Una risposta stoica al dolore

"Ogni volta che soffri di dolore, tieni presente che non è nulla di cui vergognarsi e che non può degradare la tua intelligenza guida, né impedirgli di agire razionalmente e per il bene comune. E nella maggior parte dei casi dovresti essere aiutato dal detto di Epicuro, che il dolore non è mai insopportabile o infinito, quindi puoi ricordare questi limiti e non aggiungerli nella tua immaginazione. Ricorda anche che molti fastidi comuni sono dolori mascherati, come la sonnolenza, la febbre e la perdita di appetito. Quando iniziano a buttarti giù, dì a te stessa che stai cedendo al dolore. "- Marco Aurelio

Nel 1931, durante un viaggio a New York City, Winston Churchill fu colpita attraversando la strada da un'auto che percorreva più di 30 miglia all'ora. Un testimone sulla scena era sicuro che fosse stato ucciso. Trascorreva circa otto giorni in ospedale con costole rotte e una grave ferita alla testa.

Churchill conservò in qualche modo la coscienza. Quando ha parlato con la polizia, ha fatto di tutto per insistere sul fatto che era completamente da incolpare e non voleva far nulla per venire al conducente. Più tardi, l'autista è venuto a visitare Churchill all'ospedale. Quando Churchill sentì che l'autista era senza lavoro, cercò di offrirgli – l'uomo che lo aveva quasi ucciso – dei soldi. Più che il suo stesso dolore, era preoccupato che la pubblicità dall'incidente avrebbe danneggiato le prospettive di lavoro dell'uomo e cercato di aiutare come poteva.

"La natura è misericordiosa", ha scritto in seguito in un articolo di giornale sull'esperienza, "e non prova i suoi figli, uomo o animale, oltre la loro bussola. È solo dove interviene la crudeltà dell'uomo che appaiono i tormenti infernali. Per il resto, vivi pericolosamente; prendere le cose come vengono; terribile, tutto andrà bene. "

Negli anni a venire, Churchill e il mondo sarebbero stati testimoni di alcuni dei tormenti più infernali che l'uomo potesse inventare. Eppure lui – insieme a molti dei nostri antenati – sopportò anche quel dolore. Per quanto orribile fosse, alla fine sarebbe tornato tutto bene. Perché come dice Epicuro, nulla è senza fine. Hai solo bisogno di essere forte e abbastanza gentile per superarlo.

E sì, certo a nessuno piace sentire dolore. Perché dovrebbero? Fa male. Eppure, Bill Bradley, il giocatore di pallacanestro e l'ex senatore degli Stati Uniti ha ragione: "Non c'è mai stato un grande atleta che non sapeva cosa sia il dolore". Questo può essere ampliato: non c'è mai stata una grande persona, proprio come Churchill nel esempio sopra: chi non ha provato dolore e non ha imparato da esso.

Quindi la prossima volta che sentite dolore, sia che si tratti di un braccio rotto o di un attacco di depressione o di un commento maleducato, pensate a cosa direbbe uno stoico. Dicevano: non mi piace, vorrei che non fosse successo, ma almeno sto imparando cos'è il dolore. Sto esplorando la mia tolleranza per questo. Sto crescendo a causa di esso.

L'ultima cosa che vuoi aggiungere all'equazione è l'amarezza o la colpa o la rabbia. "La rabbia sopravvive sempre male", afferma Seneca. Ci distrae anche dall'opportunità. Ci priva anche dell'istruzione che avremmo potuto ottenere in quel momento.

E in chiusura, ricorda un'altra frase di Seneca: "La sfortuna è l'opportunità della virtù." L'esercito dice più semplicemente: "Abbraccia il succhiare". Ogni inciampo, ogni momento doloroso, ogni lotta, ogni occasione persa, ogni fallo è tutto un momento in cui puoi praticare calma, forza, forza d'animo, capacità di recupero. È tutto un momento per praticare la virtù. Essere buoni, essere gentili, avere pazienza, essere comprensivi, essere la persona che dici di voler essere.

Non sarà facile. In effetti, probabilmente farà schifo. Ma ti renderà migliore.

Solutions Collecting From Web of "Una risposta stoica al dolore"