Una vera storia di vivere con il disturbo ossessivo-compulsivo

Contributo di Tiffany Dawn Hasse in collaborazione con Kristen Fuller, MD

Le ragioni sottostanti per cui devo ripetere ripetutamente le cose, battere le palpebre in un certo modo, contare su un numero dispari, controllare dietro la mia tenda della doccia per assicurarmi che nessuno si nasconda per complottare il mio rapimento, assicurarsi che i cavi del computer non siano ratti, ecc., non mi sarà mai chiaro. È il risultato di una scarsa reazione all'anestesiologia che è stata somministrata durante l'estrazione dei denti del giudizio? Questi pensieri e compulsioni aggravanti sono iniziati immediatamente dopo la procedura. O è collegato al PANDAS (Disturbo neuropsichiatrico autoimmune pediatrico associato a infezione da streptococco) che è una teoria proposta che connota una strana relazione tra l'infezione streptococcica beta-emolitica di gruppo A con sintomi di disturbo ossessivo-compulsivo nei gangli della base in rapido sviluppo? È semplicemente un sottoprodotto ereditario del mio corredo genetico associato alla mia personalità nervosa? O è una tattica di difesa che ho sviluppato attraverso una madre eccessivamente preoccupata?

Le conseguenze associate al mio OCD

Crescendo con un disturbo lieve, in realtà assopito, ossessivo-compulsivo, non avrei mai proposto domande così bizzarre fino al 2002, quando un esacerbato esordio notturno di grave OCD mi paralizzò mentalmente. Avevo appena rimosso i miei denti del giudizio e sono stato immediatamente bombardato da pensieri indesiderati incessanti e intrusivi, che vanno dalla paura di essere gay a mettere in discussione se stavo davvero vedendo il cielo blu. Sono sicuro che pensieri simili mi erano già passati per la testa; tuttavia, devono essere stati filtrati fuori dalla mia coscienza, poiché non avevo mai avuto idee così invalidanti nel mio pensiero. Durante l'estate del 2002, nessun pensiero fu lasciato non filtrato dalla mia coscienza. I pensieri che non contavano e non avevano alcun significato erano debilitanti; mi hanno impedito di svolgere i compiti più semplici e più banali. Legare la mia scarpa solo per scioglierlo ripetutamente, essere continuamente in ritardo per lavoro e scuola, passare lunghe ore in un bagno impegnandosi in rituali compulsivi come toccare oggetti inanimati senza soluzione di continuità e infine ritirarsi dal college, eventualmente abbandonare completamente una volta ma due volte, sono state solo alcune delle conseguenze che ho subito.

Cerco aiuto

Dopo aver visto uno specialista medico per OCD, avevo provato un cocktail misto di farmaci in un arco di 10 anni, tra cui escitalopram (Lexapro), fluoxetina (Prozac), risperidone (Risperdal), aripiprazolo (Abilify), sertralina (Zoloft), clomipramina (Anafranil), lamotrigina (Lamictal) e, infine, dopo una recente diagnosi di disturbo bipolare II, lurasidone (Latuda). L'unico farmaco che ha frenato a distanza i miei pensieri intrusivi e le compulsioni ripetitive è lurasidone, che mi dà circa il 60-70% di sollievo dai miei sintomi.

Molti psicologi e psichiatri sostengono che una combinazione di terapia cognitivo comportamentale (CBT) e gestione farmacologica potrebbe essere l'unico approccio terapeutico di successo per un individuo afflitto da DOC. Se un individuo è abbastanza coraggioso da sottoporsi a terapia di prevenzione dell'esposizione e della risposta (ERP), un tipo di CBT che è stato dimostrato per alleviare i sintomi di disturbo ossessivo compulsivo e ansia attraverso desensibilizzazione e assuefazione, allora il mio cappello è fuori per loro; tuttavia, potrei avere una prospettiva alternativa. Non è una prospettiva che è stata studiata o provata negli studi clinici – solo un meccanismo di coping che ho imparato in anni di sofferenza e infinite ore di terapia che mi ha permesso di vedere la luce alla fine del tunnel.

Nella mia esperienza con la terapia cognitivo comportamentale, può essere semi-utile decostruendo o riorganizzando cognitivamente l'importanza dei pensieri ossessivi in ​​un ordine gerarchico; tuttavia, continuo a incontrare molti problemi con questo tipo di tecnica, soprattutto perché ogni singolo disturbo ossessivo compulsivo che rimane bloccato nella mia mente, grande o piccola, tende a mantenere una grande importanza. I pensieri associati alla gravidanza, vedere soffrire la mia famiglia, o vivere con i topi sono profondamente radicati in me, e semplicemente decostruirli verso inneschi impliciti senza senso non è stato un approccio di successo per me.

Nella maggior parte dei casi di grave DOC, credo che la gestione farmacologica sia un must. Un malfunzionamento neurologico della transizione da ingranaggio a marcia, o combattimento-o-volo, è sicuramente fuori combattimento e spesso falsamente sparato, e quindi, i farmaci funzionano per aiutare a bilanciare questo cattivo funzionamento di alcuni neurotrasmettitori.

La terapia di prevenzione dell'esposizione e della risposta (ERP) è un approccio aggressivo e abrasivo che non ha funzionato per me, sebbene possa essere utile per le anime militanti che cercano una struttura diretta. Quando mi sono iscritto al programma di trattamento del DOC presso l'UCLA, ho avuto un'intensa paura di ingrassare, al punto che ho pensato che il mio corpo potesse trasformarsi in qualcosa di sgradevole. Ricordo di essere stato incoraggiato a versare letteralmente il cioccolato sulle cosce quando si è verificata la paura ripetitiva che il cioccolato, se toccava la mia pelle, potesse filtrare attraverso gli strati epidermici, e rendere così le mie cosce più grandi. Mentre ho coraggiosamente raccolto il coraggio di passare attraverso questa tecnica ERP raccomandata dal mio specialista, i pensieri intrusivi e i comportamenti compulsivi associati al mio disturbo ossessivo-compulsivo sono ancora e spesso astenuti da queste tecniche. Sì, l'idea di provocare inizialmente la mia ansia nella speranza di abituare e desensibilizzare i suoi trigger suona in teoria, e anche in senso tecnico-scientifico; ma come un umano con emozioni e sentimenti reali, trovo questa terapia aggressiva e viola il mio livello di comfort.

Fonte: Kristen Fuller

Come ho conquistato il mio OCD

Quindi, cosa fa una persona incapacitata con DOC? Se, come persona con grave disturbo ossessivo compulsivo, avessi davvero una risposta, probabilmente lascerei la mia casa più spesso, correrei un rischio ogni tanto, e vivrò liberamente senza temere le banali sfumature associate ai luoghi pubblici. È stata la mia esperienza con OCD a prendere tutto un secondo alla volta e rimanere grato per quei buoni secondi. Se dovessi prendere OCD un giorno alla volta, beh, troppe milioni di battaglie interne andrebbero perse in questo periodo di 24 ore. Ho imparato a vivere con il mio DOC attraverso la scrittura e l'esibizione come artista di parole. Mi sono preso il tempo di esplorare il mio dolore e trasmutarlo in una forma d'arte che mi ha permesso di esplorare il tema del dolore come argomento interessante e utile. Sono l'ultima persona a tentare di comunicare a qualsiasi individuo con OCD quale sia l'approccio terapeutico migliore per loro, ma incoraggerò ognuno ad esplorare il proprio dolore, e credo che la gestibilità possa venire in molte forme, dalle tecniche classiche alle forme d'arte intricate, affinché inizi la guarigione.

Tiffany Dawn Hasse è un poeta delle prestazioni, un oratore di TED talk e un individuo che vive con successo con OCD che si sforza di condividere il suo disordine attraverso la sua arte di parole scritte e parlate.

Kristen Fuller MD è uno scrittore clinico per Center For Discovery.

Immagine di Facebook: pathdoc / Shutterstock

Solutions Collecting From Web of "Una vera storia di vivere con il disturbo ossessivo-compulsivo"