Un'epidemia di cure discutibili

Shutterstock
Fonte: Shutterstock

"Una valanga di inutili cure mediche sta danneggiando i pazienti fisicamente e finanziariamente", avverte il professore e chirurgo di Harvard, Atul Gawande, in un articolo pubblicato ieri nel New Yorker . "Praticamente ogni famiglia nel paese è stata sottoposta a un controllo eccessivo e eccessivo in una forma o nell'altra", osserva, citando una serie di ricerche persuasive e inquietanti. "I costi sembrano togliere migliaia di dollari dalle buste paga di ogni famiglia ogni anno" e sono diventati noti come "tossicità" sia finanziaria che fisica di cure inappropriate. "

Gawande, l'autore di una serie di best seller di medicina, chirurgia ed etica medica, tra cui il finalista del National Book Award Complications (2002) e, dall'anno scorso, l'eccezionale Being Mortal: Medicine and What Matters in the End, estende i loro tema e premesse nel suo ultimo articolo, "Overkill", per affrontare quella che lui chiama un'epidemia di "assistenza medica inutile". Rifiuti del genere, sostiene, unirsi agli esperti come il professore della Dartmouth Medical School, H. Gilbert Welch in Less Medicine, Altro Health (2015) – sta consumando un terzo dei budget di assistenza sanitaria, con risultati trascurabili-negativi, in quanto alcuni studi diagnostici in numeri significativi diventano dannosi di per sé.

In un solo anno, osserva Gawande, i ricercatori hanno scoperto che il 25-42% dei pazienti di Medicare ha ricevuto almeno uno dei ventisei test e trattamenti inappropriati o non necessari. (L'elenco include la realizzazione di un EEG per un mal di testa senza complicazioni o una TC o risonanza magnetica per il dolore lombare in pazienti senza alcun segno di un problema neurologico.) Negli Stati Uniti nel suo insieme, aggiunge, una popolazione di trecento milioni all'anno subisce "circa quindici milioni di scansioni di medicina nucleare, un centinaio di milioni di scansioni TC e MRI e quasi dieci miliardi di test di laboratorio". Questi numeri dovrebbero mettere in pausa qualcuno. Appaiono proprio come la Reuters riporta che il numero di americani che hanno utilizzato farmaci per un valore di $ 100.000 è triplicato lo scorso anno.

Una delle cause principali di questa epidemia di cure discutibili è il sistema di pagamento frammentario della nazione, che "ricompensa i dottori per la quantità di assistenza fornita, indipendentemente dai risultati … Il sistema offre un'ampia ricompensa per il trattamento eccessivo e nessuna ricompensa per eliminarlo." Un altro fattore è "l'asimmetria dell'informazione", un termine coniato negli anni '60 dall'economista premio Nobel Kenneth Arrow per descrivere un enigma in corso nel settore sanitario: anche i pazienti che cercano una serie di valutazioni mediche esperte cercano di valutare la qualità dei consigli che ricevono. Lo squilibrio, osserva Gawande, mette i medici "in una posizione di forza. Possiamo raccomandare la cura di poco o nessun valore perché migliora i nostri redditi, perché è nostra abitudine, o perché crediamo sinceramente ma erroneamente in esso, ei pazienti tenderanno a seguire le nostre raccomandazioni ".

Come in tutta la sua scrittura, che individua queste complesse questioni con immensa sottigliezza, umanità e cura, Gawande osserva che, come medico, è "molto più preoccupato di fare troppo poco che fare troppo. È la scansione, il test, l'operazione che avrei dovuto fare e che mi è rimasta – a volte per anni. "Tutto sommato, dice, i medici sono comprensibilmente" più timorosi di fare troppo poco rispetto a fare troppo. E i pazienti spesso si sentono allo stesso modo. Saranno probabilmente grati per il test extra fatto in nome di "essere accurati".

Tuttavia, conclude, limitandosi a prestare attenzione a quanti test sono stati ordinati, per quali sintomi e disturbi, e quanto costano ha avuto un effetto significativo sui budget sanitari in Texas, al centro del suo articolo, senza limitare la qualità del cura: "i maggiori risparmi e miglioramenti nell'assistenza derivano dall'evitare procedure che non dovrebbero essere svolte in primo luogo."

"Overkill" è disponibile dal New Yorker qui.

christopherlane.org Seguimi su Twitter @christophlane

Solutions Collecting From Web of "Un'epidemia di cure discutibili"