Una singola storia ti definisce?

ilolab/Shutterstock
Fonte: ilolab / Shutterstock

Quando ero in formazione per diventare uno psichiatra, una mente della vecchia scuola sul campo ha chiesto alla classe quello che pensavo fosse una domanda ovvia:

"Cosa pensi che sia il punto della terapia?"

Il mio braccio si alzò, ansioso castoro che io fossi: "Il punto di andare in terapia", dissi, "è di darti un futuro più luminoso."

"Sbagliato, dottor Boardman. Chiunque altro?"

Un altro coraggioso residente ha fatto un tentativo: "Il punto della terapia è cambiare il tuo presente", ha detto.

"Di nuovo sbagliato!" Muggì. "Il punto della terapia è cambiare il tuo passato ."

Ciò che intendeva era che le persone si attaccavano troppo alle storie che raccontavano del loro passato: la madre era fredda, il padre l'aveva abbandonata, il liceo era il migliore (o peggiore) della loro vita, e così via. Queste sono solo storie. Sono storie singole che raccontano parte di una storia, ma non l'intera storia. Per definizione, lasciano fuori molte informazioni e scavalcano sfumature e dettagli. Ciò che il bravo dottore stava cercando di spiegare era come riconoscere e lasciare andare le strette narrazioni che raccontiamo agli altri e ci diciamo che è liberatorio.

Il professore di economia Tyler Cowen affronta questo tema in un potente discorso TED, "Siate sospettosi delle storie". Ci mette in guardia dal basarsi troppo sulle storie perché semplificano eccessivamente le cose:

Quindi, quando elimini i dettagli, tendi a raccontare storie in termini di bene e male, sia che si tratti di una storia sulla tua vita o di una storia sulla politica. Ora alcune cose sono in realtà buone o cattive … ma come regola generale, siamo troppo inclini a raccontare la storia del bene contro il male. Come una semplice regola empirica, immagina ogni volta che stai raccontando la storia del bene contro il male, in pratica stai abbassando il tuo QI di dieci o più punti.

Siamo attratti da storie. Sono nella nostra natura e siamo programmati biologicamente per rispondere a loro. Detto questo, solo perché le storie ci aiutano a dare un senso alle cose insensate non significa che dovremmo essere troppo attaccati a loro o permettere loro di governare le nostre vite. Infatti, più è potente la storia che raccontiamo a noi stessi, più sospettosi dovremmo essere.

Cowen spiega perché:

Vieni sempre con le stesse poche storie. C'è il vecchio detto, quasi ogni storia può essere riassunta come, "Un estraneo è venuto in città." C'è un libro di Christopher Booker, sostiene che ci sono davvero solo sette tipi di storie. C'è mostro, stracci di ricchezza, ricerca, viaggio e ritorno, commedia, tragedia, rinascita. Non devi essere d'accordo con quella lista esattamente, ma il punto è questo: se pensi in termini di storie, ti stai ripetendo le stesse cose più e più volte.

Solo perché siamo in grado di legare ordinatamente un arco attorno a qualcosa, non è vero al 100 per cento. Le storie non sono tutte cattive, ma quelle a cui siamo troppo legati possono limitarci a vedere l'immagine più grande. Ci modellano in modi potenti e possono tenerci in ostaggio senza che nemmeno noi ce ne accorgiamo.

La scrittrice Chimamanda Adichie affronta il pericolo di storie singole e il valore di vedere al di là di loro:

Quando rifiutiamo la singola storia, quando ci rendiamo conto che non c'è mai una singola storia su nessun luogo (o persona), riottciamo una sorta di paradiso.

Metti in discussione le storie che racconti su te stesso e sugli altri. Lascia andare la narrativa e abbraccia la sfumatura, l'incertezza e il disordine glorioso che la vita può essere.

Gilda Radner lo dice meglio:

Volevo un finale perfetto. Ora ho imparato, nel modo più duro, che alcune poesie non fanno rima, e alcune storie non hanno un inizio, un centro e una fine chiari. La vita riguarda il non sapere, il dover cambiare, prendere il momento e trarne il meglio, senza sapere cosa succederà dopo. Deliziosa ambiguità

Per saperne di più visita: www.PositivePrescription.com

Solutions Collecting From Web of "Una singola storia ti definisce?"