Una meditazione sulla meditazione

Questo blog cura le voci della Division of Psychoanalysis (39) dell'American Psychological Association. Mitchell Milch, LCSW, sottomette questo post e nota che è una settimana divertente in cui entrambi ottiene un credito scritto e si laurea come psicoanalista.

La meditazione è il controllo della qualità secondo le tecniche di cottura di uno chef – praticata costantemente, consente una qualità costante dei "piatti". È l'equivalente psicologico di una ballerina che prova i movimenti sulla sbarra o di un tennista prima di una partita per affinare la tempismo e ritmo della sua coordinazione occhio-mano. In breve, la meditazione è una best practice quotidiana – un riscaldamento per l'auto-consapevolezza e l'autodisciplina, che porta alla fine ad essere presente in un modo emotivamente intelligente.

Lanciamo l'ancora nel momento presente rallentando e approfondendo la respirazione. Si tratta di trovare l'equilibrio tra il tuo sé che sperimenta e il tuo sé che osserva, o, a livello neurofisiologico, l'equilibrio tra emisfero destro e sinistro del cervello. O sul trovare l'equilibrio tra l'intelligenza che vive nel tuo cervello e l'intelligenza che vive distribuita in tutto il tuo corpo (gli psicoterapeuti spesso chiedono ai pazienti: "Se il tuo stomaco potesse parlare in quel momento, che cosa potrebbe raccontare?").

Questa presenza può aiutarci a scoprire la verità nella nostra intuizione, distillata da indagini ponderate su ciò che apprendiamo da prove ed errori. Senza la migliore pratica di presenza nata dalla meditazione, i falsi allarmi intuitivi inconsci di un cervello traumatizzato sono facilmente inciampati da stimoli innocui inaffidabili e non validi – la nostra intuizione accumula difetti e può essere casuale e imprevedibile come le fluttuazioni del mercato azionario. La presenza estende le nostre conoscenze riconoscendo e dando un senso alle anomalie a volte minute nei comportamenti a pattern.

La meditazione e la presenza ci aprono psicologicamente in modo che possiamo dare nuova vita alle vecchie idee. Artisti e atleti parlano di questo spazio come "flusso" o essere "nella zona". Sappiamo che il tragico difetto del cervello traumatizzato è che raramente è "fresco sotto pressione". Ma la consapevolezza di questi pendoli modulati dal trauma -come le oscillazioni tra passato e futuro possono indicare la necessità di qualche autoanalisi prima di tornare alle sfide dei nostri giorni.

Praticare la meditazione può essere tanto facile quanto difficile quanto il tuo livello di resistenza all'essere con te stesso. Ad esempio, quando si avvia un programma di allenamento, è possibile convincersi che per iniziare l'allenamento è necessario l'abbigliamento giusto, la palestra giusta, l'allenatore giusto, il giusto comfort guardarsi allo specchio ecc. Questa mancanza di auto-comfort è una barriera importante per entrare nel mondo della formazione del corpo. La mancanza di auto-conforto può rendere difficile essere veramente presenti in te stesso e quindi solleva una barriera simile nel mondo dell'allenamento della mente. Forse decidi che non puoi iniziare a meditare fino a quando non cerchi la tecnica più efficace, scegli un mantra e progetta uno spazio in cui puoi sederti tranquillamente per 30 minuti ogni giorno.

Invece, inizia semplice. Prova a respirare profondamente per ancorarti nel tuo corpo mentre lavi i piatti. Il dott. Herbert Benson dell'Università di Harvard, padre della meditazione occidentale, suggerisce che essere presenti è (in qualche modo semplice) imparare a partecipare alle esperienze sensoriali come ancore. L'insegnante spirituale, Eckert Tolle, vede la presenza come il momento in cui sei consapevole che la tua mente è stata in un'escursione altrove. Puoi creare questa presenza mentre cammini per strada approfondendo la respirazione e prestando attenzione alle esperienze sensoriali dei tuoi passi.

Immagina un grado di separazione tra il tuo sé esperienziale e osservatore. Immagina lo spazio limitato creato dalla tua mente presente. Immagina nuove possibilità per stare con te stesso e con i tuoi cari.

Solutions Collecting From Web of "Una meditazione sulla meditazione"