Una lezione molto importante Gli studi delle donne dovrebbero insegnare

Come "tween" e adolescente, amavo la matematica e la scienza. Una parte importante del loro appello era che, soprattutto in matematica, c'erano delle risposte. Soluzioni. Quando hai completato una prova nella geometria piana, ad esempio, è stato fatto. Lo stesso con la risoluzione di un problema in algebra. Quando un problema è stato risolto, è stato risolto, una volta e per sempre. Ero un professore di matematica all'università finché non divenne troppo difficile per me; il mio nadir era la teoria delle equazioni differenziali ordinarie.

Sono entrato in psicologia quasi per caso. Per completare un importante ancora possibile per me nel mio ultimo anno, Scienze Naturali, ho dovuto prendere il corso introduttivo in psicologia. Lo amavo. L'insegnante è stata grande, ho trovato il materiale affascinante e ho fatto bene. E la psicologia che stavo imparando era, a modo suo, scientifica. Ci sono stati studi che hanno fornito dati. I risultati non avevano la certezza della matematica o della fisica, ma nemmeno questa era filosofia. Sono stato agganciato.

Il tipo di psicologia che ho studiato alla scuola di specializzazione era psicologico sperimentale, dove la scienza e la matematica erano ancora molto rilevanti. Per diversi anni, quel dominio era il mio obiettivo. Tuttavia, ancora una volta per caso – questa volta fu un'idea di un collega e io un giorno, nel 1976, quando avevo 33 anni – i miei interessi passarono a qualcosa che ancora desidero a Dio non mi ero mai preso, con i suoi tumulti e argomenti costanti: Problemi di genere.

Per quanto le risposte fossero chiare in matematica e scienze, e anche in una certa misura in psicologia sperimentale, questo non era assolutamente il caso della psicologia del genere. Eppure alcune persone nel mondo accademico – e precisamente, molte negli studi femminili – sembravano sentirsi chiare. Tuttavia, ancor prima di iniziare la mia ricerca sulle questioni di genere, ero un solido sostenitore degli studi sulle donne, prestando il mio sostegno quando diversi membri di facoltà femminili si sono riuniti per iniziare il dipartimento con quel nome. Ma per quanto credessi nel campo, credevo ancora di più nella verità imparziale, come meglio potevamo raggiungerla. E all'inizio ho cominciato a percepire che negli studi sulle donne, il fenomeno del pensiero di gruppo potrebbe spesso essere operativo.

Ricordo una sera dei giorni feriali più di 35 anni fa, quando andai nel salotto di un dormitorio nel campus dove insegnavo. Ero lì per un discorso tenuto da un insegnante del dipartimento di studi femminili, e il suo argomento era come le donne sono ritratte nel film. Avevo sentito molte cose positive su quest'insegnante e quanto fosse brillante, ma avevo anche sentito che era una separatista lesbica, una donna che non avrebbe proprio niente a che fare con gli uomini.

Queste donne mi hanno spaventato perché sentivo di avere un enorme fascino per quelle milioni di donne che erano state ferite dagli uomini. Anche le donne strettamente eterosessuali le cui esperienze con gli uomini non erano così cattive sembravano invidiose di gruppi di lesbiche, che sembravano così rilassati e a proprio agio l'uno con l'altro.

Come spesso accadeva per questo tipo di eventi del campus, mi sono guardato attorno e ho capito che ero uno dei pochi presenti. Su circa 50 persone, ho contato solo tre, incluso me stesso. Questo mi ha infastidito molto. Aggiungeva solo alla mia convinzione che il movimento delle donne era insulare e non voleva un input da punti di vista opposti. Ed è per questo che ero lì. Mi vedevo come rappresentante non tanto di uomini ma di una possibile verità alternativa.

L'oratore era davvero molto bravo. Come avevo sentito in giro per il campus, era intelligente e articolata. E se lei era una separatista lesbica, non lo stava dicendo in pubblico, e qualsiasi rabbia che avesse nei confronti degli uomini era certamente contenuta. Le sue parole sull'argomento, tuttavia, erano intransigenti. Nei film, ha detto, il ruolo principale delle donne era come un oggetto sessuale.

Si è rivolta a un film di diversi anni prima, Shampoo , con protagonista Warren Beatty.

"Considera quel film", ha detto. "Lì abbiamo alcune eccellenti attrici, tra cui Julie Christie e Lee Grant, e sono semplicemente oggetti sessuali per la lussuria di Warren Beatty. C'è un'intera lista di donne in quel film che sono lì per soddisfare i desideri sessuali di Beatty … "

Ho ricordato il film in modo molto diverso e ho sentito che dovevo dirlo. Sono stato travolto da quell'ondata di nervosismo che inevitabilmente sento quando alzo la mano per fare un commento critico a una presentazione, preoccupato che la mia voce si incrini o che mi legherò. È così diverso nel pubblico che essere il presentatore. Ma mi sono sentito in dovere di alzare la mano, e l'ho fatto.

L'oratore mi ha immediatamente chiamato.

"Bene," dissi, e mi schiarii la voce. "Sai che ho visto Shampoo quando è uscito e, per me, il vero oggetto sessuale in quel film era Warren Beatty. Il mio ricordo è che tutti i tipi di donne lo volevano, e uno dei punti focali del film era quanto fosse difficile questo fatto della sua vita. Davvero, pensavo che fosse uno dei suoi punti principali, le difficoltà che un uomo può avere se è troppo attraente per le donne. Era il vero oggetto sessuale, molto più delle donne, penso. "

Potevo sentirmi tremare, non con rabbia, ma con nervosismo.

"Hmmm", disse l'oratore. "… In realtà è un buon punto. Non ci ho mai pensato in questo modo. Suppongo che l'oggettivizzazione sessuale possa andare in entrambe le direzioni, anche se di solito sono donne che sono oggettivate. Grazie."

Non ci potevo credere. Ho guardato in giro per la stanza e ho notato che molte giovani donne tra il pubblico annuivano e mi sorridevano. Era qualcosa che avevano pensato, ma avevano paura di dire?

Mi sentivo benissimo nell'essere lì e avere avuto il coraggio di parlare. Ho fatto la differenza, mi sono detto, davvero. Sì, pensai, ma suppongo di non essere venuto a questo discorso. Non penso che quegli altri due ragazzi avrebbero detto una parola. E in molti di questi discorsi, non ci sono ragazzi in giro. Quindi, tutto ciò che queste giovani donne sentono è roba non criticata. Non posso passare la vita andando a tutti questi discorsi. Non posso essere in ogni classe di studi per donne. Stanno sentendo cose che possono essere lontane dall'intera storia e a nessun altro sembra importare!

Da parte mia, come insegnante, ho cercato di bilanciare le cose. Nel giro di diversi anni ho tenuto un corso intitolato "Relazioni umane", con una forte enfasi sulle questioni di genere. Ho usato una varietà di fonti, inclusa la prima edizione di L'evoluzione del desiderio di David Buss : Strategies in Human Mating (1995), che non era una delle preferite tra le femministe. E poi, verso la fine della mia carriera di insegnante di più di 25 anni, ho co-insegnato un corso dal titolo "La psicologia del genere" con un'ardente collega femminista, che per anni ha insegnato psicologia delle donne.

Ma non ho mai dimenticato quel momento più di 35 anni fa quando ho parlato il mio pezzo. E si è scoperto che era degno di nota il fatto che il presentatore, i cui sentimenti sul femminismo fossero forti quanto quelli di allora, non ha semplicemente respinto ciò che avevo da dire. Altre volte, quando ho parlato anche io, a volte citando dati che contrastano direttamente la discussione del relatore, sono stato ignorato sia dal parlante che dal pubblico.

Non ero l'unica persona preoccupata che gli studi sulle donne non fossero abbastanza aperti.

Negli anni '90 sono stati scritti articoli e libri su questo possibile problema. Scrivendo in una rivista accademica nel 1991, Camille Paglia descrisse gli studi delle donne come "sessismo istituzionalizzato", affermando che "le femministe accademiche hanno messo a tacere uomini e donne dissidenti".

Professing Feminism: Caution Tales from the Strange World of Women Studies , è stato pubblicato nel 1995 (e una versione riveduta nel 2003). Scritto da due accademie di sesso femminile, una delle quali, Daphne Patai, aveva insegnato studi sulle donne, anch'essa ha messo in discussione ciò che consideravano come un "controllo ideologico" in classe.

La questione dell'apertura nelle scienze sociali è una che molte persone sono caute nel discutere, ma in un recente, ben pubblicizzato psicologo sociale del discorso, Jonathan Haidt (2011) ha parlato di ciò che vede come un pregiudizio liberale nel suo campo, specialmente per quanto riguarda settori come, ma non solo, studi di genere.

Non riesco nemmeno a ricordare il nome di quell'insegnante di tanti anni fa, ma apprezzo ancora la sua apertura mentale. Mi dispiace dire che negli oltre 35 anni trascorsi dal suo intervento, ho raramente trovato questo nel campo degli studi di genere; quegli scritti degli anni '90, così come il discorso di Haidt di soli tre anni fa, dimostrano che non sono il solo a preoccuparmi.

Penso che il campo e i suoi studenti siano i più poveri.

Riferimenti

Haidt, J. (2011) Il brillante futuro della psicologia sociale post-partigiana. Discorso tenuto all'incontro annuale della Società per la personalità e la psicologia sociale, San Antonio, TX, 11 gennaio 2011.

Paglia, C. (1991) Junk bonds e corporate raiders: Academe nell'ora del lupo. Arion: un diario di studi umanistici e classici . Terza serie, vol. 1 (2), pp. 139-212.

Patai, D. & Koertge, N. (1995) Professing Feminism: Tales prudenti dallo strano mondo degli studi femminili . New York: libri di base.

Solutions Collecting From Web of "Una lezione molto importante Gli studi delle donne dovrebbero insegnare"