Una lezione preziosa dagli anziani

Una lezione inestimabile da parte degli anziani:

La sofferenza è facoltativa

Quasi due decenni di lavoro con persone in una casa di cura mi hanno fornito ampie opportunità per approfondire l'umanità. Alto tra i gioielli acquisiti di saggezza è che, sebbene non possiamo evitare completamente il dolore e accompagnando la sofferenza, non siamo indifesi nell'alleviare l'angoscia emotiva. Nel seguente estratto dal mio libro, Lezioni semplici per una vita migliore: Ispirazione inaspettata dall'interno della casa di cura 1 , discuto alcune osservazioni che mi hanno portato a questa valutazione positiva della resilienza emotiva umana.

Jonathan è un ottantasettenne nato in Giamaica che è venuto in questo paese da giovane. È sposato con Claudette, anch'essa giamaicana, che ha incontrato a lavoro quando entrambi avevano poco meno di vent'anni. Jonathan ha goduto di una carriera nelle vendite e ha sostenuto bene Claudette e le loro due figlie. È venuto alla casa di cura diversi anni fa a causa della debilitazione da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e cardiopatia. È cronicamente debole, stanco e bisognoso di assistenza. La coppia ha subito la morte di una figlia diversi anni fa e l'altra è deceduta due mesi fa. Sua moglie, anche lei residente in una casa di riposo a causa di un cancro, è stata recentemente entrata e uscita dall'ospedale. Comprensibilmente, la perdita scioccante del loro secondo figlio ha profondamente turbato entrambi.

In una recente visita, Jonathan mi ha guardato dritto negli occhi e ha chiesto: "Quanto dovrei essere in grado di prendere ancora?" La sua domanda per me, che era più di una dichiarazione ("Questo è troppo per me da prendere ! "), Ha evidenziato la difficile realtà nella casa di cura e nella vita: c'è sofferenza dolorosa. Succedono cose cattive che ci causano dolore, tristezza, frustrazione, tormento e disagio. Ci ammaliamo, perdiamo persone a noi care, perdiamo posti di lavoro a causa del ridimensionamento, sperimentiamo il rifiuto personale, abbiamo pressioni finanziarie e ci confrontiamo con i molti problemi della vita quotidiana. Cosa potrei fare per alterare la salute di Jonathan o modificare la devastante circostanza della morte prematura dei suoi figli o migliorare le condizioni cliniche terminali della moglie? Non una cosa benedetta. Cosa potrei fare per aiutarlo? Plenty. Mi rendo conto che è impossibile cambiare magicamente le circostanze esterne causando a Jonathan un tale profondo turbamento. Tuttavia, so anche che le sue circostanze interne possono cambiare. Il dolore nella vita è inevitabile. Tuttavia, la sofferenza, la reazione emotiva al dolore, è un'esperienza separata e opzionale.

Potresti pensare: "Arriva un altro psicologo che cerca di dirmi che tutti i miei problemi sono nella mia testa". Bene, giusto, un po '. Molti diversi tipi di prove suggeriscono che la sofferenza può essere mitigata e che le persone che vivono in situazioni devastanti come quella di Jonathan possono essere aiutate. I ricercatori che studiano il cervello umano, studiano lo sviluppo infantile e lavorano con le vittime di un trauma, confermano la mia esperienza clinica e le osservazioni in questo campo. I neurologi hanno determinato che la percezione del dolore si registra in diverse aree del cervello rispetto all'esperienza delle emozioni. Sebbene il dolore e la sofferenza siano fortemente legati, queste esperienze possono essere separate in modo che sia possibile per il cervello registrare lesioni al corpo o dolore psicologico, ma bloccare o minimizzare la reazione emotiva della sofferenza. Un classico esempio riguarda la condizione medica della nevralgia del trigemino, che può causare dolore facciale intenso e debilitante. Per le vittime di questa condizione che non rispondono ai farmaci, i chirurghi possono distruggere le connessioni neurologiche al centro emotivo del cervello. Il risultato della neurochirurgia è che i pazienti descrivono ancora un senso del dolore, ma si sentono soggettivamente indifferenti ad esso. In altre parole, non soffrono più perché non sperimentano la reazione emotiva al loro dolore. 2

L'attenta osservazione dei bambini ha rivelato dati interessanti sullo sviluppo emotivo e sulla salute. Di particolare rilevanza sono le osservazioni relative alle interazioni custode-bambino. Gli studi rivelano che i bambini che sono turbati possono essere confortati quando il custode risponde in modo sensibile allo stato emotivo del bambino. Una risposta accuratamente sintonizzata da parte del custode comporta cambiamenti benefici nell'attività dei neurotrasmettitori del cervello, degli ormoni, della frequenza cardiaca e dei sentimenti; gli stati emotivi negativi sono ridotti e soppiantati da emozioni positive. In altre parole, una risposta empatica attenua la sofferenza nel bambino anche in assenza di capacità linguistiche e anche se la causa del turbamento è invariata. Naturalmente, se un bambino ha fame o bagnato, ad esempio, l'alimentazione o il cambio del bambino saranno utili. Ma a volte un bambino è sconvolto senza una ragione ovvia. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che la causa sia evidente o meno, è spesso necessario confortare per calmare il bambino. Hai mai provato a cambiare il pannolino di un neonato in difficoltà? Ogni genitore sa che una tenera risposta amorevole può aiutare a lenire un bambino che piange, ma chi sapeva che tali ministrazioni influenzano i livelli più profondi del corpo? Non solo i segni visibili di angoscia diminuiscono con la cura della cura, ma anche i sistemi biologici cambiano. Una risposta umana amorevole si traduce in cambiamenti emotivi, comportamentali e fisiologici positivi indipendentemente dalla fonte di sofferenza .

La sintonizzazione emotiva tra il custode e il bambino viene comunicata principalmente attraverso lo sguardo e l'espressione facciale, ma anche attraverso il tono di voce del custode e il modo di toccare e trattenere il bambino. Il messaggio che sembra essere comunicato è: "So che sei arrabbiato. Io sono qui per te. Andrà tutto bene. "I bambini trattati in questo modo tendono a crescere fino a diventare più emotivamente stabili, sicuri e resilienti. Il custode non tenta semplicemente di fermare o soffocare la reazione del bambino; la presenza, l'accettazione e l'amorevole preoccupazione del custode sono quelle che sembrano essere benefiche. In questo modo, i bambini apprendono che i sentimenti negativi sono tollerabili e temporanei.

Nella ricerca sul trauma, molta attenzione viene data ai fattori personali che promuovono il recupero. Certo, sarebbe meglio se tutti gli eventi traumatici potessero essere prevenuti. Tuttavia, poiché ciò è impossibile, è utile isolare i fattori che facilitano il recupero dopo un trauma vissuto. In molti studi sulle vittime di traumi, uno dei fattori più potenti associati al recupero di successo è la presenza di un sistema di supporto, come una famiglia amorevole e amici. 4

Le prove del mio lavoro nella casa di riposo sono coerenti con questa ricerca. Molti residenti, come Jonathan, hanno vissuto eventi di vita negativi irreversibili. Attraverso la giusta risposta, una parte significativa della loro sofferenza può essere ridotta. Quindi qual è stata la risposta giusta per Jonathan quando mi ha chiesto quanto più avrebbe dovuto essere in grado di prendere? Gli dissi: "Questo è troppo per un uomo da sopportare". Mi guardò con un'espressione di sorpresa che interpretai per riflettere lo stupore su due cose: che ho compreso chiaramente l'estensione del suo fardello e che avrei affermato questo in modo così schietto. Nella mia esperienza, le persone spesso negano, minimizzano o ricoprono tali spiacevoli realtà (per proteggere se stessi o gli altri) e, così facendo, invalidano i loro sentimenti o non riescono a riconoscerli. La sua risposta? Jonathan singhiozzò. E singhiozzò ancora. Ed è stato buono Noi due abbiamo sperimentato un profondo sentimento di vicinanza basato sugli ingredienti che aiutano a guarire la sofferenza: l'onesta espressione dell'emozione nel contesto di una relazione intima e fiduciosa. In questa occasione, Jonathan ha espresso la sua tristezza; altre volte, ha rivelato la sua rabbia, disperazione e senso di impotenza. In un momento in cui la falsa realtà domina l'interesse pubblico, questa è la vera roba. Ho dimostrato la mia comprensione, accettazione e desiderio di stare con lui anche nel punto più basso. Non avevo paura del suo dolore e dei miei sentimenti stimolati dalla sua intensa emozione. Le cause tragiche del dolore di Jonathan sono rimaste invariate; tuttavia, Jonathan provò un certo sollievo dalla sua sofferenza.

Contrasto la mia risposta a Jonathan a una situazione che ho visto sul telegiornale della sera di qualche anno fa. Stavo guardando una trasmissione in diretta di un incendio in un quartiere di periferia. Nella foto ho potuto vedere due uomini. Un uomo, presumibilmente il proprietario della casa, stava piangendo e ovviamente sconvolto. Un altro uomo si fermò accanto a lui, dandogli una pacca sulla schiena, nel tentativo di lenire il suo dolore. Mi è sembrato che nella sua risposta il secondo uomo stesse cercando in qualche modo di spegnere l'incendio! Mentre la sua intenzione era di fornire conforto, egli reagì allo spettacolo delle emozioni come una forza distruttiva e fuori controllo che doveva essere ridotta. Nella mia pratica uso spesso il seguente esempio tratto dalla vita di ogni giorno per illustrare la differenza tra dolore e sofferenza e mostrare come la sofferenza può essere ridotta senza fermare il dolore. Pensa a questa scena non familiare: un bambino di quattro anni che corre verso la madre sull'asfalto, cade, finisce piangendo e ottiene un ginocchio pelato. Quando la madre prende in mano il bambino, il pianto si interrompe immediatamente e il bambino viene confortato, anche se non è stato fatto nulla per riparare il ginocchio ferito.

Quando una persona di cui ci prendiamo cura è in difficoltà, crediamo erroneamente che dobbiamo fare qualcosa al riguardo. I doppi presupposti sono che fare qualcosa deve consistere nel cambiare la situazione per fermare il dolore, e che solo trattenere, confortare e amare non sta facendo nulla. Tendiamo a pensare che siamo inadeguati se non siamo in grado di fermare il dolore, risolvere il problema o alleviare rapidamente qualsiasi sofferenza emotiva. Le emozioni che accompagnano il dolore richiedono la nostra attenzione e ci spingono a intraprendere azioni correttive. Ma la verità è che non possiamo eliminare tutte le sofferenze, né dovremmo volerlo. Non possiamo cambiare l'inevitabilità del dolore e della sofferenza nella vita; possiamo aiutare, tuttavia, a mitigare la sofferenza.

Anche le persone che provano un disagio estremo come quello subito da Jonathan, che hanno perdite premature, disabilità, cattiva salute e l'imminente perdita del coniuge, possono essere aiutate a soffrire di meno. La parte migliore è che chiunque può aiutare a guarire la sofferenza. Tutto ciò che serve è la compassione. Non è necessario alcun addestramento medico o religioso o altro tipo di istruzione speciale. Questo è il motivo per cui tua nonna con un'educazione di grado decimo potrebbe farlo.

Lezione: Sebbene la sofferenza nella vita sia inevitabile, possiamo attenuarla.

Applicando la lezione alla tua vita

• Quando soffri di disagio emotivo, raggiungi familiari e amici. Cercare assistenza pratica per problemi che possono essere risolvibili e ottenere un supporto emotivo anche se non sono possibili misure pratiche.

• Se non si dispone di un sistema di supporto per fornire conforto, provare istituzioni religiose, gruppi di supporto o gruppi di auto-aiuto, o cercare un aiuto professionale. Proprio come Jonathan aveva bisogno di un rinforzo sociale del suo dolore per superare la sofferenza, altri potevano trovare la forza nel riconoscere il loro dolore. Questo è il motivo per cui i gruppi di supporto, ad esempio, sono così utili. Un alcolizzato potrebbe sentirsi solo nel trattare con la sua dipendenza, e forse ha allontanato membri della famiglia e amici. Ma attraverso la partecipazione a una rete di recupero, può partecipare alle riunioni in cui è circondato da colleghi che stanno lottando con gli stessi problemi che lui è. Trovare la forza in un gruppo – e vedere come altri alcolizzati rimangono determinati e avere successo – può ridurre il suo sconvolgimento emotivo e dargli il coraggio di cui ha bisogno per iniziare ad affrontare i suoi problemi personali e superare gli ostacoli che sta affrontando.

• Se conosci qualcuno che è angosciato, estendi l'assistenza pratica se possibile. Offri compassione, amore e sostegno emotivo anche se non puoi aiutare a risolvere il problema. Non sottovalutare il potere curativo del sostegno amorevole e preoccupato per una persona in difficoltà.

Riferimenti

1. Charles E. Dodgen, lezioni semplici per una vita migliore: ispirazione inaspettata dall'interno della casa di cura (Amherst, NY: Prometheus Books, 2015).

2. Antonio R. Damasio, Errore di Descartes: Emotion, Reason, and Human Brain (New York: Avon Books, 1994), p. 266.

3. Allan N. Shore, "La maturazione basata sull'esperienza di un sistema di regolazione nella corteccia prefrontale orbitale e l'origine della psicopatologia dello sviluppo," Sviluppo e psicopatologia 8 (1996): 59-87.

4. Krzysztof Kaniasty, "Sostegno sociale e stress traumatico", PTSD Research Quarterly 16, n. 2 (2005): 1-8.

Comprare lezioni semplici per una vita migliore: ispirazione inaspettata dall'interno della casa di cura : http://www.prometheusbooks.com/index.php?main_page=product_info&cPath=39&products_id=2245

Solutions Collecting From Web of "Una lezione preziosa dagli anziani"