Una sorpresa: io sostengo alcuni impegni SVP

Nei blog e documenti precedenti, ho fatto del mio meglio per infilzare l'uso improprio della diagnosi errata "Parafilia NOS". Lo considero solo come una giustificazione fragile, inventata per consentire l'incarcerazione psichiatrica di stupratori che altrimenti dovrebbero essere rilasciati dalla prigione alla strada. I valutatori della salute mentale che hanno ulteriormente approfondito questa diagnosi nei procedimenti SVP (predatore sessualmente violento) hanno completamente frainteso il DSM IV e stanno collaborando a un incostituzionale riduzione dei diritti civili, a un doppio abuso del giusto processo ea un terribile abuso di diagnosi psichiatrica.

Ho più fiducia nella correttezza della mia opposizione all'uso di Parafilia, NOS nei procedimenti SVP di quanto non faccia quasi ogni altra cosa nella vita. Questa è una chiamata chiara come non riesco mai a fare. Non sorprende che la mia critica abbia ricevuto pochi (e notevolmente deboli) tentativi di confutazione. Ma il mio tentativo di chiarire il problema non ha fatto molto per risolverlo. I valutatori continuano a malignamente diagnosticare erroneamente e le corti ad approvare allegramente impegni eccessivamente sospetti basati su nient'altro che la strana concezione che lo stupro da solo possa costituire un disturbo mentale.

Ho pubblicato un blog ieri che ha suscitato critiche entusiaste da persone riflessive che fino ad ora hanno sostenuto con entusiasmo la mia opposizione a "Paraphilia NOS, non consenziente". Si sono sentiti traditi dalla mia idea che altri disturbi mentali possano giustificare correttamente l'impegno nei procedimenti SVP. L'elenco possibile include schizofrenia, dipendenza da sostanze, ritardo mentale, demenza, disturbo bipolare, disturbo delirante e personalità antisociale. Naturalmente, si dovrebbe anche stabilire che il dato disturbo mentale predispone chiaramente l'individuo a commettere ripetutamente il reato di stupro. Gli statuti SVP sono sfortunati, ma (come affermato dalla Corte Suprema), sono legittimi quando il disturbo mentale viene accuratamente diagnosticato ed è strettamente implicato nella commissione del crimine.

È la pratica sciatta diagnostica dei valutatori che deve essere fermata, e si spera che ciò accada prima che si faccia molto più danno. Continuare come abbiamo posto i valutatori forensi nella falsa posizione di collaborare in una ferrovia forse incostituzionale di pazienti non diagnosticati erroneamente in falsi impegni psichiatrici. Due cambiamenti sono necessari immediatamente per aiutare a correggere il pasticcio attuale:
1) La diagnosi forense deve essere notevolmente migliorata e standardizzata per soddisfare standard minimi professionali. I valutatori devono essere riqualificati dalle abitudini diagnostiche che alcuni hanno acquisito. L'accuratezza e l'affidabilità delle loro diagnosi (e della relazione tra disturbo e stupro) devono essere stabilite, e;
2) I tribunali devono chiarire quali diagnosi si qualificano ai sensi degli statuti SVP, una responsabilità che hanno finora evitato in modo agevole. Questa domanda cruciale è un giudizio legale, non psichiatrico, che deve essere deciso dai tribunali, non dal singolo valutatore.

Il mio parziale (e riluttante) sostegno alla partecipazione della psichiatria agli statuti SVP è stato giustamente messo in discussione da coloro che si oppongono a tutti gli impegni SVP. Considerano gli statuti come un ingiusto espediente psichiatrico escogitato per correggere uno svarione legale (condanne fisse per stupro che erano troppo brevi per proteggere la sicurezza pubblica) – niente di più che una scusa inventata per tenere i violentatori potenzialmente recidivi dietro le sbarre. Se non abbiamo statuti destinati agli assassini, perché colpire gli stupratori. Sembra particolarmente ridicolo concedere l'impegno psichiatrico per gli stupratori basandosi solo su una diagnosi di disturbo antisociale della personalità – poiché è così comune tra loro, così tenue come una diagnosi psichiatrica, e così intrattabile.

Ho molta simpatia per questa utile critica della mia posizione, ma trovo che sia la semplificazione di una domanda complessa che (a differenza di Paraphilia NOS) non ha una risposta semplice e corretta. Nell'equazione deve essere preso in considerazione anche un numero di problemi contestuali complessi. Gli stati hanno la responsabilità di garantire la sicurezza pubblica che è reale (e in questi casi spesso abbastanza pressante). Il danno concreto per le future vittime deve essere valutato rispetto al danno costituzionale e professionale fatto dagli statuti del SVP. Inoltre, alcuni degli stupratori che stanno per essere liberati hanno un disturbo mentale ben diagnosticato che li predispone molto chiaramente allo stupro di nuovo, con un rischio di recidiva che può essere ovvio e alto. L'impegno psichiatrico ha una legittimazione legale consolidata per le persone con gravi malattie mentali.

Certo, l'analogia tra SVP e impegno psichiatrico standard è imperfetta. La maggior parte dell'impegno civile è relativamente breve: l'impegno SVP può durare per tutta la vita. La maggior parte dell'impegno civile ha almeno l'intenzione di trattare e aiutare il paziente, di proteggerlo dai rischi e di prepararsi a un ritorno anticipato alla vita indipendente. Al contrario, l'obiettivo principale dei procedimenti SVP (tuttavia è velato) è proteggere la società, non il "paziente". L'incarcerazione supera il trattamento, che la maggior parte dei detenuti respinge con disprezzo.

La necessità del processo SVP è una sfortunata conseguenza di brevi frasi fisse – un problema che viene gradualmente corretto in quanto le condanne agli stupri si allungano e le disposizioni sulla parola diventano più rigorose. Queste correzioni correzionali sono soluzioni di gran lunga migliori dell'impegno psichiatrico, ma non si applicano agli stupratori già presenti nel sistema. Trovo che la partecipazione psichiatrica all'audizione SVP sia un deplorevole, ma temporaneamente un necessario ostacolo. Questi statuti sono riportati nei libri e sono stati confermati come tre volte separati dalla Corte Suprema. Se fatto in modo appropriato, le audizioni SVP possono soddisfare standard minimi costituzionali e professionali. Questo certamente non fornisce scuse per l'attuale pratica diagnostica scadente o per il fallimento dei tribunali di indicare chiaramente quali diagnosi si qualificano.

Non mi sorprende che la mia posizione di mezzo sia attaccata da coloro che credono che qualsiasi impegno SVP sia intrinsecamente un riassunto costituzionale e una macchia sull'integrità delle professioni di salute mentale che collaborano. Capisco e rispetto questa critica, ma credo che le complessità e le esigenze del problema richiedano una risposta più sfumata.

Gli stupratori non dovrebbero essere soggetti a un impegno psichiatrico involontario solo perché sono stupratori. Ogni volta che ciò accade (e lo fa), la costituzione e l'integrità professionale sono state violate. Ma l'impegno può essere giustificato quando lo stupratore agisce sotto l'influenza di un disturbo mentale adeguatamente diagnosticato, che è chiaramente predisposto ed è stato giudicato dai tribunali per qualificarsi. Quella pratica attuale è chiaramente inadeguata, una vergogna per la professione e le corti, ma questo non significa che l'impegno psichiatrico sia intrinsecamente e sempre ingiustificabile.

Non viviamo nel vuoto. La Corte Suprema ha avuto tre morsi alla mela e constata sistematicamente che gli statuti dell'SVP siano costituzionali. Il boicottaggio delle udienze SVP metterebbe a rischio le future vittime di stupro. Non c'è una soluzione perfetta. Ma se assumiamo questa deplorevole (e speriamo temporaneamente) responsabilità, siamo dannatamente sicuri di farlo nel modo giusto.

Solutions Collecting From Web of "Una sorpresa: io sostengo alcuni impegni SVP"