Una minaccia nascosta per la salute umana e ambientale

Alcuni titoli della Giornata della Terra 2016 rivelano una minaccia nascosta per la vostra salute, il mio e l'ambiente da cui dipendiamo e che dobbiamo proteggere.

Studio – Warming dando agli Stati Uniti il ​​tipo di tempo che preferiamo – per ora.

Un'analisi apparentemente spiritosa di Patrick Egan della NYU e Megan Mullin of Duke suggerisce che, dal momento che il cambiamento climatico ha reso il tempo più simile a quello che preferiamo, non ci interessa tanto il cambiamento climatico come una minaccia. Per quanto attraente possa sembrare l'idea, è, purtroppo, una cuccetta poco profonda che ci distrae dall'importante sfida di capire veramente perché le persone non si preoccupano abbastanza dei cambiamenti climatici per spingere i nostri governi a un'azione più aggressiva.

Come riportato da Seth Borenstein di AP, Egan e Megan Mullin hanno creato un indice di preferenza meteorologica che ha esaminato dove le persone scelgono di vivere, prendendo in considerazione l'impiego e altri fattori. Abbiamo scoperto che ci piacciono le temperature più miti, e per il 99% degli americani, gli inverni si sono riscaldati di 1 grado Fahrenheit un decennio in inverno e solo un settimo di grado un decennio in estate, lo studio ha rilevato.

Sì, e ci piacciono molto quelle siccità, gli incendi delle foreste e le inondazioni, e tutto il tempo estremo, distruttivo, a volte mortale che è aumentato, che molti esperti climatici dicono sia associato al cambiamento climatico. Che cosa? Egan e Mullin non hanno influenzato il clima estremo nel loro studio? Uh, oops !?

Ma oltre a quell'enorme debolezza intellettuale nella loro argomentazione, Egan e Mullin trascurano completamente ciò che la ricerca sulla psicologia della percezione del rischio di Paul Slovic e altri ci dice sul perché le persone non si sentono profondamente preoccupate per il cambiamento climatico. Non ci preoccupiamo molto delle minacce che non ci minacciano personalmente, e non ci minacciano presto. Sondaggi di Anthony Leiserowtiz e Ed Maibach e altri mostrano ripetutamente che solo una piccola minoranza crede che "i cambiamenti climatici minacciano me o la mia famiglia". Nessuna minaccia personale o imminente? Non ho molta paura.

E la ricerca sulla Cognizione Culturale di Dan Kahan ha scoperto che una considerevole minoranza di americani non è così preoccupata per il cambiamento climatico perché risolvere un problema così grande sposterà la società verso un mondo comunitario "siamo tutti in questo insieme" che non è il modo in cui le persone più individualiste mi lasciano in pace, la gente vuole che la società operi. La soluzione dei cambiamenti climatici richiederà anche un maggiore intervento del governo, il che non è il modo in cui le persone che si identificano come politicamente conservatrici vogliono che la società operi.

Sì, è un problema che più persone non si preoccupano molto di più dell'enorme minaccia dei cambiamenti climatici. Ma è anche un problema quando studi come il lavoro di Egan e Mullin ci distraggono da ciò che la ricerca ci dice sono le vere radici di questa Percezione del rischio, un divario tra le nostre paure e i fatti che rappresentano il pericolo da solo.

Ecco un'altra pericolosa Percezione del rischio Gap in occasione della Giornata della Terra 2016. Gizmodo riferisce che dovremmo essere molto preoccupati per quella struttura di rifiuti nucleari che perde a Washington . Una perdita in un serbatoio a doppia parete contenente rifiuti radioattivi del Dipartimento dell'Energia che lavora sulle armi nucleari è diventata più grande. È ancora piccolo, ed è solo nel muro interno di una dozzina di carri armati, e niente può uscire attraverso il muro esterno che potrebbe esporre i lavoratori o l'ambiente (questo è lo scopo dei serbatoi a doppia parete in primo luogo). Quindi il vero rischio è, beh, … non ce n'è, almeno non ancora.

Ma il sito di Hanford Washington è stato un disastro da decenni e le promesse del governo di ripulirlo sono state ripetutamente interrotte. La Maddie Stone di Gizmodo identifica correttamente questo come il vero problema.

"… questo è un sintomo di un problema molto più grande che è stato in pericolo per decenni".

Le promesse infrante erodono la fiducia, il che aumenta la paura che le perdite possano peggiorare e che i cattivi rifiuti all'interno di quei carri armati potrebbero un giorno venire fuoriuscire.

Ma anche se il muro esterno di quel serbatoio si spalanca e le scorie radioattive fuoriescono da tutte le parti, il rischio per le persone o per l'ambiente è ancora minuscolo. Questo perché l'effettivo impatto biologico derivante dall'esposizione alle radiazioni ionizzanti (nucleari) non è affatto così male come comunemente si teme. Lo studio Life Span di 86.600 sopravvissuti di Hiroshima e Nagasaki che si trovavano a meno di 6 miglia da quelle esplosioni ed erano esposti a dosi di radiazioni a livello di bomba atomica, ha scoperto che quelle dosi gigantesche aumentavano il tasso di mortalità per cancro di appena il 2/3 dell'uno per cento . Tra i sopravvissuti che erano più lontani e sono stati esposti a dosi più basse (meno di 100 milliseiverts, che è ancora tre volte superiore alla media di cui è sopravvissuto il sopravvissuto di Chernobyl), non ci sono stati aumenti delle malattie radiogeniche rispetto ai tassi di tali malattie in 20.000 non -exposed giapponese che sono stati anche seguiti. E 70 anni dopo, non ci sono stati effetti genetici multi-generazionali da esposizione alle radiazioni, danni genetici tramandati ai bambini o nipoti dei sopravvissuti.

Il rischio derivante dall'esposizione a dosi elevate alle radiazioni nucleari, seppure reale, non è affatto così grande come abbiamo iniziato a temere.

Ma il divario di percezione del rischio sulle radiazioni nucleari promuove la paura e la resistenza all'energia nucleare, che potrebbero aiutare a combattere il cambiamento climatico. Gli ambientalisti della vecchia scuola tinti di lana non possono lasciare andare la loro resistenza al nucleare – "Il solare e l'energia eolica possono sostituire completamente i combustibili fossili!" Affermano ingenuamente – e questa resistenza, così come la mancanza di generale la preoccupazione dell'opinione pubblica sui cambiamenti climatici, rende più difficile per i nostri leader cercare di ridurre al minimo quello che è di gran lunga il più grande rischio ambientale che la terra occupata dall'uomo abbia mai affrontato.

Happy Earth Day, 2016. Affrontiamo enormi problemi, enormi minacce. Uno di questi, si scopre, è la nostra incapacità di riconoscere la minaccia dal Risk Perception Gap stesso … come la nostra psicologia della percezione del rischio ci lascia troppo preoccupati per alcune cose e non preoccupati abbastanza per gli altri, portando a scelte e comportamenti pericolosi tutto da solo .

La buona notizia di questo Earth Day è che abbiamo studiato attentamente questa psicologia della percezione del rischio. Lo capiamo bene. Ora è il momento di utilizzare ciò che abbiamo imparato per aiutarci a fare scelte più saggi e più sicure, per noi stessi e per l'ambiente di cui abbiamo bisogno e vogliamo proteggere.

Solutions Collecting From Web of "Una minaccia nascosta per la salute umana e ambientale"