Una pillola per prevenire i postumi di una sbornia? Sì davvero

L'anno è il 659 d.C .: la città centroamericana di Monte Alban detiene già 30.000 persone; il matematico indiano Brahmagupta ha introdotto l'uso di numeri negativi; Penda, l'ultimo re d'Inghilterra pagano, è appena morto in battaglia e un estratto dalla pianta di caprifoglio è considerato un rimedio a base di erbe per rilasciare veleni dal corpo, ridurre la febbre e come espettorante. Non ti importa di meno perché attualmente stai vivendo in Cina durante la dinastia Tang, hai appena passato la notte precedente bevendo troppo vino giallo (prodotto per la prima volta nel 2100 aC circa) e ora hai una sbornia.

Fortunatamente, c'è un estratto dall'albero orientale dell'uva passa, Hovenia dulcis , che recentemente è diventato popolare tra i tuoi compagni di festa come rimedio per molti dei tuoi sintomi. Ironia della sorte, i frutti di questo albero non sono in realtà uvetta, hanno solo un sapore come loro, e spesso erano soliti fare vino, che presumibilmente poteva anche produrre una sbornia. Un componente di questo estratto, noto come ampelopsina o diidromirricetina, può essere in grado di proteggere il fegato da varie tossine (Hase et al., Biol & Pharmaceut Bull, 1997).

Recentemente, un gruppo dell'UCLA (Shen et al., J Neurosci, 2012) ha pubblicato uno studio che dimostra che i ratti trattati con diidromiretetina erano significativamente meno vulnerabili agli effetti inebrianti dell'alcol. Questi topi erano in grado di consumare grandi quantità di alcol senza svenire. Non solo, hanno dimostrato meno indicazioni di essere appeso più tardi. Ancora più sorprendente dopo settimane di consumo di alcol, i ratti che hanno ricevuto questo estratto di erbe non hanno mostrato i soliti segni di dipendenza dall'alcool.

I ricercatori dell'UCLA hanno permesso a un gruppo di ratti di consumare l'equivalente di circa 20 birre in meno di due ore. Inutile dire che, in un breve periodo di tempo, i ratti erano svenuti e non erano in grado di raddrizzarsi da soli quando venivano posti sulla schiena. Circa un'ora dopo i ratti hanno iniziato a recuperare alcune semplici abilità motorie e una migliore coordinazione.

Un secondo gruppo di ratti è stato somministrato la diidromirricetina e quindi ha consentito l'accesso alla stessa quantità di alcol. Nel complesso, questi ratti trattati con estratti hanno tollerato l'alcol molto meglio. Hanno richiesto molto più tempo per dimostrare le abilità motorie alterate che la stessa quantità di alcol indotta nel primo gruppo di ratti. Inoltre, il loro stupore è durato per un periodo di tempo molto più breve; solo circa quindici minuti. Due giorni dopo i sintomi della sbronza, come l'aumento dell'ansia e la suscettibilità alle convulsioni, erano anche molto ridotti dal trattamento simultaneo con l'estratto dell'albero.

Diventa meglio! Gli autori hanno concluso che questo estratto potrebbe persino prevenire la dipendenza. La maggior parte dei topi che hanno offerto l'accesso gratuito all'alcol continueranno ad aumentare il loro consumo quotidiano; negli umani, chiameremmo questo diventando dipendenti. I ratti trattati con diidromiritricina non aumentavano il loro consumo giornaliero di alcol. Essenzialmente, sono rimasti solo bevitori sociali.

Si ritiene che la diidromiricetina sia in grado di raggiungere questi benefici bloccando l'azione dell'alcool nel suo sito primario di azione nel cervello, il recettore GABA. Pertanto, questo estratto non ti proteggerà dalle conseguenze negative negative del binge drinking sul fegato e altri organi. Pertanto, questo estratto potrebbe un giorno essere usato per prevenire i postumi di una sbornia o per salvare le persone dall'avvelenamento da alcol, che è esattamente quello che gli estratti di questo albero furono una volta reclamati nel 659 d.C.

© Gary L. Wenk, Ph.D. Autore di Your Brain on Food (Oxford Univ Press)

Solutions Collecting From Web of "Una pillola per prevenire i postumi di una sbornia? Sì davvero"