"Understanding Young Adults Who Get Stuck" di Verhaagen

Dollar Photo
Fonte: foto del dollaro

Vorrei condividere alcune impressioni di un discorso altamente pertinente e informativo intitolato "Capire i giovani adulti che si bloccano", che è stato recentemente rilasciato dal Dr. David Verhaagen al Summit "Failure to Launch" del Ben Franklin Institute a Tempe, in Arizona.

Le sue osservazioni sensibili e ben documentate hanno confermato ciò che noi di Optimum Performance Institute sappiamo essere veri: da una prospettiva evolutiva / psicologica, gli anni tra i 18 e i 28 rappresentano un nuovo ed unico stadio di sviluppo con le loro caratteristiche e sfide del 21 ° secolo.

Ogni generazione sembra avere le sue caratteristiche sociologiche, ha detto il dottor Verhaagen. La società degli anni '70 aveva i suoi "Latchkey Kids" mentre oggi viviamo in una cultura di "Helicopter Parents", la differenza è il grado di coinvolgimento dei genitori. I genitori erano apparentemente assenti negli anni '70 ma spesso sono troppo coinvolti oggi – si aggirano molto vicino ai loro adulti emergenti, spesso microgestendo ogni aspetto della loro vita, limitando involontariamente la loro capacità di emergere come indipendenti, mentre i bambini elicotizzati si considerano più laboriosi che mai prima, anche se i genitori non riescono a vederli in quel modo.

Il dott. Verhaagen ha condiviso uno studio recente che ha riportato che il 71% dei giovani adulti si considera legittimo ed egoista; 1 su 4 giovani adulti vivono ancora a casa e 3 su 4 sono ancora sostenuti finanziariamente dai loro genitori, tutto questo proveniente da una generazione che, per la prima volta nella storia degli Stati Uniti, non sarà in grado di superare i loro genitori in termini di guadagni finanziari.

Sono influenzati da fattori economici unici per questi tempi, inclusa la limitata disponibilità di opportunità di lavoro per sostenere lo stile di vita che sono stati abituati a vivere. Anche se completano le aspettative previste per loro (cioè, completando il college, lavorando duramente a scuola), potrebbero comunque non ottenere un lavoro che possa consentire loro di funzionare in modo relativamente comodo e indipendente.

Internet e Information Age

Il Dr. Verhaagen ha fornito una formulazione interessante ed elegante per altri elementi che influenzano la realtà di un giovane adulto, come il significato e l'effetto di Internet con la sua facilità di accesso a causa di una significativa diminuzione del costo di utilizzo dei dati.

Oggi, ha detto, almeno il 55% dei giovani adulti utilizza tecnologie come Facebook, Pinterest, Twitter e YouTube per facilitare l'autoespressione, comunicando in tal modo in modo unidimensionale con la mancanza di comunicazione non verbale. L'interazione risultante può aiutare i giovani adulti a sentirsi meno ansiosi dal momento che non devono guardarsi negli occhi, ma può servire a isolare e provocare sentimenti di disperazione e solitudine. La comunicazione reale faccia a faccia è molto più complessa, spontanea e intuitiva.

Molti giovani oggi preferiscono essere osservatori piuttosto che partecipanti, ha detto. Non sono pienamente presenti nel momento usando come esempio quelli che sembrano più entusiasti di registrare eventi piuttosto che essere presenti e sperimentare la complessità della realtà. Osservare piuttosto che partecipare può comportare una mancanza di connessione alla loro parte complessa, intuitiva e sentimentale, isolandoli dal loro sé creativo risultando in difficoltà con l'efficacia interpersonale. Molti giovani adulti sono consapevoli di alcune delle conseguenze di questo allontanamento dal sé creativo, ha detto, come l'incapacità di avere relazioni intime e appaganti, e vedere la loro cultura come una che promuove il narcisismo e dimostra meno empatia.

Il dott. Verhaagen ha affermato che il 72% dei giovani si sente "meno autentico" con la continua necessità di cercare una connessione esterna (il 90% di loro controlla i propri telefoni cellulari ogni ora, ha affermato). Questo processo di ricerca costante della convalida può portare a un senso di "vaghezza" interna, rendendo più difficile identificare qualsiasi vero interesse o passione a causa delle paure di separazione e dell'esperienza insufficiente nello sviluppo di una resilienza alle realtà della vita. Il risultato finale è un giovane adulto spaventato dal processo di autosufficienza che, come la vita stessa, sanno che richiede anni di perseveranza senza garanzie.

Inoltre, sembra che i giovani adulti possano avere una paura inconscia di un'intimità complessa che richiede la sensazione di essere emotivamente presenti e vulnerabili. Questo livello di fiducia di base è essenziale per creare un fondamento di relazioni reciprocamente rispettose, amorevoli e di convalida e per avere un contatto con il vero sé creativo e la fonte del vero centramento.

Reality tv

Il Dr. Verhaagen ha parlato della creazione e dell'enorme successo degli spettacoli televisivi di realtà disponibili per questa generazione e ha spiegato come si rapporta alla loro cultura. Nel 2000, ad esempio, c'erano solo 4 reality show in onda; nel 2013, questo numero è salito a ben 320! Molti giovani adulti si sentono esclusi da questa realtà digitale esagerata e / o idealizzata, che manca della complessità della vita esperienziale vissuta in questo momento. Reality TV mostra con i suoi media digitali le percezioni della realtà che creano un inconsapevole sfocamento dei confini tra fantasia e realtà. La realtà della cultura televisiva sembra supportare relazioni che si auto-promuovono piuttosto che "altre" centrate.

Trauma in the World and Media

Per molti giovani oggi, i tempi e la cultura sembrano rafforzare la percezione che sia un mondo molto spaventoso. Il dottor Verhaagen ha elencato alcuni degli eventi traumatici vissuti da questa generazione di giovani adulti quando erano bambini:

8-10 anni – Guerra irachena, numerose altre guerre, uccisioni, violenze
9 anni – Attentati di terrore del 9/11
13 anni – l'uragano Katrina
16 anni – Il forte declino del mercato azionario
20 anni e oltre – Sandy Hook, sparatorie di Ferguson e San Bernardino e altro ancora.

Le tragedie sono più vicine a casa, oggi, una parte reale delle esperienze quotidiane di ogni giovane adulto, ha detto.

La Percezione e l'esperienza OPI

Mentre mia moglie e io guidavamo per la città di San Bernardino, in California, due giorni fa, mi sono reso conto che il vero problema è quanto abilmente sviluppiamo la capacità di far fronte a questo mondo di maggiori incertezze. Diventiamo più rigidi e isolati? Oppure impariamo a reagire in modo più abile, essendo presenti e sapendo quando avanzare, quando restare e quando ritirarsi.

Penso che sia importante per i giovani adulti oggi prendere coscienza di tutti gli elementi della nostra cultura e, senza giudizio, vedere i suoi beni e deficit per iniziare il processo di creazione di opportunità di crescita che sono gli obiettivi di sviluppo di base per tutti i giovani adulti e le loro famiglie.

Possono vedersi fare la norma e i genitori potrebbero vederli come se non facessero nulla ed entrambi potrebbero avere ragione! Dobbiamo creare un terreno comune per la comprensione. Questo è possibile quando apprezziamo gli altri con meno giudizio e più sensibilità allo stress che le nostre percezioni causano a tutte le parti.

Credo che ci sia una crescente consapevolezza in questa generazione che il successo non può essere misurato esclusivamente in termini monetari. Questa è una risposta creativa e positiva alla realtà che i giovani adulti stanno affrontando, con la speranza che possano sviluppare e dimostrare una maggiore libertà da quell'attaccamento al successo in termini di dollari.

Questa convinzione è molto apprezzata dai programmi OPI / Roanne, attraverso i nostri approcci esperienziali e di sviluppo verso la trasformazione e la crescita. Aiutiamo i nostri giovani partecipanti adulti a trovare la passione, esprimerla gioiosamente e condividerla, infrangendo i livelli di giudizio interno ed esterno che isolano i nostri giovani dai loro Sé Creativi, o, quella parte di sé che permette loro di creare e sperimentare più gioiosi e attaccamenti sicuri con gli altri e il mondo.

Optimum Performance Institute
Fonte: Optimum Performance Institute

Robert Fischer, MD
Co-fondatore / direttore esecutivo
Programma Optimum Performance Institute / Roanne
Assistente Professore Clinico di Psichiatria, UCLA, Scuola di Medicina
Dipartimento di Psychoneuroimmunology, Mindful Awareness Research Centre

www.opiliving.com | www.roanneprogram.com
888-814-5985

Solutions Collecting From Web of ""Understanding Young Adults Who Get Stuck" di Verhaagen"