione, confusione e frammentazione inutili e i pezzi vengono definiti l'uno contro l'altro in modo problematico. Questo stato del campo impedisce il modo in cui agli studenti viene insegnato la psicoterapia, il rapporto tra scienza e pratica e la facilità con cui i doni della psicoterapia vengono offerti al pubblico.

Gregg Henriques
Dobbiamo smettere di correre a cavallo e fare un passo indietro e vedere l'elefante.
Fonte: Gregg Henriques

Che aspetto ha il futuro del settore da una prospettiva UPM?

Quando vengono sviluppati modelli olistici efficaci che forniscono modelli chiari per la valutazione e l'intervento, si verificherà un cambiamento nel modo in cui le persone pensano alla psicoterapia. Con un linguaggio e un quadro concettuale comuni, i futuri apprendisti in psicoterapia non saranno formati solo o separatamente in approcci CBT, dinamici o centrati sul cliente. Invece, verranno dati modelli su come gli esseri umani sono costruiti e hanno fornito modi per valutare e intervenire nei diversi sistemi di adattamento psicologico. Per fornire un solo esempio, Henriques ha sviluppato la Teoria dei sistemi di adattamento dei caratteri, che divide il funzionamento psicologico in cinque sistemi di adattamento: 1) il sistema di abitudine; 2) il sistema esperienziale / emotivo; 3) il sistema di attaccamento / relazione; 4) il sistema difensivo; e 5) il sistema di giustificazione. Questi sistemi di adattamento corrispondono direttamente a ciò che storicamente sono stati i principali punti di vista della psicoterapia individuale (la tradizione comportamentale corrisponde al sistema abitativo, la tradizione umanistico / esperienziale corrisponde al sistema esperienziale, la tradizione psicodinamica corrisponde al sistema di relazioni e difesa; la tradizione cognitiva corrisponde al sistema di giustificazione). Questo tipo di mappa mostra come possiamo facilmente trascendere i paradigmi in una visione olistica molto più accessibile dell'adattamento umano.

Gregg Henriques
Fonte: Gregg Henriques

Cosa puoi fare per essere coinvolto?

Ecco alcune cose che puoi fare per essere coinvolto: 1) Leggi il movimento familiarizzando con le opere elencate di seguito; 2) Contattami a henriqgx@jmu.edu o Dr. Jeff Harris a JHarris18@mail.twu.edu e facci sapere che vuoi unirti alla lista; 3) piace questo blog e fai un commento; 4) Chiedi ai tuoi professori o altri terapeuti anziani se hanno sentito parlare del movimento di psicoterapia unificato e cosa ne pensano. Condividi con noi i tuoi pensieri, commenti e suggerimenti.

Materiali aggiuntivi:

Alcuni blog sul punto di vista unificato:

https://www.psychologytoday.com/blog/theory-knowledge/201305/my-approach…

https://www.psychologytoday.com/blog/theory-knowledge/201205/psychothera…

La homepage del progetto Unified Psychotherapy:

https://www.unifiedpsychotherapyproject.org/

Il diario di casa principale:

The Journal of Unified Psychotherapy and Clinical Science

http://www.unifiedpsychotherapyproject.org/Psychotherapy/Journal/ojs-2.4…

Libri sull'approccio unificato:

Psicoterapia unificante di Jeffrey Magnavita e Jack Anchin

Una nuova teoria unificata di psicologia di Gregg Henriques

Psicoterapia multitecnica integrativa di Jeff Harris

La presa integrale di Andre Marquis

Solutions Collecting From Web of "Unisciti al movimento di Psicoterapia unificata"