Una storia su molto vecchio e molto giovane

Era un uomo alto e corpulento con uno stile di marcia elettrico: passi improvvisi, grandi, che rimbalzavano, una mescolata occasionale e una tendenza a sbandare da una parte all'altra. Usava il bastone di legno che portava per raddrizzarsi di tanto in tanto, ma, più spesso, per indicare punti di interesse, un uccello su un albero o un grande ciottolo sul terreno. Portava un berretto con il logo di una squadra di baseball fuori città e una giacca corta che diceva qualcosa di buono sui servizi di una società in movimento che arrivava ovunque negli Stati Uniti continentali. La giovane donna con lui camminava molto più correttamente, persino in modo primitivo. Era giovane, davvero; infatti, lei aveva sei anni. Era vestita molto bene con un maglione cardigan e una gonna a palloncino. Un piccolo cappellino ornato da due fiori era attaccato ai suoi capelli. Portava una piccola borsa. Senza guardare, allungò la mano e prese la mano di suo nonno.

Era il tipo di caldo pomeriggio autunnale che ci si aspetterebbe di vivere in una tranquilla fattoria del Midwest in un momento in cui il raccolto è stato portato, e quando una leggera brezza si muove attraverso l'erba e mescola i meli. Ma, come è successo, Alice e suo nonno erano in piedi all'angolo di una strada nella parte est di Manhattan, in attesa che la luce cambiasse.

La luce divenne verde, e entrambi scesero dal marciapiede. Il nonno agitò il bastone in aria come per annunciare al traffico in attesa di girare l'angolo, "Attenzione! Avvertimento! Incrocio del bambino piccolo! "Una volta che furono al sicuro dall'altra parte, camminarono mano nella mano lungo il muro di pietra che costeggiava Central Park.

"Ora, ricorda, Alice," disse il nonno mentre si avviavano all'ingresso del parco, "non scappare. Non posso correre dietro di te il più velocemente possibile quando eri una bambina. Inoltre, devi fare attenzione agli scoiattoli assassini. C'era un ragazzino che una volta scappò dai suoi genitori e lo trovarono il giorno seguente legato a un albero. Tutti gli scoiattoli assassini stavano prendendo morsi dalle dita delle mani e dei piedi. "

"Oh, nonno," disse Alice, sospirando.

Anche girovagando per il parco quella domenica pomeriggio c'erano molti dei loro vicini: vecchie coppie, anche tenendosi per mano, giovani coppie sdraiate su coperte sull'erba, bambini che lanciavano un frisbee o una palla da baseball avanti e indietro, e altri, ancora più piccoli, bambini che correvano dietro loro e uno dopo l'altro. La donna ben vestita con la coppia di afghani al guinzaglio era lì, e il cieco suonava la chitarra. Il mago di strada era lì, e si fermarono per un po 'mentre trasformava i palloncini in giraffe, elefanti e altri animali esotici. Alice ha applaudito quando ha preso un penny dalle sue orecchie e glielo ha dato. Poi c'erano le bande di tamburi d'acciaio da duello. La musica era così forte che Alice si coprì le orecchie con le mani e chiuse gli occhi. Poi Alice e suo nonno si fermarono per un po 'a guardare la signora con il serpente domestico.

"Il serpente è al sicuro?" Alice chiese a suo nonno a bassa voce, accoccolandosi contro di lui.

"Quel serpente è un serpente eroico, non un serpente cattivo. Quella vecchia signora che è seduta lì, mezza addormentata, era una volta una bella ragazza. Un giorno stava viaggiando lungo il Rio delle Amazzoni in una canoa scavata da un tronco d'albero, mentre i nativi della giungla si sedettero di fronte a lei e in fondo al suo remare il più velocemente possibile per allontanarsi da un alligatore che stava inseguendo loro. Questo alligatore era grande come una piccola automobile, forse una grande automobile. Forse era grande come un autobus. Non si poteva dire perché era mezzo sott'acqua. Ma era davvero grande. E aveva una bocca larga come un pianoforte a coda aperto. E i denti – i denti erano davvero qualcosa – ogni dente era come una sega. E fecero un rumore stridente quando l'alligatore masticò che era orribile sentire. Sembrava un po 'come fa l'auto del nonno quando non inizierà. Ricorda? E questi denti stavano gocciolando sangue. Quindi, naturalmente, la bella signora era davvero spaventata. Ad ogni modo, hanno remato e remato, quando, all'improvviso, una tigre enorme con grandi occhi gialli e un'espressione sgarbata saltò fuori dalla giungla e iniziò a correre lungo la canoa. E poi un gigantesco ippopotamo si alzò dal fiume e iniziò a rincorrere l'alligatore, che nuotava più veloce che poteva per catturare la bella signora prima che la tigre potesse saltare in cima alla canoa e mangiare tutti. Poi all'improvviso, quando meno se lo aspettavano, quel serpente, quello laggiù, che era più giovane di allora e non sembrava così picchiato, balzò fuori da un albero e buttò la tigre nell'acqua, dove l'alligatore iniziò a masticarlo . L'ippopotamo si è aggrovigliato con la tigre e l'alligatore; e tutti e tre andarono oltre la cascata.

Come ricompensa per averle salvato la vita, la bella signora portò a casa il serpente e promise di prendersi cura di lui per sempre, dandogli gelato e altre cose gustose. Dopo un po ', la bella signora è diventata vecchia e non così bella. E anche il serpente è diventato vecchio e assonnato. Quindi, ecco perché quel serpente sembra così stanco tutto il tempo. Ma, tutto quello che so è, se una tigre grande e viziosa mi salta all'improvviso dal museo laggiù, vorrei quel serpente al mio fianco! "

Alice rifletté su quella storia per un momento, poi prese il suo penny – quello che il mago le aveva dato – fuori dalla borsetta e lo mise in una piccola tazza di latta che la signora teneva sulla panchina del parco vicino al serpente. Lo ha fatto molto attentamente.

"Questo per aiutare la signora a comprare il serpente qualcosa di carino da mangiare", disse a suo nonno.

Proseguirono lungo il sentiero fino a raggiungere il laghetto. Il nonno fece finta di condurre due delle piccole imbarcazioni in balia di un paio di anatre che stavano facendo il bagno a un capo all'altro del laghetto. Agitò il suo bastone da passeggio e urlò le direzioni. "Carica", ha esclamato, indicando la strada con il suo bastone ed esortando i piccoli marinai a bordo della nave per far cadere l'albero di mezzana e fare il pieno di vapore. Alice ha iniziato la sua carica alle anatre. Corse lungo la sporgenza di cemento che costeggiava il laghetto; e il nonno le corse dietro per assicurarsi che non cadesse. Stava sbuffando quando l'ha raggiunta.

"Avast, signorina," disse, cercando di riprendere fiato. "Ti ho detto di non scappare. Ora, devo sedermi. "

La prese per mano su una delle panche davanti allo stagno e si sedette accanto a lei. Quindi prese una pastiglia da una piccola scatola e se la mise in bocca. In un attimo il dolore che aveva sentito nel suo petto si placò. Alice, nel frattempo, batté un piede quando uno scoiattolo, forse uno degli scoiattoli assassini, si avvicinò troppo da vicino. Rimase seduta ancora per venti o trenta secondi in più prima di decidere cosa avrebbe voluto fare dopo, cioè salire la statua di Alice nel Paese delle Meraviglie che si trovava a pochi metri di distanza. Conosceva molto bene la storia di Alice, soprattutto per la coincidenza dei loro nomi, e diceva sempre che voleva essere come Alice da grande.

"Stai attento," le disse suo nonno. Osservò mentre camminava con diffidenza verso Alice, il Cappellaio Matto e le altre figure di pietra, che erano tutte coperte, quasi del tutto, a lui sembrava, con bambini che brulicavano e si dimenavano due volte la sua età e le sue dimensioni. Era spinta da una parte o dall'altra da bambini che non sembravano notare che lei era lì in piedi. Probabilmente, non sarebbe stata in grado di scalare le statue in ogni caso, dal momento che lei era ancora stretta nella sua borsa. Tornò qualche minuto dopo, con la testa alzata, ma facendo un po 'il broncio. Suo nonno pensava che fosse davvero molto piccola. Si arrampicò silenziosamente accanto a lui. Le mise un braccio intorno alle spalle.

"Erano troppo grandi," disse con voce dolce.

"Quei bambini erano molto più vecchi di te, Alice. Quando avrai la loro età, sarai due volte più grande di loro, forse tre volte più grande. "

Lei non ha detto nulla. Suo nonno la guardò. Questo ragazzo è troppo orgoglioso per piangere, pensò. Forse non era così bello. Uno di questi giorni…

"Come vorresti che ti raccontassi una storia?" Disse. "Forse sul momento in cui gli alieni provenienti dallo spazio sono atterrati proprio qui a Central Park. Avevano pistole a raggi e … "

"E hanno mangiato tutti i piccioni. Mi hai detto. Ed è per questo che non ci sono più piccioni ", disse Alice, fissando un piccione che stava impettito avanti e indietro di fronte a lei e che la guardò indietro, prima con un occhio e poi l'altro.

"Va bene, ti ho detto della volta in cui ho camminato lungo una fune tesa tra quei due alti edifici laggiù? Era ventoso e freddo. Potevo sentire i suoni del traffico molto al di sotto. Mi avvicinai, con molta attenzione, ondeggiando nel vento. Se non avessi avuto con me questo bastone da passeggio, penso che sarei caduto proprio sopra. Proprio in quel momento ho alzato lo sguardo e ho potuto vedere un'aquila che si tuffava proprio contro di me … "

"Raccontami una storia. Ma voglio che abbia un lieto fine. "

"Perché deve avere un lieto fine? Sai, Alice, a volte accadono cose brutte; e se sei una persona forte, non importa … "

"Voglio che abbia un lieto fine!" Disse, girando il viso verso di lui e dandogli un'occhiata feroce.

"Ok, okay," disse velocemente. Alzò lo sguardo. Proprio allora stava passando un ragazzino. Il ragazzo stava cercando di aggrapparsi al guinzaglio del cane, che aveva un piccolo cucciolo che tirava dall'altra parte. Sembravano uguali fino a quando il cucciolo, che stava correndo sul posto, ha iniziato a galoppare; e loro due partirono in direzione delle anatre.

"Questa è la storia di un cane", ha detto il nonno. "Non è un cane normale. Questo cane aveva molte buone qualità e anche alcuni cattivi. Questo cane era molto intelligente, ma un po 'meno furtivo. Era molto coraggioso, ma era anche testardo. Era molto leale, ma a volte è possibile essere troppo fedeli, lo sai; e aveva un malvagio senso dell'umorismo.

"E questa è una storia di una famiglia. C'era una bella bambina in questa famiglia, come te. Il suo nome era Edith. E lei aveva un fratello maggiore di nome Timothy. "

"Come Tommy," disse Alice.

"No. Tuo fratello ha quindici anni. Timothy aveva solo dieci anni, ma era intelligente, in un certo senso come se avesse 37 o 38 anni, ma in un certo senso come se avesse solo sette anni. A volte era un cattivo ragazzo; e non c'era nessuno che lo fermasse perché i suoi genitori litigavano continuamente; e non sempre prestavano attenzione. Immagino tu sappia come può essere, Alice. "

Alice non ha detto niente. Sembrava stesse osservando una delle barche a vela, che si era capovolta proprio quando stava per catturare un'anatra.

"E c'era un nonno in questa famiglia. Era molto vecchio, molto più vecchio di me. E ha avuto un problema al cuore. E lui era il tipo di nonno che si preoccupava molto. Si preoccupava di cosa sarebbe successo ai suoi nipoti se gli fosse successo qualcosa. Questo è il genere di cose di cui ti preoccupi quando sei molto, molto vecchio, come lo era questo nonno. Se non fosse più in giro, chi andrebbe alle feste di compleanno? Chi sarebbe lì per applaudire quando si sono laureati? Chi li conforterebbe se qualcuno fosse stato cattivo con loro? Si preoccupava soprattutto di Edith. Era una ragazza molto sensibile. Ha pianto molto. Come quando qualcuno le ha urlato contro. Desiderava che ci fosse qualcosa che poteva fare per rafforzarla. Ora, non devo preoccuparmi di questo con te. So che se qualcuno ti prendesse in giro, non ti presteresti attenzione. Sei forte. Se un orso ti inseguisse, potresti semplicemente farlo a terra ".

"No, non posso," disse Alice, guardando ancora lontano.

"Non adesso. Ovviamente no. Devi diventare un po 'più grande prima. E devi praticare. Ho perso le prime tre o quattro volte che ho lottato con un orso.

"Timothy era un tipo diverso di preoccupazione. Non ha fatto i compiti. Non ascoltò suo nonno o nessun altro. Era arrabbiato per tutto il tempo. Non gli piaceva nemmeno tanto Edith e tutti amavano Edith. Certo, in fondo lui l'amava, ma quando ami qualcuno nel profondo, potrebbero non rendersi conto che li ami del tutto.

Quindi, Edith era troppo sensibile e Timothy era irresponsabile. C'era solo una soluzione ovvia a questo problema, il loro nonno ha deciso. "

"Cosa?" Disse Alice.

"Avevano bisogno di un cane.

"Quindi, un giorno, penso che fosse un martedì. O forse mercoledì. No, penso che fosse un lunedì, in effetti. Un giorno andarono al canile – Edith, Timothy e il loro nonno – per vedere se potevano scegliere il cane giusto. Timothy voleva un grosso cane, qualcuno che avrebbe spaventato tutti gli altri cani, abbastanza grande da poter cavalcare su di lui se si fosse stancato di camminare. Edith, d'altra parte, voleva un cane davvero piccolo che potesse mettere in una tasca e portarsi dietro con sé se mai si sentisse sola. Quando l'inserviente canuto chiese loro quale cane volevano, entrambi gli indicarono. Doveva essersi confuso perché il cane che aveva portato da loro era rimasto in una gabbia tra gli altri due cani. Era di taglia media; e aveva un'espressione da matto, stanco del mondo, disincantato e disilluso. Disincantato significa disgustato e disaffezionato significa lontano. Era anche scoraggiato e sconsiderato, e, in generale, deluso dalla vita. Questo cagnolino aveva visto molto prima di essere abbandonato all'angolo di una strada nel Queens.

"'Buona scelta', disse il loro nonno. E così andarono a casa con questo cane scontento, che fu chiamato Mefistofele, o Marvin, in breve.

"Quando Marvin arrivò a casa, gli ci vollero alcuni giorni per rendersi conto che nessuno gli avrebbe lanciato una padella, né tenerlo sottosopra per la coda, o abbandonarlo all'angolo di una strada nel Queens. Cominciò a sistemarsi. Questo ragazzino, Edith, era una pesca. Le piaceva intrufolarsi con lui dal tavolo quando nessuno stava guardando. Certo, lei lo baciava sempre sul naso e sugli occhi, cosa che avrebbe potuto fare anche senza. E anche lei lo ha turbato cercando di prenderlo tutto il tempo. Era abbastanza forte da raccogliere un'estremità alla volta, di solito il back-end. Timothy, d'altra parte, stava sempre cercando di insegnargli qualcosa o altro, come alzarsi sulle zampe posteriori e chiedere l'elemosina, o qualcosa di ancora più umiliante, come rotolare. Dimenticalo. Marvin non ha firmato per lavorare in un circo. Questo ragazzino non poteva nemmeno fare i compiti quando doveva, e comunque si aspettava che lui, un cane adulto, saltasse attraverso i cerchi, o qualcosa del genere. Infatti, gli mostrò un cerchio, indicando, battendo le mani e usando il linguaggio del corpo per incoraggiarlo. Marvin, che ha avuto l'idea molto tempo fa, si è seduto lì, schernendo un po '.

"Inevitabilmente, ogni volta che ne aveva la possibilità, Marvin usciva con Edith. Dormiva ai piedi del suo letto, il che rendeva geloso Timothy, anche se non l'avrebbe ammesso.

Una volta, a notte fonda, quando Edith dormiva, entrò nella sua stanza e portò Marvin nella sua stanza e chiuse a chiave la porta. Fu così che iniziò la guerra.

Edith, per esempio, non sapeva che era iniziata una guerra. Per quanto la riguardava, andava tutto d'accordo. Marvin è andato dappertutto con lei. Quando suo nonno portava a spasso il cane, a volte le veniva permesso di tenere il guinzaglio; e poi Marvin non ha mai tirato troppo forte. Marvin non ha mai avuto paura degli altri cani, non importa quanto fossero grandi o quanto abbaiavano. Avrebbe semplicemente dato loro uno sguardo freddo e li avrebbe dominati dalla pura forza della personalità. Suo nonno fu lieto di notare che Edith sembrava meno spaventato e anche meno sensibile, proprio come sperava. E pensò – forse era un pensiero sciocco – che se gli fosse successo qualcosa di brutto, Marvin sarebbe stato lì per tenere compagnia a Edith e proteggerla. "Ma il suo piano per Timothy non stava funzionando così bene. Dover dare da mangiare a Marvin e camminare ogni giorno non lo aveva portato ad essere più responsabile. Neanche il nonno sapeva della guerra.

"Ora, lascia che ti dica qualcosa sulla guerra", disse il nonno di Alice, mettendole un braccio intorno alle spalle. Stava ancora guardando le anatre e le barche a vela, ma sapeva che lo stava ascoltando. "Nel caso avessi mai pensato di iniziare una guerra. La guerra è cattiva A nessuno piace la guerra. Le persone che ricordano l'ultima guerra concordano sempre sul fatto che la guerra è terribile. Nessuno in realtà vuole iniziare una guerra perché possono accadere tutti i tipi di cose brutte. Ma entrambe le parti in guerra credono sempre che il suo lato – o il suo lato – sia il lato giusto, e se lui o lei è abbastanza testarda, e forse urla dall'altra parte, o abbaia, l'altra parte sta per cedere ; ma non funziona mai in questo modo. È una questione di orgoglio. 'L'orgoglio va prima di una guerra.' Devi aver sentito questo detto.

"Bene, Marvin non stava pensando a nulla di tutto questo quando si ritrovò chiuso nella stanza di Timothy. Non pensava che tutto ciò che Timothy voleva fosse più attenzione. Quello che pensava era: chi pensa che sia lui? Non ho alcun diritto? Un altro cane potrebbe essersi nascosto sotto il letto, ma Marvin non era quel tipo di cane. Lasciò che Timothy lo prendesse in braccio, dopo tutto, Timothy era più grosso di lui, e lo mise in fondo al suo letto. Marvin decise di aspettare il suo tempo. Ma per tutto il tempo stava covando una trama. Aspettò che Timothy dormisse e poi, lentamente, senza emettere alcun suono, si mise a terra, e poi molto, molto lentamente tirò via le coperte da Timothy. E poi si arrampicò sul letto e fece finta di nulla.

"Qualche minuto dopo, Timothy si svegliò rabbrividendo. Guardò Marvin, poi guardò le coperte, poi guardò di nuovo Marvin, che fingeva di essere addormentato. Quindi raccolse le coperte e le rimise sul letto e strisciava sotto.

"Circa una mezz'ora dopo, quando Marvin era sicuro che Timothy fosse di nuovo addormentato, lentamente sgattaiolò via dal letto e lentamente tirò via le coperte fino alla scrivania. Poi tornò sul letto e finse di andare a dormire.

"Quando Timothy si svegliò rabbrividendo una seconda volta, guardò Marvin sospettoso. Marvin si girò e si voltò dall'altra parte. Non voleva che Timothy lo vedesse sogghignando.

"Timothy si alzò, prese le coperte e si sdraiò di nuovo sul letto, questa volta tenendo aperto un occhio. Marvin si girò e guardò Timothy con un occhio. Per qualche tempo entrambi rimasero distesi a fissarsi l'un l'altro con un occhio, finché Timothy si addormentò di nuovo. Questa volta si svegliò in tempo per vedere Marvin piegarsi in avanti con le coperte in bocca. 'Gotcha!' Egli ha detto. 'Abbastanza di questo.' Raccolse Marvin, aprì la porta e gettò il cane nel corridoio. Marvin ha cercato di non ridere forte.

"Il giorno dopo, Timothy rubò la ciotola di Marvin. Marvin trovò la ciotola, finalmente, nascosta nel bagno dopo averla cercata nervosamente tutta la mattina. "Va bene," pensò tra sé dopo aver bevuto la sua colazione, che impiegò esattamente un minuto e cinque secondi, "se è così che vuole lui."

"Il giorno seguente Timoteo non riuscì a trovare le sue mutande. Le sue magliette erano al loro posto. Così erano i suoi calzini. Ma le sue mutande mancavano. Guardò verso Marvin che era seduto su una sedia e sogghignava.

"'Che cosa hai fatto con le mie mutande?'

"Marvin non ha detto niente. Sorrise innocentemente.

"Le mutande sono state scoperte due giorni dopo infilate dietro un radiatore.

"Bene, la guerra prese velocità e corse giù per la collina, il che è spesso il caso delle guerre. Ben presto la guerra si riversò nei principati circostanti. Un principato è … vediamo, cos'è un principato? È una specie di … beh, non lo so. È un po 'come un regno. Comunque…"

Il nonno di Alice corrugò la fronte e batté a terra il suo bastone da passeggio. Lo odiava quando si ritrovava senza parole. Non è successo molto spesso.

"Quello che voglio dire", disse, "è che anche i possedimenti altrui hanno cominciato a scomparire. Prima erano le mutande, poi il cibo per cani, poi altri tipi di cibo, poi il cuscino a cui Marvin amava giacere quando non giaceva sul letto di Edith. Poi il televisore e l'ufficio. Nessun altro sembrava accorgersi, ma cominciarono a comparire spazi vuoti in tutto l'appartamento. In breve Marvin pensò di fare qualcosa di veramente drastico, come mangiare i compiti di Timothy; ma decise che Timothy aveva già troppi problemi per i suoi compiti.

"Poi è arrivato il momento davvero terrificante. Timothy ha iniziato. Andò su Marvin un pomeriggio quando Marvin stava facendo il suo sonnellino. E quando si è davvero avvicinato, ha urlato "prendi!" nel suo orecchio. Marvin era così spaventato, balzò in piedi e atterrò su una libreria, proprio come un gatto. Quello che è successo dopo è stato – vediamo, cos'era? Penso che la prossima cosa sia stata Marvin che fingeva di schiumare alla bocca e mordere il naso di Timothy. Era solo un finto morso, ma era molto spaventoso. Timoteo era scombussolato. Discombobulated significa molto disturbato e distratto. Poi è arrivata l'ora in cui Timothy ha acceso molta musica spettrale e si è travestito da Dracula. Le cose stavano sfuggendo di mano. "Finalmente, Timothy decise di fare un bagno a Marvin perché sapeva che Marvin odiava fare il bagno. Marvin ringhiò contro di lui, e Timothy ringhiò subito. Ed entrambi caddero nel bagno.

"Ora, dovresti sapere, Alice, le persone possono farsi male quando c'è una guerra. E questo è quello che è successo allora. Timothy ha battuto la testa contro la vasca e ha perso i sensi. E il livello dell'acqua nella vasca stava aumentando. "

Il nonno di Alice fece una pausa per effetto. Guardò il suo bastone da passeggio come se avesse appena notato una crepa.

"Bene," disse, proseguendo, "Marvin fissò Timothy e si chiese se avrebbe dovuto salvarlo o meno. Pensò ai suoi diritti violati, all'essere bagnato contro la sua volontà e a tutte le meschine cose che Timothy aveva fatto per infastidirlo. D'altra parte, era vero che Timothy lo camminava ogni giorno e lo nutriva, e non era davvero crudele con lui. Marvin ci pensò su un po 'e poi decise di lasciare annegare Timothy. Scese dal bagno, si riscosse e andò nell'altra stanza per fare un pisolino. Timothy annegò e Marvin, Edith e il resto della famiglia vissero felici e contenti per sempre. "

"Nooooo!" Urlò Alice. "Non è un lieto fine!"

"Perchè no? Ho appena detto che vissero felici e contenti per sempre. "

"Il ragazzo è morto!" Gemette Alice.

"Va bene," disse velocemente suo nonno. "Questo non è il vero finale. Volevo solo vedere se stavi prestando attenzione. Ti dirò cosa è successo veramente. Ma, sai, Alice, non puoi aspettarti che tutto nella vita abbia un lieto fine. A volte, se sai che qualcosa di brutto sta per accadere, puoi prepararti in anticipo; e poi non fa così male. "

"Voglio un lieto fine!" Urlò Alice, agitando la borsetta.

"Marvin non ha mai lasciato la vasca da bagno", disse suo nonno. "Doveva mettere la testa sott'acqua, ma fece un respiro profondo e afferrò il tappo nella vasca da bagno con i denti e lo tirò fuori. Il rubinetto continuava a funzionare, ma il livello dell'acqua cadeva. Finalmente, pochi minuti dopo, dopo che Marvin leccò il naso a Timothy un paio di volte, Timothy si svegliò. Con attenzione, scese dalla vasca portando con sé Marvin. Abbassò lo sguardo sul tappo e poi guardò Marvin, che aveva un'espressione imbarazzata e imbarazzata; e si rese conto che Marvin gli aveva salvato la vita. Diede a Marvin un grande abbraccio; e Marvin non si è nemmeno contorto.

"E, sai, le cose sono migliorate dopo. Non c'era più guerra; e anche Timothy è cambiato. Non sembrava così arrabbiato tutto il tempo. E forse suo nonno aveva ragione. Forse nutrirsi e camminare Marvin ogni giorno lo rendeva più responsabile, perché ha iniziato a fare i compiti in tempo. Forse si è appena reso conto che Marvin lo ha davvero amato nel profondo, quindi non ha dovuto farsi una peste. E, indovina un po ': Marvin cominciò a dormire alla fine del letto di Timothy, anche se, la maggior parte delle volte, dormiva ancora sul letto di Edith. E così, vissero tutti felici e contenti per sempre. "

Quel finale sembrava piacergli di più. Almeno, non si lamentava. Si alzò con suo nonno e iniziarono a camminare verso l'altra estremità dello stagno, e poi su per una collina.

"Qualche anno dopo," disse suo nonno, guardando in lontananza, "il nonno, che aveva il cuore malato, fu investito da un autobus. E lui è morto. Ma a quel tempo, Edith aveva Marvin per un amico; e lui è stato un grande conforto per lei. "

"Sei un cattivo!" Gridò Alice, colpendo la gamba di suo nonno con la borsetta.

"Tutto ok! Va bene! "Disse, cercando di impedirle di colpirlo. "Mi sono confuso. Non è quello che è successo. Il nonno di Edith non morì finché non fu molto, molto, molto, molto vecchio. A quel tempo Edith aveva 32 anni. "

"Oh, guarda, nonno," disse Alice, indicando la collina. "Il gelataio."

Alice era immediatamente di buon umore. Era spesso di buon umore, realizzò suo nonno, anche dopo che era successo qualcosa di brutto. E quel pensiero lo ha messo di buon umore.

"Mi sento come se avessi del gelato," disse Alice.

"I miei sentimenti esattamente", disse suo nonno.

Così i due raggiunsero i gradini di cemento fino in cima alla collina, l'anziano signore agitando espressamente il bastone da passeggio e fermandosi a riprendere fiato di tanto in tanto. La ragazzina camminava ancora molto bene e molto propriamente al suo fianco, anche se erompeva saltellando un po 'ogni tanto. Suo nonno si fermò per indicare il luogo in cui incontrò il signor e la signora Worm, e, più tardi, il luogo in cui gli scoiattoli assassini si unirono a una micia che li stava molestando. Finalmente, appena in tempo, arrivarono al gelataio.

Alice mangiò il suo gelato lentamente perché non voleva prenderli sul suo bel maglione nuovo. Quando finì, avevano lasciato il parco e stavano camminando lungo la strada che separava il parco dal viale. Camminarono in silenzio, ogni persona perse per un momento nei suoi pensieri.

"Nonno," disse Alice dopo un po ', "mi compreresti un cane?"

"Un cane, eh? È un'idea … Dovremmo ottenere il permesso di tua madre. Ma penso che lei direbbe di sì, se tu avessi promesso … se avessimo promesso di prendercene cura. "

"Yay!" Disse Alice, alzando le braccia in aria. "Yay!" Disse di nuovo, e di nuovo, saltando velocemente per la strada.

“Alice! Torna qui. Ti ho detto di non scappare. Non posso corrergli dietro. "

Tornò velocemente e abbracciò la gamba di suo nonno. "Non ho intenzione di scappare", nonno, ha detto, ancora aggrappandosi.

Suo nonno appoggiò la mano sulla sua testa. Uno dei fiori sul cappello era caduto. Lo aggiustò con cura. "Andiamo, Alice," disse. "Tienimi la mano. Attraverseremo la strada. Ora, ricorda, aspetta sempre che la luce diventi verde. "

(c) Fredric Neuman 2013 Segui il blog del Dr. Neuman su fredricneumanmd.com/blog

Solutions Collecting From Web of "Una storia su molto vecchio e molto giovane"