Underrecognition of PTSD II: i clinici sono presi in considerazione

Sfortunatamente, puoi essere sicuro che il tuo terapeuta è mal addestrato.

Michael Scheeringa

Fonte: Michael Scheeringa

Jude era un maschio di 53 anni il cui disturbo da stress post-traumatico (PTSD) era stato erroneamente diagnosticato per oltre 40 anni. Venne nella nostra clinica all’Università di Tulane per la depressione e l’ansia. Si sentiva più stanco, chiuso, inutile e solo. Durante la nostra valutazione dell’assunzione, il nostro medico ha chiesto informazioni su possibili eventi traumatici come fa sempre nelle nuove assunzioni e ha seguito questo con domande sui sintomi di PTSD. Ha immediatamente riconosciuto di avere PTSD sin dall’infanzia in seguito ad abusi sessuali e alla violenza domestica. Jude aveva visto più terapeuti nel corso degli anni, a partire dall’infanzia, ma ha riferito di non essere mai stato diagnosticato o trattato per PTSD. Avevamo riconosciuto il suo PTSD in circa 60 minuti. Perché il PTSD di Jude è apparentemente mancato per oltre 40 anni?

Questo è il secondo di una serie in tre parti che spiega perché la diagnosi di PTSD è mancata in circa il 90% dei pazienti e cosa si può fare al riguardo. Nella parte I, ho descritto sette ragioni per cui la diagnosi è mancata così frequentemente.

Capire la ragione # 7 – il problema del “quadro di riferimento” – può aiutarti a diagnosticare in modo accurato, sia che tu sia un paziente o un medico. Il problema del quadro di riferimento è dove il paziente ha una condizione, vale a dire il DPTS, e gli individui che conducono le valutazioni non hanno mai sperimentato il DPTS da soli. Se le persone che conducono le valutazioni non hanno mai sperimentato personalmente il DPTS, non capiscono come chiedere i giusti tipi di domande.

“Non guidare il testimone” La formazione è il modo sbagliato di formare i medici

Psichiatri, psicologi e altri consulenti professionisti vengono insegnati nelle scuole di specializzazione per non “guidare il testimone” quando intervistano i pazienti. A questi giovani medici viene insegnato che se non forniscono suggerimenti ai pazienti su come i pazienti dovrebbero rispondere alle domande, questo sarà un percorso più veritiero per le diagnosi, impedirà ai medici di saltare alle diagnosi sbagliate, manterrà i medici mancanti di malattie rare o creerà un paziente più paziente atmosfera cementata Inoltre, l’approccio del non-piombo-testimone si sente a proprio agio per i medici se sospettano che i pazienti stiano cercando pillole che non hanno bisogno o che si qualificano per un controllo di invalidità da parte del governo.

Ecco un esempio del modo sbagliato di condurre una valutazione, e probabilmente spiega cosa è successo a Jude. In questo esempio, il clinico voleva sapere se il paziente ha il sintomo PTSD di disagio psicologico per ricordare i passati eventi traumatici. Il medico ha posto la domanda: “Ti arrabbi se esposto ai promemoria dell’evento? “Semplice e diretto, vero? Sbagliato.

Poiché la maggior parte dei pazienti con PTSD tenta attivamente di evitare di ricordare i ricordi dei loro eventi traumatici, la risposta a questa domanda è sepolta sotto alcuni strati di evitamento. Può richiedere ai pazienti diversi secondi per superare gli strati di evitamento nella loro mente a quei ricordi che hanno cercato di dimenticare. Anche se riescono a passare attraverso gli strati di quei ricordi, i pazienti spesso scelgono di stare zitti su di loro per la vergogna o l’ansia. Quando i clinici non hanno un quadro di riferimento su come sia PTSD, è probabile che sparino con impazienza alla prossima domanda.

La strada giusta: interviste educative

Il quadro del problema di riferimento può essere superato con un buon allenamento. Ecco il modo giusto per condurre una valutazione. Dopo aver chiesto al paziente la domanda generica, seguirla immediatamente con un esempio specifico per le esperienze traumatiche di ciascun paziente. Nell’esempio seguente, il clinico voleva sapere se il paziente ha lo stesso sintomo PTSD del precedente esempio: disagio psicologico per ricordare eventi passati di trauma. Questa volta una madre viene intervistata sulla sua giovane figlia che è stata intrappolata nella loro casa dall’alluvione durante l’uragano Katrina.

Consigliere: molte cose o posti le ricordano il trauma e questi ricordi la fanno arrabbiare?

Mamma: (fa una pausa per pensare per cinque secondi) No.

Se il consulente si fosse fermato lì, come avrebbe fatto la maggior parte dei medici, la risposta sarebbe stata registrata nella cartella clinica del paziente come n. Questo medico tuttavia ha pensato ad esempi basati sull’esperienza unica di questo bambino e ha “guidato il testimone” con la tecnica dell’intervista educativa.

Consigliere: Quindi se attraversa un quartiere danneggiato o vede delle foto di una casa allagata, le ricorda di aver visto la sua casa distrutta?

Mom: Sì, questo è un buon esempio. Non pensavo così. Sì, perché ho fatto delle foto alla casa e quando vede quelle foto è una specie di promemoria.

Consigliere: la fa arrabbiare?

Mamma: conosci i bambini È arrabbiata per un po ‘e poi dopo circa 5 o 10 minuti è tornata a fare quello che stava facendo.

Consigliere: pensi che sia più arrabbiata del bambino medio di quell’età?

Mamma: si

Consigliere: OK, puoi darmi un esempio?

Mom: Ha appena visto qualche foto che ho avuto e mi ha chiesto, “E ‘quella la nostra casa?” Lei è semplicemente fuori di testa.

Consigliere: OK, quando lo fa, è un po ‘strana, che aspetto ha?

Mom: Semplicemente arrabbiata. Non buttare il cibo, ma lei dovrà parlarne, quello che l’acqua ha fatto a casa nostra, ed è tutto incasinato.

L’angoscia psicologica ai ricordi non è l’unico sintomo difficile. Altri sintomi che possono essere fonte di confusione sono l’evitamento di richiami, dissociazioni, ipervigilanza (spesso confusa con esagerata risposta di startle) e incubi (spesso confusi con i terrori notturni).

È un peccato che coloro che sono più interessati ad aiutare i pazienti siano troppo poco addestrati per aiutarli realmente. Se fosse divertente, sarebbe un’ironia.

La buona notizia è che non deve essere così. È abbastanza possibile diagnosticare PTSD con precisione il 100% delle volte. Penso che puoi persino diagnosticare te stesso o i tuoi cari con un questionario autosomministrato la maggior parte del tempo senza l’aiuto dei medici.

(Il dottor Scheeringa firmerà il suo nuovo libro, They’ll Never Be the Same, il 27 aprile 2018 all’American Counseling Association meeting annuale ad Atlanta. Per favore, fermati al tavolo dell’editore di Central Recovery Press.)

Solutions Collecting From Web of "Underrecognition of PTSD II: i clinici sono presi in considerazione"