Una rana viene fatta cadere in acqua bollente

C'è stato un tempo non molti anni fa quando la violenza domestica era considerata una rarità estrema. Non aveva senso riferirlo alle autorità, che credevano anche che fosse una rarità e inoltre credeva che le donne mentissero o esagerassero. In molti paesi oggi, è ancora legale e normativo che un uomo colpisca sua moglie, dato che è considerata sua proprietà.

Eppure gli atteggiamenti sono cambiati drasticamente in Occidente e stanno iniziando a cambiare, anche nei paesi dell'Est, come l'India. Esistono servizi pubblici e privati ​​per le vittime di violenza.

Sill è difficile credere alla frequenza dell'abuso di partner intimi. Una su quattro donne eterosessualmente associate a una su tre nelle stesse relazioni di genere ha subito violenza domestica durante la sua vita. Le donne lesbiche sono ancora più riluttanti a denunciare a causa di pericoli così singolari che possono essere "scoperti" sul lavoro, perdere la custodia dei figli o essere visti come privi di solidarietà con la comunità.

In tutti i casi, sembra che l'abuso psicologico ed emotivo sia più difficile da superare rispetto all'abuso fisico e potrebbe essere più comune nelle relazioni in cui non esiste una differenza in termini di dimensioni o forza. L'abuso fisico più pernicioso sembra essere quello che viene definito "gaslighting". [1] Questo termine deriva da un'opera teatrale del 1938 in cui il marito cerca di far impazzire la moglie con tali comportamenti nefasti come abbassare le luci (le luci a gas erano ancora in uso al momento) e facendo finta di non vedere la differenza.

In altre parole, l'obiettivo è convincere la vittima che sta immaginando cose che non stanno accadendo. Comincia a dubitare della propria sanità mentale, poiché a quanto pare non ricorda le discussioni corrette che sono state fatte o meno, ecc. Questa è forse la forma più potente di abuso e la più difficile da guarire. "Gaslighting", come altre forme di abuso, tende a svilupparsi lentamente in una relazione. L'abuso è spesso analogizzato alla parabola di una rana posta in acqua calda. Se si inizia a una temperatura confortevole e si aumenta lentamente, la rana non si muoverà. Ovviamente se la gettassi in una pentola di acqua bollente, lei immediatamente salterebbe fuori. Poche se qualche donna entrerebbe in una relazione dove viene torturata. Quando inizia, la donna sta già mettendo in discussione la propria mente, la propria percezione e la propria memoria. Lei è in acqua calda tanto quanto la rana. L'illuminazione a gas può essere il tipo di abuso più difficile da recuperare [2]. Richiede il recupero della propria mente, non solo l'attesa di un'abrasione per guarire. Questo processo è spesso più complicato per le donne con bambini che cercano di guarire in modo che i bambini siano colpiti il ​​meno possibile, poiché i bambini in queste relazioni apprendono che l'abuso è "normale" e spesso finiscono come adulti in relazioni abusive.

L'aggressore è spesso molto articolato e affascinante, tanto convincente per il mondo esterno quanto al partner che le sue percezioni sono corrette e non sarebbero mai sospette di un tale comportamento da parte di altri.

Molto di questo si applica alle stesse relazioni di genere tra uomini, di cui parlerò in dettaglio in un futuro blog. Basti dire che per ora le femministe e le altre terapie sono attualmente occupate e preoccupate dei risultati dell'abuso di partner intimi.

[1] La National Hot Violence Hotline, What Is Gaslighting? Maggio 2014

[2] Kaschak, E. Intimo tradimento: violenza domestica nelle relazioni lesbiche, 2002, Haworth Press.

  • Prevenire le azioni malvagie: chi perpetra i tiri di massa?
  • James Holmes: A Psychiatric Analysis
  • Il denaro ti renderà felice?
  • Come il calcio e la commozione accrescono la speranza
  • Le forme di abuso emotivo e verbale potrebbero essere trascurate
  • Uomini non occupati contro donne: i social media mancano il punto
  • Perché la violenza domestica può passare da genitore a figlio?
  • I problemi di soldi non hanno nulla a che fare con problemi coniugali e altri cattivi consigli del passato
  • Per prevenire la violenza sessuale, i campus si rivolgono agli astanti
  • Quando impareremo mai? Dipendenze e abuso degli anziani; la pandemia in arrivo
  • Caregiving e complicate dinamiche familiari
  • Perché le scuole dovrebbero essere più educative
  • Tentativi futili di trovare il "movente" alla base di alcuni reati
  • Brooke Mueller e Charlie Sheen: Perché non lo lascerà?
  • Il diritto ad una relazione sana
  • Cyberstalking: il crimine in crescita più veloce
  • Il razzismo può causare PTSD? Implicazioni per DSM-5
  • Il tuo (ex) coniuge è pericoloso?
  • Lo stress tossico precoce cambia la struttura del cervello
  • Possiamo ringraziare il femminismo
  • Bestialità: fatti nascosti sull'abuso sessuale dei non umani
  • Boxe e abusi domestici
  • Quindi sei in una relazione con un narcisista, e adesso?
  • Gimme Shelter
  • Ora Dasher, Now Dancer, Now Danger?
  • La terapia online può aiutare i sopravvissuti?
  • Risposta a "La scuola non ha fatto nulla per fermare la bugia del bullismo"
  • Governare per abusi domestici: dal romanzo all'isolamento
  • Perché la storia di Mandy Moore è così importante?
  • Poliamore senza lacrime
  • Dare forma alle vite delle donne: i nostri corpi, noi stessi
  • La pericolosa perpetuazione dello stereotipo "Broken Vet"
  • Hey Dr. Phil: possiamo parlare?
  • Road Rage Revisited
  • Quando basta: il costo della perdita di parole
  • Perché sposarsi? Queste risposte potrebbero sorprendervi