Una strategia per affrontare le paure

Il modo migliore di affrontare qualsiasi paura, razionale o irrazionale, è affrontarlo. Penso che questa sia saggezza convenzionale. Ognuno ha l'esperienza di crescere e di avere paura di ogni sorta di cose: il mostro sotto il letto, in piedi in classe, lasciato a casa da solo, minacciato da un prepotente, e così via. Queste paure spariscono dopo un periodo in cui il giovane guarda sotto il letto, si alza di fronte alla classe ripetutamente, trascorre abbastanza tempo a casa da solo e sviluppa le capacità fisiche e l'esperienza per affrontare i bulli. È opportuno, tuttavia, che i giovani e gli adulti abbiano paura in determinate circostanze. In effetti, insegniamo ai nostri figli a temere gli intrusi, a cadere da un'altezza troppo alta, ad attraversare una strada contro la luce, e così via. Inoltre, a volte, inavvertitamente, insegniamo loro a temere in generale: di malattia, di estranei, di non mangiare abbastanza o di dormire abbastanza. Alcuni bambini crescono per essere adulti spaventati. Si dice che soffrano di un disturbo d'ansia. Riconoscono che le loro paure sono esagerate, ma queste paure persistono, a volte indefinitamente, perché non affrontano le loro paure. Per questo motivo, il trattamento essenziale delle fobie, per esempio, o il disturbo ossessivo-compulsivo, è quello di richiedere ai pazienti di esporsi alle cose che temono.

Non di rado, le persone ansiose hanno difficoltà a capire se le loro paure sono giustificate o meno. Ad ogni modo, devono affrontarli. Se si scopre che esiste un pericolo reale di qualche tipo, forse la possibilità di trovarsi in un incidente automobilistico, ad esempio, c'è l'opportunità di adottare misure che rendano il pericolo meno grave, magari indossando una cintura di sicurezza. Se il pericolo non è reale – per esempio, il pericolo infinitesimale di un incidente aereo – l'esposizione ripetuta renderà la persona spaventata senza paura – immancabilmente. Presto o tardi.

Vale la pena considerare due cose:

1. Per quanto possibile, la persona ansiosa dovrebbe cercare di determinare le possibilità di qualunque cosa teme che realmente stia accadendo. Nel caso di un cancro, ad esempio, potrebbe rivelarsi un minimo di uno su diecimila. La possibilità di morire in un incidente aereo è di circa uno su due milioni. La persona ansiosa non ha il diritto di pensare superstiziosamente che è destinato a essere quello. Le persone ansiose non sono più in pericolo dalla vita di chiunque altro.

2. Paradossalmente, anche se il pericolo è estremamente improbabile, incoraggio i pazienti a immaginare lo scenario peggiore. Solitamente non è il caso che l'individuo stia immaginando la morte stessa; ma piuttosto una catastrofe intermedia. Come il cancro, per esempio. Ma il cancro non è sempre la fine. C'è un "bene, allora …" che viene dopo "Cosa succede se …?" "E se ricevo il cancro?" "Beh, il cancro che stai immaginando può essere trattato." In tal modo, è possibile desensibilizzarsi da paure immaginarie.

"E se la mia macchina dovesse rompersi nel bel mezzo della notte?"

"Bene, allora, puoi chiamare la polizia per mandare qualcuno a sistemarlo."

"Ma cosa succede se non possono aggiustarlo?"

"Bene, allora, puoi chiamare qualcuno o prenderti."

"Ma, supponiamo che non possa raggiungere nessuno?"

"Bene, allora puoi chiamare un taxi."

E così via.

(c) Fredric Neuman 2012 Segui il blog del Dr. Neuman su fredricneumanmd.com/blog

Solutions Collecting From Web of "Una strategia per affrontare le paure"