Una soluzione per la solitudine: Guest Post di Olivia Kate Cerrone

Migliorare la salute mentale attraverso la comunità e la scrittura.

Wikimedia Commons

Fonte: Wikimedia Commons

L’isolamento sociale è un’epidemia globale. È stato notato alla conferenza dell’American Psychological Association nell’agosto 2017 che la solitudine è una preoccupazione seria e crescente: la solitudine citata come minaccia per la salute pubblica / psicologiaToday.com. Tuttavia, la solitudine colpisce non solo gli anziani, ma anche i senzatetto e persino i veterani di ritorno. Il problema è così grave che il Regno Unito ha recentemente nominato un Ministro della Loneliness, in parte indotto dal rilascio del rapporto 2017, evidenziato dalla BBC, che fa notare che si stima che nove milioni di persone si identificano come “sempre sole”.

Negli Stati Uniti è stato riferito che 42,6 milioni di persone di età superiore ai quarantacinque anni lottano con la solitudine cronica, secondo lo studio AARP Loneliness pubblicato nel 2010. Per alleviare questi problemi, le organizzazioni utilizzano una risorsa inaspettata per connettere le persone: la creatività comunità artistica.

I risultati sono incoraggianti, in particolare tra quelli più vulnerabili all’isolamento sociale: i senzatetto. In Australia, uno studio promosso dal Comitato per l’etica della ricerca umana James Cook University ha osservato il benessere di coloro che sono coinvolti nel programma Four Arts. Questi partecipanti identificati come senzatetto e affetti da problemi di salute mentale e dipendenza cronica. La maggior parte era stata coinvolta nell’organizzazione senza scopo di lucro su base settimanale per almeno un anno.

Questi risultati sono stati pubblicati nel novembre 2011 nel Australian Occupational Therapy Journal. I ricercatori hanno trovato:

“Per molti partecipanti regolari, il programma Art è stato un evento significativo nella loro settimana e ha fornito sia routine che continuità nella loro vita,” uno che “stimola una spinta intrinseca verso l’impegno professionale con gli altri, che può essere di origine neurologica o sociale”.

Scrittori senza margini

Nel Massachusetts, queste scoperte fanno eco alle esperienze del veterano del corpo dei marine Mark N. Taylor, che ha sofferto di senzatetto cronico a Boston, MA dal 2013. Trae forza da Writers Without Margins, un’organizzazione senza scopo di lucro che sostiene le popolazioni sottoservite e senzatetto aiutandole condividi le loro storie. Taylor dice che l’organizzazione si sta stabilizzando e rafforzando.

Cheryl Buchanan, la co-fondatrice di Writers Without Margins, descrive i propri partecipanti come se avessero sperimentato “dipendenza, disabilità fisica, malattia, immigrazione, rientro in carcere, violenza domestica e terrorismo globale”.

Taylor ha scoperto la no-profit attraverso il passaparola mentre viveva per strada. “So dove sarò giovedì per un seminario. So che durante la settimana scriverò. Mi sento sicuro di condividere cose che sono vulnerabili “, dice.

Un recente rapporto del Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano del Dipartimento per gli alloggi e lo sviluppo urbano degli Stati Uniti stima che 554.000 persone vivano senza casa negli Stati Uniti, una cifra crescente che include un aumento del nove per cento delle persone senza bisogno di rifugi.

Attraverso il format del workshop, viene stabilito un nutrito sistema di fiducia tra partecipanti e facilitatori man mano che il lavoro originale viene creato, condiviso e rivisto. Vengono inoltre rafforzate le capacità pratiche e collaborative, che secondo Taylor promuovono un senso di realizzazione e il sostegno della comunità.

“Essere in un laboratorio è diventato importante per me”, dice. “Ho una fiducia ora che non avrei se non avessi i miei scritti e qualcuno a guardarlo e ascoltarlo. Ciò può riversarsi in altre cose che potrebbero essere più difficili. ”

Mentre l’obiettivo immediato di Taylor è quello di ottenere alloggi permanenti, ha anche intenzione di diventare un sostenitore per gli altri, aiutandoli a ricostruire le loro vite e le loro identità.

“Sono stato in molti rifugi e programmi di assunzione, e di solito vogliono sapere chi sei e perché sei qui”, dice Taylor. “Un sacco di persone hanno un problema a scriverlo. Una volta ho avuto una crisi di identità. Ora conosco la mia voce. Scrivo io. È l’unica battaglia che ho. ”

Writers Without Margins tiene letture pubbliche, produce un diario che celebra il lavoro dei suoi partecipanti e fornisce informazioni sul suo sito Web per consentire a individui e organizzazioni di essere coinvolti. Le comunità delle arti creative riuniscono le persone nel potenziare e stimolare i modi che favoriscono una maggiore compassione e consapevolezza. Nella lotta contro la solitudine, la società non può che beneficiare delle opportunità che offrono connessioni salvavita.

Copyright 2018 Olivia Kate Cerrone

Olivia Kate Cerrone insegna alla Suffolk University di Boston. È l’autrice di The Hunger Saint , (Bordighera Press), che è stata nominata uno dei “Best Book of 2017” della Brooklyn Rail. La sua scrittura è apparsa su The Huffington Post, Publishers Weekly, The Rumpus e altre pubblicazioni. È una facilitatrice di workshop di scrittura creativa per Writers Without Margins.

  • Dovremmo bloccare tutti i ragazzi?
  • C'è un momento giusto o un momento sbagliato per lasciare il tuo coniuge?
  • Allarme di San Valentino: Violenza contro le donne con tagli al budget
  • Sei emotivamente libero?
  • Insegnare ai bambini della Nuova Zelanda a uccidere gli animali è molto preoccupante
  • Hey Dr. Phil: possiamo parlare?
  • Terapia artistica creativa: approcci cerebrali alla violenza
  • Dovresti prendere un anno prima della scuola di specializzazione?
  • Depressione e amicizia
  • Comunicare attraverso il conflitto
  • Le nostre vacanze Oh So Violent a casa
  • Applicare alla Scuola di specializzazione per i Cambiamenti di carriera Parte 2
  • Counseling eticamente
  • Perché la leadership "macho" prospera ancora
  • Calendario di sensibilizzazione 2017
  • 5 fatti che tutti devono sapere sulla violenza domestica
  • Chi lo fa? Parte 2
  • Un addio al bar combatte
  • La dimensione conta
  • Scatti della scuola e controllo delle armi: un focus sul suicidio
  • Imprinting Kids for Violence Toward Animals
  • Il peso della ferita morale collettiva
  • Hai bisogno di parlare?
  • Uno stato dell'Unione e futuro in cui possiamo credere
  • Identità personale delle vittime rapite in seguito al salvataggio: Jaycee Dugard
  • Insegna ai tuoi giovani atleti Valori sportivi salutari: Parte II
  • The Silent Epidemic: Workplace Bullying
  • Contrastare l'impatto di un mondo stressante
  • Sesso durante la gravidanza tardiva: un rischio di parto prematuro?
  • Cosa mi ha insegnato mia madre
  • NO MORE: 7 lezioni dall'interno
  • In che modo il tuo divorzio può avere implicazioni psicologiche
  • Perché continuiamo a sculacciare (colpire) i bambini? Il problema con la punizione fisica (corporale)
  • Se consideri l'empatia come un segno di debolezza, ripensaci
  • Mi sono appena laureato. Non ne ho idea.
  • Altre riflessioni sulla 2a Conferenza mondiale sull'educazione artistica: verso la sinergia creativa