Una vita migliore attraverso l'empatia

L'opposto dello stigma è la compassione

Un giorno, l'anno scorso, stavo entrando nel parcheggio della banca. Una donna stava facendo marcia indietro e guidò direttamente nella macchina dietro di lei, apparentemente inconsapevole della possibilità che un'altra macchina potesse esserci. Era strano Ero incredulo Cosa c'è di sbagliato in quella persona? Ho pensato. Mi avvicinai e dissi con tono deciso: "Stai per lasciare un biglietto, giusto?" Sentendo che era mio dovere assicurarmi che facesse la cosa giusta. Quando entrai in banca, menzionai al cassiere ciò che avevo appena visto. Il cassiere disse "Sì, la conosciamo, lei ha dei problemi di salute, lei era in precedenza e ha detto che non stava davvero facendo bene, che i suoi farmaci la stavano facendo sentire fuori. Non sembrava giusta, le abbiamo detto di andare a casa. "

Mi ha fermato nelle mie tracce.

Chi aveva il punto cieco più grande: la donna in macchina o me? La dolorosa ironia era che in effetti qualcosa stava andando storto per questa donna, ma reagendo a lei con il mio giudizio e la mia colpa, mi mancava completamente quello che era. Dove avrei potuto essere d'aiuto – forse, ad esempio, vedendo che non era in condizioni di guidare – non lo ero.

Di solito ci sono buone ragioni per le cose che accadono intorno a noi che non hanno senso. Ma assegnare immediatamente la colpa e la vergogna per quello che vediamo – la definizione di stigma – praticamente garantisce che non li troveremo mai. Non stiamo nemmeno guardando. Pensiamo che lo sappiamo già: è colpa dell'altra persona. In nessun luogo questo è più evidente che con problemi di salute mentale. La donna in banca aveva una condizione fisica di cui era disposta a parlare. Se avesse avuto depressione o ansia, sarebbe stata in grado di spiegare? Gli altri avrebbero accettato la sua spiegazione come legittima?

Il famoso Abraham Lincoln disse: "Non mi piace quell'uomo. Devo conoscerlo meglio. "Questo è il modo in cui rimuoviamo lo stigma. Quando giudichiamo qualcuno, ciò che rifiutiamo o non ci piace ha più a che fare con le nostre idee su di loro – proiettate su di loro da una distanza generata da paura irrazionale o disinformazione – rispetto a chi sono in realtà.

Attraverso la comprensione, superando i nostri giudizi improvvisi, le paure o la disapprovazione e ampliando la nostra visione oltre l'esame della nostra prima reazione, rimuoviamo gli ostacoli che lo stigma crea.

Perché quella persona è così irritabile, così triste tutto il tempo? Perché sono sempre in ritardo, perché lavorano così lentamente, perché non guidano su un'autostrada, perché sono così lunatici e imprevedibili, perché si annullano sempre all'ultimo minuto? Condizioni psichiatriche come il disturbo ossessivo-compulsivo, la depressione, l'ansia e il disturbo di panico possono devastare le vite. I sofferenti sono oppressi non solo dai loro sintomi preoccupanti, ma anche dal compito di doverli nascondere in modo assiduo per paura di essere giudicati deboli, danneggiati o auto-indulgenti. Andando da solo spesso si traduce in mai ricevere un trattamento. Il risultato non è buono ea volte è persino tragico. Il trattamento cambia la vita – per chi soffre, i suoi cari, i colleghi, la comunità – e alla fine ne beneficiamo tutti.

Il 9 ottobre, il gruppo di base per la salute mentale del college, Active Minds (www.activeminds.org), dedicato a "cambiare la conversazione sulla salute mentale", sta entrando nel vivo della questione chiedendo un giorno nazionale senza stigma . L'obiettivo del National Day Without Stigma, secondo Active Minds, è quello di "eliminare la vergogna e la discriminazione che circondano i disturbi della salute mentale creando comunità di comprensione, supporto e ricerca di aiuto".
Chi ha bisogno di aiuto?

Termina lo stigma

Secondo l'Istituto nazionale di salute mentale (NIMH):

"Si stima che il 26,2% degli americani di età compresa tra i 18 e gli anni – circa un adulto su quattro – soffra di un disturbo mentale diagnosticabile in un dato anno. Se applicato alla stima della popolazione residenziale del censimento del 2004 negli anni 18 e oltre, questa cifra si traduce in 57,7 milioni di persone ".

Ma chi trarrà beneficio dall'eliminazione dello stigma?

Lo faremo tutti.

Cambiare la conversazione sulla salute mentale significa fare attenzione alla salute mentale come un dato di fatto come andare a farsi curare per l'asma o una gamba rotta. Che senso ha. Ma anche quelli di noi che attualmente non soffrono di problemi di salute mentale stanno per guadagnare.

Cosa crea lo stigma? Distanza e distanza è una strada a doppio senso.

Come parte del nostro primitivo equipaggiamento di sopravvivenza, siamo pronti a vedere ciò che è diverso come qualcosa di sbagliato, come una minaccia dalla quale dobbiamo proteggere o difenderci – qualcosa da cui dobbiamo creare una distanza. Ma com'è fuori whack il nostro sensore? In che modo una persona diversa è in realtà una minaccia per noi? Quanto più possiamo leggere con precisione chi è amico e chi è nemico, tanto meglio saremo tutti. La più grande minaccia per noi non è il comportamento di qualcun altro che non capiamo; la più grande minaccia sta chiudendo la nostra compassione. Ecco alcune idee per continuare.

Cambia la tua intenzione: dal giudizio alla comprensione

Quando chiediamo "Perché quella persona sta facendo questo?", La nostra intenzione è quella di assegnare la colpa per ciò che crediamo che la persona non dovrebbe fare. Entra come studente, sapendo che non conosci le risposte, ma ti piacerebbe scoprirlo.

Raccogli dati precisi: vai all'osservazione neutra

Come arriviamo alla compassione quando partiamo da un punto critico o di giudizio? Attraverso il processo di osservazione non giudicante. Segnalando semplicemente in modo neutrale ciò che state vedendo, senza scrutinio o critica, la nostra comprensione della situazione cambia e ha senso.

Zoom indietro: guarda il contesto

Piuttosto che saltare a conclusioni basate su comportamenti isolati, fai attenzione ai dettagli per considerare le ragioni / i fattori per cui una persona sta facendo ciò che fa. Sfida te stesso a guardare il contesto più ampio.

Mostra le cuciture: fai spazio all'onestà

"Come stai?"

“Bene.”

Quante volte abbiamo risposto in questo modo quando siamo tutt'altro che bene? Non abbiamo bisogno di lanciare in una sessione di terapia in risposta alla domanda "come stai?", Ma cosa succede se abbiamo reso spazio giorno per giorno a rivelare le cuciture non così perfette nelle nostre vite? Stanza per gli spigoli, per il "non è il mio giorno migliore" o anche per il "veramente terribile, al momento". Notate come vi sentite meglio, non peggio, quando lasciate uscire la verità. Prendendo la pressione dalla necessità di fingere, creiamo una cultura della sicurezza, e tutti funzioniamo meglio in quello spazio.

Facciamo tutti la differenza. Se tu stesso non sei al momento uno degli oltre il 26 percento della popolazione che soffre di un disturbo psichiatrico, certamente qualcuno a cui tieni è.

Impegniamoci a superare lo stigma; lavorando insieme, possiamo farlo accadere. Noi siamo gli amministratori non solo della nostra salute mentale e del nostro benessere – siamo amministratori l'uno dell'altra. È il grande sforzo di pulizia della comunità; per favore, unisciti.

Partecipa alla conversazione su www.activeminds.org.

© Tamar Chansky, Ph.D., 2012. Precedentemente pubblicato su Huffington Post

Solutions Collecting From Web of "Una vita migliore attraverso l'empatia"