Una migliore vita attraverso la chimica: la pillola del successo

Would you take a pill for success?

Finché non ci separammo prematuramente, i miei anni da adolescente furono trascorsi in un collegio privato, con tasse scolastiche alte che per lo più erano sprecate per me. Certo, ero un solido studente di "B", ma ciò era dovuto in gran parte a un insieme ragionevolmente buono di geni tramandati dai miei genitori. Certamente non è stato per la diligenza o lo sforzo da parte mia. Non avevo ancora imparato a concentrarmi, e se un progetto richiedeva che questo elemento fosse assente dalla mia psiche, non lo avrei fatto bene o in tempo. Ho scritto saggi ore prima che fossero dovuti e il mio studio di prova avrebbe potuto essere incluso in un documentario sul cramming. A volte ho cercato di iniziare prima, ma la mia mente è sempre scivolata altrove. Bene, quasi sempre.

L'unica eccezione è avvenuta a causa di un compagno di scuola. Era stato formalmente diagnosticato con Disturbo da deficit di attenzione e conseguentemente ha ricevuto una fornitura costante del farmaco Ritalin. Sapendo che stavo avendo problemi con un imminente progetto di scrittura creativa, mi diede alcune compresse come aiuto per lo studio. Nella privacy della mia stanza dormitorio, ho ingoiato queste piccole pillole rotonde e ho iniziato a scrivere. Il farmaco era notevole e presto si mostrò quando le parole iniziarono a riversarsi sulla pagina sempre più velocemente. Formarono frasi e poi paragrafi, che presto divennero sezioni complete. Verso le tre del mattino, dopo aver superato di molto la lunghezza della parola raccomandata, ho semplicemente deciso di averne più che sufficienti e ho legato il pezzo. Non era perché ero stanco o non avevo altro da dire. Avevo la concentrazione da vendere e la volontà di continuare, ma il compito era semplicemente già fatto e poi alcuni. Il Ritalin aveva reso facile ciò che era difficile, e l'ho adorato. Se potessi avere la mia ricetta, lo farei. Invece, ho dovuto imparare a concentrarmi senza droghe.

La mia storia potrebbe essere vecchia di tre decenni, ma certamente non è la nostra prima incursione in soluzioni farmaceutiche a problemi motivazionali. Sigmund Freud, ad esempio, era temporaneamente un sostenitore della cocaina come stimolante del lavoro, tra una miriade di altri usi. Oggi, il desiderio per la pillola perfetta continua. Proprio come gli atleti hanno i loro steroidi, anche gli intellettuali possono aumentare le loro prestazioni.

Una delle star del recente thriller cinematografico Limitless è stata una pillola: la tanto desiderata (e fittizia) droga nootropica NZT-48. Nel film, NZT-48 non solo ha il potere di curare tutte le tendenze di procrastinazione, ma dona anche il triplo QI, permettendo piccoli trucchi come richiamo istantaneo e totale. Tutto ciò che hai mai letto, visto o imparato rimane con te in modo permanente se prendi il farmaco. Sotto l'influenza della NZT-48, il protogonista del film, Eddie Morra (interpretato da Bradley Cooper), si trasforma da uno scrittore senza successo in uno dei maestri del mondo. Tuttavia, Limitless non è interamente un'invenzione di Hollywood; è semplicemente un'esagerazione della realtà. I farmaci nootropici, chiamati anche farmaci intelligenti, stimolatori della memoria o esaltatori cognitivi, esistono davvero, anche se la loro efficacia è controversa.

Sebbene le linee di prodotto volte a migliorare chimicamente la memoria siano ancora in fase di sviluppo, alcuni altri neuroenhancers sono già sul mercato per aumentare la concentrazione. Ho già menzionato Ritalin ma farmaci come Modafinil (ad esempio, Provigil) e Adderall stanno diventando noti anche come pillole anti procrastinazione. Un crescente mercato secondario (anche se a volte illegale) di questi farmaci è come ausili di studio per gli studenti nei vari livelli di istruzione, dalla scuola superiore alla scuola medica e poi ai professori che li insegnano. Le stime del loro uso da parte degli studenti universitari spesso superano l'una su dieci, quindi è probabile che almeno conosciate qualcuno personalmente che le abbia utilizzate. La vera domanda, tuttavia, è se "curano" la procrastinazione e se sì, come.

Il farmaco di motivazione più noto è il mio vecchio amico Ritalin (disponibile sotto marchi come Concerta e Metilfenidato); comunemente prescritto per chi soffre di ADHD, è indicato come "Vitamina R" dal mercato secondario della droga di utenti degli studenti. Fa una grande varietà di effetti desiderabili per diminuire la procrastinazione. È noto per la sua capacità di aumentare la memoria spaziale, aiutando l'utente a ricordare meglio grafici e diagrammi, ed è stato anche collegato ad aumentare la concentrazione e la vigilanza. Inoltre, dal momento che il numero uno delle ragioni per cui la gente proclastina è troppo stanco, qualsiasi anfetamina fornirà sicuramente una spinta di energia – sono "tosti". Chiedendo alla nostra università, non è stato difficile trovare alcuni utenti. Uno studente ha riferito di aver usato Concerta solo durante le fasi finali e di medio termine, quando aveva bisogno di studiare per lunghi periodi di tempo e di conservare una grande quantità di informazioni. Gli effetti elencati includevano l'appetito gravemente diminuito, l'incapacità di addormentarsi facilmente e l'importantissimo aumento significativo dell'attenzione ai dettagli. Per queste ragioni sosteneva che non avrebbe mai assunto le pillole a meno che non avesse un disperato bisogno di concentrazione, dato che costose da ottenere e gli effetti collaterali sono generalmente più difficili da affrontare rispetto al lavoro reale.

Adderall si comporta in modo molto simile al Ritalin, essendo entrambi derivati ​​di anfetamina, quindi salteremo il discorso e andremo a Modafinil, creato per trattare la narcolessia e spesso usato nelle terapie cognitive (Ghahremani, 2011). Alcuni affermano che è più efficace del Ritalin come potenziatore cognitivo. Gli studi dimostrano che esso provoca una concentrazione nell'attività cerebrale verso la corteccia frontale e quindi aumenta le prestazioni cognitive in individui giovani e sani. In uno studio condotto nel 2003, la dott.ssa Barbara Sahakian ha riferito che i soggetti che avevano assunto Modafinil si sono spostati da un'attività all'altra più agevolmente e adattati rapidamente senza essere stressati o ansiosi di fronte a stimoli contrastanti. Sahakian ha suggerito che Modafinil "potrebbe essere la prima vera droga intelligente" e che "molte persone probabilmente lo prenderanno. Sospetto che lo facciano già. "Uno studio svolto l'anno scorso ha scoperto che sia Modafinil che Ritalin hanno migliorato la memoria, ma che solo Modafinil ha aumentato le funzioni cerebrali di veglia e ordine esecutivo, sebbene i suoi effetti si siano attenuati nei pazienti che erano privati ​​del sonno (Repantis, 2010) .

Queste droghe sono una scorciatoia per eliminare la procrastinazione? Possiamo dimenticare tutte quelle tecniche motivazionali che gli scienziati hanno coltivato nel corso dell'ultimo secolo, mettere da parte il dibattito sul fatto che la procrastinazione sia causata dal perfezionismo o dall'impulsività e semplicemente spuntare una pillola? Lo troverei molto deludente visto che ho dedicato gran parte della mia vita allo studio della procrastinazione, ma esploriamo comunque l'opzione.

Per cominciare, questi farmaci neuroenanici non sono per tutti. Potresti non trovare la loro efficacia che valga gli effetti collaterali. La chimica del cervello di tutti è leggermente diversa, e le droghe non sono universalmente efficaci – e anche se lo fossero, il costo potrebbe essere eccessivo. Ad esempio, il finto farmaco Limitless NZT-48 non era privo del suo prezzo; smetti di usarlo una volta e hai iniziato a morire. Consideriamo Adderall. Sebbene parte della famiglia delle anfetamine e legata alla droga "velocità", a causa della sua composizione Adderall è molto meno abrasivo. Tuttavia, tradisce le sue origini con questa litania di effetti collaterali segnalati per Adderall da http://adderallsideeffects.org/:

Effetti indesiderati comuni di uso o abuso di Adderall includono anoressia, secchezza delle fauci, sete cronica, sviluppo di disturbi del sonno o disturbi generalizzati del sonno, cefalea cronica o emicrania, dolore allo stomaco, ipertensione, perdita di peso improvvisa e inspiegabile, sbalzi d'umore o altri cambiamenti emotivi, nausea con vomito, vertigini improvvisi o svenimento, sensazione generalizzata di debolezza o stanchezza, improvviso aumento della frequenza cardiaca, maggior rischio di infezioni, febbri inspiegabili, bruciore di stomaco, dolori al petto e rallentamento della crescita nei bambini. Coloro che usano il farmaco per un lungo periodo di tempo possono anche sperimentare gravi ritiri, periodi di depressione e, con estremo abuso, psicosi da anfetamina.

Questo è un prezzo pesante. Posso capire perché il mio suddetto studente universitario abbia saggiamente risparmiato il suo uso di droghe per occasioni accademiche speciali (specialmente perché gli effetti collaterali si intensificano con l'uso ripetuto).

Modifinol, tuttavia, è una storia leggermente diversa. Gli effetti collaterali non sono in genere così gravi, consentendo alle persone di inserire una giornata di 20 ore di lavoro concentrato nel loro programma. Di conseguenza, in ambienti altamente competitivi come l'imprenditorialità o la scuola medica, l'utilizzo di questo per ottenere un vantaggio non è raro. Altri lo usano solo per fare le cose, come un utente riporta " Con il passare delle ore, mi sono ritrovato a fare cose che di solito odio, i piatti, il bucato, pulire la mia stanza e completare i compiti con assolutamente nessuna sensazione di sonnolenza ." Alla fine, però, è necessario riuscire a dormire, poiché l'efficacia di Modifinol diminuisce e più ore passate lontano dal letto.

Riflessivamente, non mi piacciono le implicazioni del Modifinol. Sa di tossicodipendenti soma da Huxley's Brave New World. Rinunciamo alla nostra umanità diventando farmaceuticamente assistiti? Mettiamola così, vuoi davvero i tuoi figli con queste droghe? Se è così, come possiamo iniziare i giovani? Ad esempio, il mio più anziano ha quasi sei anni e a volte lo trovo un po 'a disagio. Che ne dici di lui? Inoltre, sono sospettoso di ottenere qualcosa per niente. La mia capacità di concentrazione deriva dall'attenta coltivazione delle routine di lavoro e dal controllo del mio ambiente di lavoro, essenzialmente ciò che ho delineato nel mio libro. Ci sono voluti sforzi, ma posso regolarmente ottenere fino a dieci ore di concentrazione davvero solida al giorno, anche se riconosco che è la metà di ciò che gli utenti di Modifinol segnalano.

Altri sostengono che i potenziatori cognitivi sono la via del futuro. Nella rivista di punta della scienza Nature un articolo influente era intitolato "Verso un uso responsabile dei farmaci che potenziano le capacità cognitive da parte dei sani". Un altro, "Il piccolo aiutante del professore", ha concluso che "Riteniamo che sarebbe difficile fermare la diffusione in uso di cognitivi esaltatori. "Con riluttanza, sono d'accordo. Indipendentemente dal fatto che io creda che questi farmaci siano sbagliati o giusti, il futuro vedrà un loro uso molto più grande, in parte perché far scattare una pillola è facile e tutti ci piacciono facilmente. Inoltre, se questi farmaci soddisfano le loro promesse, quelli che li prenderanno saranno probabilmente quelli che andranno avanti. Ad eccezione di una minoranza di persone naturalmente eccezionali, non saremo in grado di competere senza di loro. Forse preso insieme alla nostra tazza di caffè mattutina, lo slogan di domani sembra essere "da bere o essere lasciato fuori".

E come ultima nota a tutti quelli desiderosi che Modifinol diventi generico nel 2012, sosterrò che se i neuroenhancers sono l'equivalente cognitivo degli steroidi, le buone tecniche motivazionali sono l'equivalente dell'esercizio. Quest'ultimo non andrà del tutto fuori di favore, anche se solo consente migliori risultati dal primo. Ma davvero, spero che l'esercizio sia tutto ciò di cui hai veramente bisogno.

Vuoi saperne di più su di te? Partecipa a uno dei nostri sondaggi online su diversi aspetti della tua pesonalità e ottieni un feedback immediato su di te.

Mellers, BA (2000). Scelta e il piacere relativo delle conseguenze. Bollettino psicologico, 126 , 910-924.
Ghahremani, DG, Tabibnia, G., Monterosso, J., Hellemann, G., Poldrack, R., & London, ED (2011). Effetto del modafinil sull'apprendimento e sull'attività cerebrale correlata al compito in soggetti sani e dipendenti dalla metanfetamina. Neuropsychopharmacology, 36 (5), 950-959.
Repantis D., Schlattmann P., Laisney O., e Heuser I. (2010). Modafinil e metilfenidato per neuroenhancement in individui sani: una revisione sistematica. Pharmacol Res, 62 (3), 187-206.

Solutions Collecting From Web of "Una migliore vita attraverso la chimica: la pillola del successo"