Una nuova definizione di Crazy

Consentitemi di raccomandare un libro, intitolato Crazy: uno sguardo creativo e personale alla malattia mentale, di Michael Hanna, Tami Leino Hanna e Tutti i Crazy Artists di Adams Place . 150 adulti con malattie mentali hanno contribuito con parole e immagini, e il libro è stato un vincitore del Colorado Book Award. (Puoi trovarlo su www.adamsplacecrazy.org)

Ho letto molti libri sulle malattie mentali, da Eric Kandel in The Principles of Neuroscience a Schizophrenia for Dummies al romanzo di John Wray Lowboy , ma non ho mai letto niente del genere. Crazy è un contributo completamente originale e bello alla letteratura. Per prima cosa, è visivamente sbalorditiva, un'esplosione di colori e immagini con una sensazione da scrapbook che ti dà l'esperienza autentica di una serie di disturbi emotivi, dal disturbo bipolare al DOC fino alla suicidalità, disturbi alimentari, schizofrenia, ADHD, PTSD. L'estetica dominante è quella della giustapposizione: montaggio, collage, testo stampato, disegni, dipinti, scarabocchi, elenchi, pagine strappate, ritagli, poesie, diari, saggi, storie e "fatti" di queste malattie, nella misura in cui i fatti sono noti E da questo schieramento arriva l'arte. Non arte "pazza", ma arte. E dove, in effetti, si disegna la linea? Il paradosso di queste malattie è che mentre sono classificate come "disturbi" che portano a disfunzione significativa, sono anche molto simili a un dono. Vedendo il mondo da un altro luogo di percezione accresciuta, sensibilità squisita e dolore, questi artisti offrono intuizioni profonde, proprio perché vedono e sperimentano le cose in modo obliquo, da un angolo inclinato.

C'è troppo qui per raccontare qualcosa come l'intero libro. Mi sono solo immerso, me stesso; un approccio che raccomanderei. Puoi esaminare le sezioni di particolare interesse o scegliere una pagina che attira l'attenzione. Per citare alcune cose mi sono imbattuto in:

La spiegazione dell'uso di "Pazzo" da parte di Michael Hanna come una mossa per riprendere "pazzo" rifiuta le sue connotazioni di stigmatizzazione e licenziamento e la celebra. "Volevo una parola che non sentisse come se appartenesse a un'aula scolastica, o in uno studio medico, o in uno di quegli annunci di farmaci prescritti in tv …" (pagina 10) Egli afferma che "pazzo" è un parola come "amore", un filo conduttore nella vita umana con molti significati. Mi è piaciuta anche la sua analisi di una smorfia maniacale, che inizia con la nozione di "carino", ma notando che l'umorismo e l'energia luminosa si tingono di elementi distruttivi: un fuoco furioso, una lama sega rotante (pagina 65). La commovente riflessione di Tami Leino Hanna sul riverbero a vita della morte del fratellino all'età di due anni (pagina 208-9) e il suo scherzoso commento sull'enorme poesia di S. Schmeling, "Uova strapazzate di cervello" (pp. 138-90. Altri pezzi: "I Have Traveled" di AKF con la sua immagine di un treno che raccoglie velocità e si frantuma (pp. 112-113), un diario di bordo, "Perso in un mondo che non è il mio" (p.109) , il poema di Matthew Skyler Verstraete, "La notte silenziosa mi passi accanto …" (pp. 96-7) e il suo saggio sulla morte di sua sorella da un'overdose (pp. 26-7).

Gran parte dell'arte visiva ha un'affascinante qualità criptica, con giochi di parole, icone enigmatiche e numeri – metà espressione e mezzo codice segreto. È come se l'arte guardasse in due direzioni, la liberazione privata (la nozione terapeutica) e anche esteriore verso il mondo, una comunicazione attraverso mezzi estetici.

Ho pensato per molto tempo che il confine tra "pazzo" e "dotato" sia molto sottile: la rapida capacità di vedere schemi e leggere significati ovunque è il dono. E le straordinarie intuizioni di coloro che soffrono di "pazzi" sono un regalo per tutti noi.

Quindi finirò dove ho iniziato, con la raccomandazione più forte possibile che tutti leggano Crazy. Sebbene il libro fornisca informazioni attendibili sulla gamma delle malattie mentali, è essenzialmente una risposta alle liste dei sintomi secchi del Manuale Diagnostico e Statistico; celebra il mistero dell'individualità, il nucleo interiore che sfugge a tutte le nostre categorie e ci tocca profondamente, per sempre.

Solutions Collecting From Web of "Una nuova definizione di Crazy"