Un'alternativa incredibile alla consapevolezza di cui non hai mai sentito parlare

Dingzeyu Li
Fonte: Dingzeyu Li

Continuiamo a vedere più studi che dimostrano come la meditazione della consapevolezza possa cambiare il cervello, farci sentire meglio e in generale migliorare le nostre vite. È fantastico. Ma cosa succede se non funziona per te? Forse le pratiche che dovevano portarti in un posto tranquillo ti facevano sentire ansioso o irritabile.

La tua pelle striscia, hai le formiche nei pantaloni e oscilla tra attacchi d'ansia e rabbia. Non esattamente Zen.

Forse la tua reazione è stata quella di iniziare a concentrarti sulla tua lista di cose da fare e preoccuparti che invece di fare le cose, stavi seduto lì senza fare niente. Alla fine sei diventato frustrato, hai smesso e hai comprato un altro latte.

I tuoi amici meditatori sembrano o potrebbero sorridere attraverso una tempesta di sabbia o sono così nevroticamente consapevoli che ti fanno impazzire con i loro atteggiamenti "consapevoli" e le relazioni "consce". Nel frattempo, sei così stressato che non puoi sederti e osservare i tuoi pensieri. O etichettali. O "tenerli con consapevolezza non giudicante".

La buona notizia è che non devi fare meditazione di consapevolezza. Ci sono altri modi per raggiungere la pace interiore.

C'è stata così tanta attenzione sulla consapevolezza e sulla meditazione che abbiamo iniziato ad equiparare i due.

Una ragione per cui gli scienziati sono così interessati alla meditazione di consapevolezza è che si tratta di un esercizio cognitivo. Gli scienziati amano gli esercizi cognitivi.

Ecco cosa intendo: devi osservare i tuoi pensieri (gli scienziati adorano osservare) ed etichettarli (gli scienziati adorano mettere etichette sulle cose), in modo non giudicante (non è oggettività l'epitome della buona scienza !?). La meditazione consapevole è la pratica spirituale più scientifica di sempre.

Ma non siamo tutti scienziati e ciò che funziona per loro non funzionerà necessariamente per tutti. Se la meditazione della consapevolezza non ha funzionato per te, non picchiarti. Non c'è fine a strategie di meditazione efficaci per calmare la mente.

Ho lavorato con discutibilmente alcuni degli individui più stressati nella nostra società, come i veterani che tornano dalla guerra in Iraq e in Afghanistan. Il loro trauma è pesante, hanno insonnia, ansia, depressione e alcuni addirittura vivono nei loro scantinati.

Sedersi con gli occhi chiusi e non fare nulla non è qualcosa di cui queste persone si entusiasmano veramente. In realtà, potrebbe essere ansiogeno.

Marcos Moraes/Unsplash
Fonte: Marcos Moraes / Unsplash

Ciò che tende a funzionare per le persone che sono state sotto incredibili quantità o stress è incredibilmente semplice: la respirazione. Ho tenuto un discorso TEDx su questo argomento che ha portato le persone a chiedermi come possono imparare di più.

Esercizi di respirazione basati sullo yoga possono aiutare quelli di noi che non possono essere inattivi perché è una meditazione attiva.

Richiede che tu faccia qualcosa, invece di cercare di non fare qualcosa. Porta anche a risultati immediati. (Respirazione può rallentare la frequenza cardiaca in pochi minuti, al contrario della meditazione di consapevolezza, che richiede ripetizioni nel tempo). Nel nostro studio, i punteggi PTSD dei veterani sono normalizzati entro una settimana dalla pratica della respirazione yogica ei benefici rimangono fino a 1 anno dopo, il che suggerisce un miglioramento permanente. (Il tipo di respiro che abbiamo studiato è chiamato Sudarshan Kriya che viene insegnato attraverso l'Associazione Internazionale per i Valori Umani e la Fondazione Art of Living)

Quindi, dovremmo tutti fare questi esercizi di respirazione?

Può essere. Ancora più importante, il mio messaggio per te è quello di esplorare le tue opzioni. Se la consapevolezza non è per te, ciò non significa che la meditazione non lo è. Ci sono così tante forme di meditazione. Dalle pratiche di respirazione come quella che abbiamo studiato alle meditazioni basate sul mantra alle meditazioni di amorevole gentilezza e compassione. Devi solo trovare la scarpa che si adatta.

Punta di respirazione:

Il respiro può aiutarti a colpire il tuo sistema nervoso parasimpatico: questa è la parte del tuo sistema nervoso "riposo e digestione", l'opposto del "combattimento o fuga". Quando respiri lentamente e profondamente, inizi a calmarti.

In effetti, la ricerca mostra che quando inspiri, la tua frequenza cardiaca aumenta e quando espiri rallenta. Quindi, un modo rapido per rilassarsi è allungare le espirazioni. Non importa dove ti trovi, durante il tuo tragitto giornaliero, una data o un colloquio, solo attingere al potere del tuo respiro attiverà la tua risposta di rilassamento.

Potresti anche scoprire che, dopo aver calmato il tuo sistema nervoso con la respirazione, sei effettivamente in grado di sederti e fare niente più facilmente.

HarperOne
Fonte: HarperOne

Guarda i miei 12 minuti. TEDx parla di come la respirazione ha salvato la vita di un veterano.

Per ulteriori informazioni sul legame tra respirazione, felicità e resilienza, consulta la sezione La felicità: come applicare la scienza della felicità per accelerare il tuo successo.

Una versione di questo articolo apparve originariamente su MindBodyGreen

Solutions Collecting From Web of "Un'alternativa incredibile alla consapevolezza di cui non hai mai sentito parlare"