Una tabella di marcia per aiutare un dipendente affetto da dipendenza Entra nel trattamento

Il dott. Michael Ascher ha invitato il dott. Jeff Foote e la dottoressa Elana Rosof a co-firmare questo pezzo con lui.

UnSplash
Fonte: UnSplash

È un'esperienza intensamente emotiva guardare un membro della famiglia in preda alla dipendenza. È allo stesso tempo confusionario, esasperante, triste e spaventoso. Vedete il vostro amato recitare in modi non familiari, segreti e insicuri. Ti chiedi perché non riescono a vedere quanto stanno facendo del male a se stessi e a tutti quelli che li circondano. La verità è che lo vedono. E di solito si sentono male, ma questo non significa automaticamente che possano smettere di usarlo. Qualunque sia la sostanza, sono nella sua presa.

Come medici della salute mentale, trascorriamo molto tempo a lavorare con i familiari nel loro viaggio per aiutare il paziente identificato (IP) a entrare in terapia. Vengono da noi dopo aver esaurito molti dei loro meccanismi di coping e risorse per influenzare l'IP nella direzione del cambiamento. A questo punto, implorare, minacciare, discutere, confrontarsi ed evitare sono stati tutti giudicati con scarso successo. Sentendosi soli, stigmatizzati e devastati, alle famiglie rimangono molte domande. "Come ha potuto la mia amata essere così?" "Che cosa avrei potuto fare in modo diverso?" "Perché lui / lei continua a ferire se stesso e noi così imprudentemente?" "Sono un attivatore?" "Dovrei solo tagliare la persona fuori o amministra il duro amore? "" Qual è il loro culmine? "

Mentre molte famiglie sono convinte che l'IP non vuole cambiare, segnaliamo regolarmente che potrebbero non sentirsi al momento in possesso delle competenze per farlo. Quando guardiamo alla motivazione per cambiare l'uso della sostanza, inizialmente guardiamo a due fattori: quanto è importante per la persona cambiare e quanto è sicura la persona che può apportare il cambiamento. Solo perché una persona può provare un certo grado di desiderio di cambiare, ciò non significa che sappiano come o che sentono di poter fare.

Ci sentiamo incredibilmente fortunati e privilegiati come medici a lavorare con queste famiglie stimolanti e resilienti perché gli individui e le famiglie possono e cambiano. Mentre i buoni risultati sono raggiungibili nel tempo, è imperativo per le famiglie e l'IP riconoscere che la gestione dei disturbi da uso di sostanze è un processo come qualsiasi altra condizione medica cronica (es. Diabete, ipertensione e obesità). Così spesso l'IP sperimenta tanta vergogna che ammettere di aver bisogno di aiuto sembra troppo demoralizzante. Credono di dover capire come annullare la dipendenza da soli. A volte possono. A volte hanno bisogno di aiuto.

Purtroppo, c'è un'abbondanza di disinformazione a disposizione del grande pubblico per quanto riguarda il trattamento dei disturbi da uso di sostanze. Gli spettacoli televisivi di realtà spesso ritraggono "interventi" drammatici e provocatori che pretendono di portare a cambiamenti radicali. Sfortunatamente, questi tipi di approcci raramente funzionano e possono servire a alienare e vergognare l'individuo, lasciandolo spesso con una bassa autostima, odio verso se stessi e disperazione. Inoltre, la riabilitazione ospedaliera non è sempre necessaria. Le terapie a 12 fasi hanno dominato la letteratura sul trattamento fino a poco tempo fa e mentre il dodicesimo passo è utile per alcuni, non è affatto l'unico approccio terapeutico. Esistono molte prove a supporto di approcci comportamentali, farmacologici e motivazionali per il trattamento della dipendenza. Questo può essere fatto su base ambulatoriale e, quando necessario, in una struttura residenziale. Invita la persona amata a far parte del processo di ricerca di un medico e di una filosofia di trattamento che più gli parla.

Mentre discuti del trattamento come un'opzione con la persona amata, spiega che l'aspettativa non è che devono smettere di usare il giorno in cui camminano nella porta. Il trattamento inizia come un'esplorazione nella comprensione delle ragioni per l'uso e in genere questo primo significa affrontare la depressione e l'ansia.

Entrare in empatia con il dilemma di ambivalenza che l'IP affronta. Ricorda alla persona amata che fare un appuntamento iniziale non deve significare che hanno deciso di smettere di usare. L'ambivalenza è davvero normale e il trattamento è un luogo in cui la persona amata può risolvere le proprie ragioni individuali sia per voler cambiare sia per non voler cambiare. Un clinico esperto aiuta l'IP a trovare ciò che ha valore per quella persona e lavora a fianco dell'IP per creare un percorso significativo in avanti.

Nei casi in cui il ritiro fisico è preoccupante, ci sono molti farmaci che aiutano. L'IP non deve soffrire e non devono passare da quella parte da soli. In realtà, entrare in terapia può essere un po 'di sollievo per le persone, specialmente se scoprono che il trattamento non riguarda il controllo. L'educazione sull'impatto di droghe e alcol sul cervello aiuta le persone a capire perché sentono molte delle cose che fanno.

Come la persona amata dell'IP, se puoi vedere come il tuo comportamento influenza l'ambivalenza in un modo o nell'altro, hai informazioni che possono essere estremamente utili. Ci saranno momenti in cui l'IP sembra più piacevole di altri. Dare loro spazio per esprimere i cambiamenti nella loro motivazione. Ascoltalo. Cerca di capire il loro punto di vista. Questo può essere un momento estremamente frustrante perché potresti aver sperato che fossero pronti a ricevere aiuto e poi a cambiare idea. Potresti aver persino preso l'appuntamento per loro. Questo avvio e arresto è normale e potrebbe anche avere a che fare con il punto in cui si trovano nella loro sostanza usando il ciclo. Anche quando sei all'apice del sentirti frustrato, fai attenzione a usare termini che portano lo stigma come "tossicodipendente", "facilitatore" e "co-dipendente". Stai lontano da minacce o accattonaggio. Stabilisci i tuoi limiti personali e capisci quando è importante per te andartene.

Impara a comunicare in modo non giudicante. Possiedi il tuo pezzo della lotta. Impegnati ad affrontare i tuoi problemi, magari anche a cercare il tuo trattamento, con l'IP. Impara a controllare il modo in cui invii un messaggio. Ci sono cose semplici da ricordare per una comunicazione efficace che include essere brevi e specifici, possedere un pezzo di colpa, affermare ciò che vorresti piuttosto che ciò che non ti piace ed essere empatico. I nostri pazienti ci hanno detto, dopo il fatto, che gran parte di ciò che i loro stavano dicendo loro cadde nel vuoto perché quando venivano avvicinati erano sbronzi o ubriachi o in ritirata. Quindi, ricorda di sincronizzare queste comunicazioni durante i periodi sobri.

E per te, quello che cerca di aiutare-la cura di sé è fondamentale per il tuo benessere. La tua vita deve essere più che solo dipendere dalla persona amata per migliorare. Prenditi del tempo per fare le cose che ti rafforzano. Cerca la consulenza esterna da un medico di fiducia. Imparare a comunicare in modi per influenzare potenzialmente positivamente la persona amata richiede tempo e pratica. Sii paziente e ricorda che questo è un processo.

Il dott. Foote è cofondatore e direttore del Centro per la motivazione e il cambiamento e coautore di "Oltre la dipendenza: come la scienza e la gentilezza aiutano le persone a cambiare" (New York: Scribner, 2014). Il Dr. Rosof è uno psicologo clinico di Filadelfia con una specializzazione nella dipendenza e una vasta formazione in approcci motivazionali.

Solutions Collecting From Web of "Una tabella di marcia per aiutare un dipendente affetto da dipendenza Entra nel trattamento"