Una piccola speranza per il peloso e il quattro zampe

Gestisco un rifugio per cani con mia moglie. Siamo specializzati in cani di piccola taglia (il nome del santuario è Rancho de Chihuahua) e perlopiù ci sono emarginati: vecchi cani, cani malati, cani ritardati, cani che in realtà non hanno altro posto dove andare. Occasionalmente, ci ritroviamo con modelli più giovani e adottabili, e questo ci impone di partecipare alle adozioni.

Le adozioni sono di tutto, da un paio di persone sedute fuori da un negozio di animali in cerca di case per cuccioli di riparo, alla massiccia impresa in cui centinaia di cani vengono "piazzati" (questo è il termine tecnico per trovare una casa per un randagio).

Mia moglie tende ad andare a più adozioni di me e tende a tornare a casa con storie interessanti. Lo scorso fine settimana è tornata a casa da un'adozione gigante (oltre 400 animali sono stati collocati) con storie su un ragazzo afgano e suo padre. Il ragazzo era innamorato dei cani, era disperato di tornare a casa dalla fiera. Suo padre era meno sicuro. Ha messo da parte mia moglie e ha fatto alcune domande piuttosto elementari.

"I cani dormono dentro?" Fu il primo. Spiegò a mia moglie che nel suo paese i cani non dormivano dentro e cominciava a rendersi conto che le cose erano diverse in America. Era completamente contrario all'idea (ammetteva che poteva andar bene per un piccolo cane dormire dentro), ma ammise che c'era un grande divario culturale da attraversare.

Questo divario culturale è qualcosa che ambientalisti ed ecologi ed ecopsicologi hanno cercato di superare in questi ultimi decenni. Con l'attuale tasso di morte delle specie a 1000 volte più alto che mai nella storia, cambiare le percezioni culturali sugli animali che molti ritengono possa essere l'unico modo in cui possiamo salvare gli animali.

E in un momento in cui ci sono pochissime notizie ambientali buone da fare, ecco un po 'di tutto: funziona. Gli atteggiamenti culturali stanno cambiando. Non è solo l'adozione afghani del cane, è anche il suo paese d'origine. Allo stesso tempo, mia moglie stava cercando di convincere la gente ad amare un randagio, il governo dell'Afghanistan ha annunciato il primo parco nazionale della loro nazione, Band-e-Amir, proteggendo un paesaggio molto raro – una progressione di sei laghi di alta montagna separati da dighe naturali .

La fauna del parco ha sicuramente bisogno dell'aiuto. Il leopardo delle nevi, che vive lì, non è stato avvistato per 30 anni. Anche il numero di stambecchi, uragici, volpi, lupi e fringuelli polari afghani (l'unico uccello endemico in Afghanistan) è molto diminuito. Ma il parco dovrebbe fare molto per invertire queste tendenze.

Allo stesso tempo, Band-e-Amir stava aprendo le sue porte, gli Emirati Arabi Uniti annunciarono la prima riserva di montagna del paese, Wadi Wurayah Fujairah, una zona di 80 miglia quadrate di proprietà immobiliari incredibilmente importanti. 73 specie di uccelli, 17 famiglie di rettili, 12 specie di mammiferi, 74 famiglie di invertebrati – 11 delle quali sono nuovissime per la scienza – vivono tutte lì.

In entrambi i casi, i rapporti che emergono da questi paesi affermano che questi parchi sono stati creati con il supporto locale schiacciante. Questo è un enorme passo avanti. In alcune parti del mondo in cui gli animali di solito si limitano a pensare al loro valore d'uso, cioè alla loro utilità per gli umani, mettere da parte immobili di valore per la loro protezione è il tipo di spostamento mentale che stavamo aspettando.

È qualcosa di molto raro in questi giorni: un po 'di speranza.

Solutions Collecting From Web of "Una piccola speranza per il peloso e il quattro zampe"