Un'esplorazione dei sentimenti nello sviluppo infantile e infantile

Per continuare dalla nostra ultima newsletter: stiamo esplorando quella che chiamiamo la rivoluzione nello sviluppo infantile e infantile e i tre pilastri di questa rivoluzione: sentimenti, intelligenza e linguaggio. Attualmente siamo immersi nell'esame dei sentimenti.

I sentimenti sono il dono della natura per noi. Ci motivano ad agire e forniscono un mezzo di comunicazione.

Genitori felici!

Dr. Paul

_________________________________________________________________________

sentimenti

Quali sono i sentimenti?

Tuttavia, subito ci imbattiamo in un problema: quali sono i sentimenti? Sentimenti, emozioni, affetti – questi hanno avuto molti significati diversi per molti filosofi, ricercatori e medici. Si riferiscono alla nostra esperienza soggettiva? O manifestazioni comportamentali? Cosciente o incosciente? Come ha osservato Knapp (1987): "Questa letteratura comprende un'ampia varietà di definizioni, approcci e dati … la psicologia nel suo insieme parla di emozioni in molte lingue diverse" (p.205-6).

Alcune delle sottili differenze in termini possono emergere mentre discutiamo la storia e la ricerca della vita emotiva. Ma, per i nostri scopi qui, suggerisco di usare queste parole in modo intercambiabile nel loro significato quotidiano. "Affetto" è un termine più tecnico rispetto agli altri. L'affetto tende a riferirsi alle prime manifestazioni preverbali dei sentimenti che sono risposte biologiche agli stimoli (come espressioni facciali specifiche viste nel bambino preverbale). Tuttavia, anche il termine affetto è largamente usato per riferirsi ad aspetti della nostra vita emotiva più complessa, cioè, miscele di sentimenti. Quindi, ancora una volta, per la maggior parte, questi termini saranno usati qui in modo intercambiabile nel loro significato quotidiano.

La storia dello studio dei sentimenti

Come si fa a capire la storia dell'esplorazione dei sentimenti – i filosofi antichi e più recenti, lo sviluppo della psichiatria, l'espressione delle emozioni attraverso la letteratura e l'arte? In molti modi, le domande erano simili a quelle che chiediamo oggi: quali sono i sentimenti? Come vengono attivati? In che modo i sentimenti sono legati alle sensazioni corporee? Quali sostanze nel corpo e nelle strutture del cervello risultano in ciò che chiamiamo sentimenti?

Tuttavia, il problema per chi studiava le emozioni prima della metà del 1800 era significativo, cioè l'assenza di dati. In particolare, la letteratura filosofica precoce e attuale sulle emozioni è incredibilmente limitata a causa di questa assenza di dati, in particolare i dati sullo sviluppo infantile e infantile. Per quei lettori che vogliono una tabella di marcia con cui iniziare a esplorare i lavori precedenti in modo più approfondito, autori come Plutchik (1962), Knapp (1987), Panksepp (1998) e Cavell (2003) fanno un ammirevole lavoro di iniziare a riempire in questa storia da prospettive filosofiche, psicologiche e neurofisiologiche.

Post-1850

Il quadro è cambiato in modo significativo nella seconda metà del XIX secolo. A quel punto sono emersi due giganti che hanno cambiato per sempre il modo in cui guardiamo al nostro mondo esterno e interno: Charles Darwin (1809-1882) e Sigmund Freud (1856-1939).

Charles Darwin

Nel 1859, Darwin pubblicò Origin of Species in cui presentava i suoi dati sull'evoluzione. Nel 1872 pubblicò L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. In questo libro, ha sviluppato i suoi dati evolutivi e ha suggerito che l'espressione delle emozioni degli esseri umani era abbastanza simile alle espressioni e alle reazioni fisiologiche degli animali. Darwin era a conoscenza di alcune tecnologie emergenti nello studio della muscolatura facciale nell'uomo, e esplorò nei minimi dettagli le espressioni facciali di umani e animali, il flusso sanguigno, i movimenti corporei e altri comportamenti.

I capitoli dell'Espressione includono argomenti come pianto, ansia, dolore, abbattimento, disperazione, gioia, devozione, malumore, malumore, disprezzo, disgusto, sorpresa, paura, orrore, vergogna e arrossire. Il punto di Darwin era che, mentre naturalmente possiamo solo supporre che cosa potrebbero sperimentare gli animali, le manifestazioni esterne e le reazioni comportamentali degli animali sono spesso molto simili a ciò che si osserva negli umani: gli umani che possono segnalare soggettivamente le loro esperienze emotive. Darwin indica così la strada per un sistema di espressione emotiva integrato e ereditato.

Sigmund Freud

Sigmund Freud, che era a conoscenza e influenzato da Darwin, era interessato ai sentimenti e alla patologia che sembrava correlata a questi sentimenti. In particolare, il lavoro di Freud lo porta ad apprezzare l'importanza dei sentimenti che erano al di fuori della consapevolezza di un individuo, cioè i sentimenti inconsci. Concentrandosi su sentimenti conflittuali, sia consci che inconsci, Freud è stato in grado di dare un senso a una varietà di fenomeni quotidiani (scivolamenti di lingua e penna, sogni, dimenticanze e così via) e disturbi psicologici, come fobie, pensieri ossessivi, comportamenti compulsivi e reazioni di conversione (es. paralisi di un braccio senza base neurologica).

All'inizio del XX secolo, per la prima volta, i medici erano in grado di trattare con successo le persone con fobie, reazioni di conversione e comportamenti compulsivi, parlando con loro e aiutandoli a capire i loro sentimenti. Allo stesso tempo, un gruppo di pionieri psicologici ha iniziato ad avere un successo simile lavorando con i bambini e i loro sentimenti. Questi pionieri avevano nomi come Hermine Hug-Hellmuth, August Aichhorn, Anna Freud (figlia di Sigmund), Melanie Klein e, un po 'più tardi, Margaret Mahler, René Spitz e Donald Winnicott.

Il lavoro di Freud ha anche dimostrato l'importanza dei primi anni nel formare la struttura della personalità. Ai suoi tempi, Freud suggeriva che i conflitti intorno alla sessualità e alla rabbia fossero i più responsabili per i tipi di malattia da lui trattati. Più tardi medici e ricercatori ci hanno aiutato a capire con maggiore sofisticazione la varietà di sentimenti che esistono, come i sentimenti sono legati alle pulsioni biologiche (come la sessualità, la fame, ecc.), L'impatto delle prime esperienze, la relazione tra cosciente e elaborazione incosciente, e le strutture neurobiologiche e percorsi responsabili dei sentimenti.

Questo breve riassunto ci porta bene nel XX secolo. Nella nostra prossima newsletter, completeremo la nostra breve panoramica della storia dello studio dei sentimenti. Inizieremo con un aspetto del dibattito sull'educazione alla natura che si è sviluppato tra l'universalità dei sentimenti e il relativismo culturale.

Riferimenti per lettori interessati:

  • Cavell M (2003). L'intelligenza delle emozioni: una visione dalla filosofia. Journal American Psychoanalytic Association 51: 977-994.
  • Darwin C (1872). L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali. Terza Edizione, P. Ekman, ed., New York: Oxford University Press, 1998.
  • Freud S (1901). La psicopatologia della vita quotidiana. Edizione Standard, Volume VI. Londra: The Hogarth Press.
  • Knapp PH (1987). Alcuni contributi contemporanei allo studio dell'affetto. Journal American Psychoanalytic Association 55: 205-248.
  • Panksepp J (1998). Affective Neuroscience: The Foundation of Human and Animal Emotions. New York: Oxford University Press.
  • Plutchik R (1962). Le emozioni: fatti, teoria e un nuovo modello. New York: Random House.

DR. IL LIBRO DI PAUL HOLINGER Cosa dicono i bambini prima che possano parlare

Solutions Collecting From Web of "Un'esplorazione dei sentimenti nello sviluppo infantile e infantile"