Una vita senza paura?

Questa è la premessa di un volantino proveniente da una chiesa di Birmingham consegnata tramite posta di massa. In termini di marketing, la chiesa sta vendendo la loro soluzione al problema della paura. La ricetta non è specifica per questa chiesa. Ogni religione organizzata offre una coperta di sicurezza che riduce la paura (1).

Il volantino recita:

Stanno parlando di licenziamenti al lavoro, rallentamenti nell'economia, riaccensioni in Medio Oriente, flessioni nel mercato immobiliare, ripresa del riscaldamento globale. La paura, a quanto pare, ha preso in affitto la porta accanto e ha aperto il negozio. Ma se la fede, non la paura, fosse la tua reazione di default alle difficoltà della vita. Immagina un giorno in cui potresti fidarti di più e temere di meno. Alla chiesa di Crestline, possiamo.

È illustrato da un bambino che salta dalla parte profonda di un molo.

Quindi la religione organizzata offre una vita senza paura. La domanda chiave non è se mantiene questa promessa, ma come.

Come ridurre la paura

Oltre a prendere farmaci per ridurre l'ansia, ci sono due approcci molto diversi al problema della paura. La paura può essere ridotta risolvendo i problemi e riducendo al minimo una minaccia oggettiva. O la paura può essere ridotta affrontando l'emozione stessa. Gli psicologi si riferiscono a questi metodi come coping incentrato sui problemi e sulle emozioni, rispettivamente.

Nessun premio per indovinare quale approccio è pubblicizzato nel volantino. Crestline Church non sta per affrontare il riscaldamento globale, fare la pace in Medio Oriente, fornire lavoro ai disoccupati, o anche aiutare a ribaltare il mercato immobiliare. Invece di affrontare questi problemi, la chiesa cambierà il modo in cui li sentiamo. Offrirà un coping basato sull'emozione.

Funzionerà? Esistono buone prove del fatto che i rituali religiosi possono ridurre l'ansia (2). Quindi il mio post precedente sosteneva che la religione è effettivamente un downer in termini di effetti sul cervello. Ciò conferisce credibilità all'affermazione di Karl Marx secondo cui la religione è l'oppio del popolo (3). Per Marx, la religione era un reale impedimento al cambiamento rivoluzionario perché il proletariato poteva sentirsi meglio rispetto alla propria situazione senza fare nulla per migliorare le proprie circostanze oggettive.

Si potrebbe portare il pensiero ad un ulteriore passo e notare che le religioni organizzate non hanno alcun reale incentivo a risolvere problemi pratici. In effetti c'è un incentivo perverso perché le condizioni peggiori sono, più supportano i permessi religiosi (4).

La religione prospera sulla miseria

Oltre alle vendite di alcolici, la religione è una delle poche aziende che prospera in una recessione. Questo è vero perché la religione prospera sulla miseria, assumendo un approccio opportunistico a ciascuna delle molte fonti di sofferenza che possono affliggerci. Che si tratti di disastri naturali, malattie devastanti, paura della morte improvvisa, paura di un fallimento professionale o paura di restare soli, non c'è esperienza spiacevole che non possa migliorare la religione.

Vediamo questo fenomeno con chiarezza cristallina nel confrontare diversi paesi

Le persone che vivono nei paesi più poveri del mondo, come quelle dell'Africa subsahariana, sono quasi universalmente religiose. Livelli sostanziali di ateismo si trovano solo nei paesi più sviluppati del mondo, come il Giappone e i paesi dell'Europa occidentale.

Test statistici dimostrano che la religione diminuisce ovunque la qualità della vita migliora (5). In paesi più laici, la qualità della vita della gente comune è migliore di quanto non sia mai stata nella storia. Questo è vero se si guarda alla salute, al benessere economico, alla libertà politica e ai diritti umani, alla felicità o alla libertà dalla violenza e dalla criminalità. Al contrario, la religione è la più forte nei luoghi più miserabili della terra.

La religione prospera sulla miseria perché promette risposte per paura e ansia. Tuttavia, dovremmo riconoscere che la religione non fa nulla per risolvere i problemi sottostanti. Quando un terremoto colpisce, le tue possibilità sono molto meglio in California senza Dio di quanto lo siano in Dio temendo Haiti.

Costruendo su un codice antisismico, batte le preghiere sulle macerie della tua casa.

1. Barber, N. (2012, 2 luglio). Il concetto di coperta di sicurezza della religione. Post sul blog. Accesso a: http://www.psychologytoday.com/blog/the-human-beast/201207/the-security-…

2. Paul-Labrador, MD Polk, JH Dwyer, I. Velasquez, S. Nidich, S., M. Rainforth, et al. (2006). Effetti di uno studio controllato randomizzato di meditazione trascendentale su componenti della sindrome metabolica in soggetti con malattia coronarica. Archives of Internal Medicine, 166: 1218-1224.

3. Barber, N. (2012, 16 febbraio). La religione è solo un aspetto negativo? Post sul blog. Accesso a: http://www.psychologytoday.com/blog/the-human-beast/201202/is-religion-j…

4. Barber, N. (2012). Perché l'ateismo sostituirà la religione: il trionfo dei piaceri terreni sopra la torta nel cielo. E-book, disponibile su: http://www.amazon.com/Atheism-Will-Replace-Religion-ebook/dp/B00886ZSJ6/

5. Barber, N. (2010b, 18 maggio). Perché l'ateismo sostituirà la religione. Post sul blog. Accesso a: http://www.psychologytoday.com/blog/the-human-beast/201005/why-atheism-w…

Solutions Collecting From Web of "Una vita senza paura?"