Una storia di due bulli

Jarrod, di sette anni, era un classico bullo. Ha colpito e preso a calci altri bambini a scuola quando non ha ottenuto ciò che voleva. Ha persino morso uno dei suoi compagni di classe per non avergli dato un giocattolo. Il preside e l'insegnante della sua scuola erano stati molto pazienti perché sapevano che i genitori di Jarrod avevano da poco divorziato. Sua madre andava da sola più o meno come un genitore single, con il padre di Jarrod che visitava solo di rado. Ma ora i genitori di altri bambini stavano iniziando a lamentarsi del bullismo di Jarrod, e il suo insegnante pensava che dovesse essere valutato per l'ADHD o il disturbo oppositivo provocatorio (ODD). Un amico ha suggerito alla madre di Jarrod di provare la terapia familiare prima di chiedere una valutazione medica. Controllò con la sua assicurazione sanitaria e scoprì che avrebbe coperto la terapia familiare. È così che ho incontrato Jarrod e la sua famiglia.

Nella prima sessione di 50 minuti, la radice del problema del ragazzo divenne chiara. Jarrod mi ha confidato che era preoccupato per suo padre perché suo padre piangeva ogni volta che doveva lasciare Jarrod a casa di sua madre. "Papà vuole passare più tempo con me e la mamma non glielo consente," continuò. Ho iniziato a scattare la foto. I genitori di Jarrod avevano attraversato un divorzio disordinato, e stavano ancora litigando per le visite. E, come spesso accade in questo tipo di situazione, l'ostilità dei genitori verso l'altro stava influenzando il loro figlio. Un bambino è strettamente connesso al suo sistema familiare e un disturbo in quel sistema può influenzare il comportamento e le sensazioni del bambino in modi imprevisti. Jarrod sentiva il dolore di suo padre e lo recitava verso tutti quelli che lo circondavano.

Il percorso della terapia era chiaro. Avrei bisogno che i genitori rinegoziassero la loro relazione genitoriale post-divorzio con qualcosa di più civile. Mi sono incontrato prima con la madre di Jarrod e qualche giorno dopo con Jarrod e suo padre. Potevo vedere la gioia sul viso di Jarrod quando vide suo padre nel mio ufficio. Suo padre, con le lacrime agli occhi, ha spiegato che gli mancava terribilmente suo figlio e voleva più tempo con lui. Lui e la sua ex moglie non potevano comunicare sull'argomento delle visite senza essere coinvolto in una discussione spiacevole. Si sentiva senza speranza. In una sessione separata, ho spiegato alla madre di Jarrod che il problema della visita stava influenzando il comportamento di suo figlio. Riuscii a farle accettare che Jarrod passasse più tempo con suo padre. Ho aiutato la madre a superare la sua rabbia per il modo in cui il suo ex marito l'aveva trattata. Ho incontrato la madre per altre due sessioni e abbiamo elaborato una nuova sistemazione per le visite. Dopo che il padre di Jarrod iniziò a passare più tempo con lui, il bullismo di Jarrod si fermò. La sua insegnante ha detto che era "come la notte e il giorno". Sembrava un bambino diverso.

Poiché la madre di Jarrod aveva un buon lavoro, che le forniva un'assicurazione sanitaria che copriva la consulenza familiare, ho avuto il tempo di incontrare tutti gli interessati e capire cosa fare. Jarrod è stato fortunato. Altri bambini, i cui genitori non hanno un'assicurazione sanitaria privata, non sono così fortunati.

Consideriamo ora un immaginario ragazzo di sette anni di nome Carlo, il cui comportamento bullismo è quasi identico a quello di Jarrod. Anche la sua situazione familiare è simile, visto che i suoi genitori hanno recentemente avuto un divorzio ostile e suo padre ha avuto poche visite. La differenza è che la copertura sanitaria di Charles è Medicaid. A differenza della madre di Jarrod, la madre di Charles non ha la possibilità di consultare un terapeuta di famiglia perché Medicaid non copre la terapia del linguaggio. Ciò che Medicaid copre è la psichiatria e la medicina psichiatrica.

Quando la scuola di Charles si lamenta del comportamento scorretto del ragazzo, sua madre consulta una lista di fornitori Medicaid e sceglie uno psichiatra infantile. Il dottore si incontra con Charles e sua madre per, nel migliore dei casi, trenta minuti, e ascolta la storia del comportamento aggressivo di Charles. Lo psichiatra quindi diagnostica Charles con disturbo oppositivo provocatorio (ODD) o ADHD, per il quale prescrive uno o più farmaci. Anche se lo psichiatra preferisse un approccio più umanistico e credesse che la terapia verbale potesse avere un effetto benefico su Charles, avrebbe anche saputo che Medicaid non copriva la terapia del linguaggio. Non avrebbe il lusso di scavare più a fondo nella storia della famiglia di Charles, anche se avesse voluto farlo.

Charles vedrebbe lo psichiatra per un controllo medico di 15 minuti ogni sei settimane. Nel migliore dei casi, il farmaco calmerebbe il ragazzo e frenerebbe la sua aggressività. In definitiva, tuttavia, poiché il vero fattore di stress nella situazione familiare di Charles non viene mai affrontato, il farmaco non sarebbe sufficiente a controllare l'aggressività del ragazzo oa renderlo più felice. Charles avrebbe continuato a recitare l'ostilità tra i suoi genitori. Sarebbe etichettato come un "bullo" e un "piantagrane". Senza una figura paterna stabile nella sua vita, alla fine potrebbe trovare la sua identità personale in una banda. Dopo alcuni anni, Charles potrebbe essere diagnosticato con disturbo bipolare e dato un farmaco molto più forte. Con il problema della famiglia alla radice del suo comportamento scorretto che non viene mai affrontato, la fine della storia di Charles sarebbe molto diversa da quella di Jarrod.

I racconti di Jarrod e Charles illustrano la disuguaglianza che esiste nella cura della salute mentale dei bambini americani. Questa disuguaglianza è un capitolo della più ampia storia del divario crescente tra i servizi sanitari disponibili per i ricchi e quelli disponibili per i poveri. La storia di Charles è grande nei milioni di bambini svantaggiati nel nostro paese che vengono diagnosticati ogni anno con disturbi psichiatrici e medicati. Nessun paese nel mondo sviluppato diagnostica e medicifica i suoi figli in numero proporzionato agli Stati Uniti, ei bambini poveri nel nostro paese ricevono farmaci psicotropi come bambini della classe media.

A mio avviso, la disuguaglianza nella cura della salute mentale per i bambini potrebbe essere corretta se Medicaid adottasse un modello di assistenza psicologica simile a quello delle compagnie di assicurazione private. Molti assicuratori sanitari privati ​​hanno realizzato l'efficacia della terapia di breve durata in aggiunta alla psichiatria per i problemi dei bambini. Sei o otto sedute di terapia familiare potrebbero risolvere il comportamento di bullismo di Charles senza i rischi o le spese dei farmaci psichiatrici. Con il problema del sistema familiare affrontato e risolto in terapia, la storia di Charles avrebbe avuto un lieto fine come quello di Jarrod.

Solutions Collecting From Web of "Una storia di due bulli"