Una formazione di reazione contro il porno

Nel maggio 2014, un prete cattolico di Chicago fu arrestato, presumibilmente per essersi esposto ad altri adulti in una stazione di servizio. Si è consegnato dopo essere stato identificato dalla targa sulla sua auto. Anche ora, immagino che l'uomo sia seduto in una stazione di polizia, tormentato dalle sue azioni, in agonia per i suoi errori. Sono solidale con il dolore che deve provare e la sua paura del rifiuto, del giudizio e del disprezzo che sicuramente sperimenterà dalla sua Chiesa e dalla sua congregazione.

L'ironia della sua ipocrisia è aggravata dalla recente campagna del monsignore contro i seducenti, insidiosi e "avvincenti" pericoli del porno su Internet. Il pastore ha scritto e parlato pubblicamente di come la pornografia su Internet, così facilmente accessibile agli adolescenti sui loro telefoni e computer, causi cambiamenti neurochimici nel loro cervello e deforma le idee di sesso, amore e intimità dei giovani:

"Una grande preoccupazione è l'isolamento personale che il porno crea. È una forma finta di intimità e amore, fa l'assoluto contrario di soddisfare il bisogno di intimità e amore di ogni persona. … Ci sono grandi effetti negativi sulle persone a livello sociale, personale, familiare e relazionale.

"È solo una bugia, una presentazione falsa (di amore e intimità) … Molti, se non la maggior parte, i bambini stanno iniziando a diventare dipendenti".

Ha continuato a suggerire che la crisi della pornografia su Internet era qualcosa su cui i genitori, le congregazioni e le comunità dovevano agire, perché "I ragazzi tra gli 11 e i 17 anni sono i più grandi consumatori di pornografia, secondo le statistiche recenti".

La campagna ben intenzionata ma distruttiva di quest'uomo si basava su idee sbagliate, sospinte dalla paura, probabilmente dalle sue stesse paure, dal potere che l'eccitazione sessuale ha nella sua vita e in quella degli altri. Il porno non crea dipendenza, non cambia il cervello, ei bambini sotto i 17 anni non sono sicuramente i più grandi consumatori di pornografia. Il porno non crea dipendenza, ma forse la paura lo è.

Come difensore dell'industria del sesso / pornografia, sono regolarmente sfidato dalla retorica basata sulla paura, che il porno e il sesso possono condurre le persone a atti sessuali pericolosi, distruttivi e spaventosi. Infatti, quando ho letto per la prima volta la storia di questo triste scandalo dell'ipocrisia sessuale, il mio primo pensiero è stato di piangere "Aha! Vedi che ipocriti sono questi sostenitori della pornografia ?! "

Ma, come pensavo di più, ho iniziato a vedere che la reazione alla paura non dovrebbe essere rabbia, che infiamma e rende le convinzioni basate sulla paura più rigide. Le persone che sposano le idee secondo cui il sesso e il porno creano dipendenza hanno paura dell'eccitazione sessuale e temono di non essere in grado di controllare i propri desideri e comportamenti sessuali.

Una formazione di reazione è un concetto psicologico, in cui una persona con un forte, scomodo desiderio sviluppa una posizione pubblica ancora più forte, esagerata, contro quel desiderio segreto e vergognoso. Shakespeare conosceva questa dinamica umana, quando scrisse in Amleto: "La signora protesta troppo, mi pare".

Mark Foley è un ex rappresentante della Camera degli Stati Uniti, che era un leader politico contro la pedopornografia, l'omosessualità e le offese sessuali contro i bambini. Si è dimesso dalla Camera dopo le rivelazioni di uno scandalo riguardante una giovane pagina maschile e le comunicazioni inappropriate di Foley con il giovane. Ted Haggard è un ministro americano, che ha predicato contro l'omosessualità e ha esortato le sue congregazioni a sostenere le legislazioni anti-gay. Haggard fu in seguito esposto come coinvolgente nei rapporti omosessuali, e in seguito si identificò come bisessuale. L'ex presidente della Camera, Newt Gingrich, ha criticato l'infedeltà del presidente Bill Clinton durante le procedure di impeachment, mentre lo stesso Gingrich aveva una relazione.

Donny Pauling è un ex produttore porno, diventato un attivista antipatico. Ha presentato pubblicamente dei luminari degli antipodi come Gail Dines e Craig Gross della XXX Church. Alla fine del 2014, Pauling è stato arrestato con l'accusa di aver abusato sessualmente di una ragazza di meno di 14 anni. I presunti maltrattamenti di Pauling erano apparentemente in corso da un po 'di tempo, nello stesso momento in cui sosteneva pubblicamente i pericoli del porno.

Queste azioni sono più che semplici ipocrisie, sono le azioni di persone che temono profondamente i propri desideri e credono che per controllare la propria eccitazione sessuale, devono lavorare per garantire che il mondo diventi un luogo in cui i loro desideri sessuali non possano essere interpretati . Quando le persone esternano le proprie paure sessuali, quando presentano il desiderio sessuale come una forza incontrollabile, da cui tutti dobbiamo essere protetti, ci stanno dicendo quello che loro stessi temono. Che non possono controllare i loro desideri sessuali e, di conseguenza, credono che nessuno possa.

Ma la sessualità è una forza come molte altre emozioni umane, una potente, che può portare gioia e angoscia. Non è più da temere che la felicità o la tristezza. Se ubriachi di lussuria, le persone prendono decisioni sciocche, dal non usare i preservativi per fare sesso con qualcuno che desiderano che non abbiano. Ma tutte le emozioni influenzano il nostro giudizio. La tristezza e la gioia modellano anche le nostre decisioni e i processi di pensiero con lo stesso effetto. L'eccitazione sessuale non è né migliore né peggiore.

La paura sopprime il nostro giudizio tanto quanto il sesso

Purtroppo, la paura dell'eccitazione sessuale deriva da una mancanza di comprensione e dall'incapacità di discuterne. Il nostro sistema di educazione sessuale continua a sopprimere le conversazioni aperte sul desiderio sessuale attraverso la prevalenza dei curricula di sola astinenza. Uno studio recente suggerisce che l'autoidentificazione come pornodipendente è guidata da conflitti interni su credenze morali e religiose sulla sessualità. E scandali come quello che coinvolge questo triste prete torturato, portano a silenzi ancora più dolorosi e dolorosi. Questi silenzi sono spesso spezzati solo da grida vocali di paura e opposizione, guidati dalla formazione della reazione.

Se questi attivisti antipodi avessero usato le vie dell'eccitazione sessuale su Internet, forse non avrebbero commesso alcun crimine. I crimini sessuali in tutto il paese sono diminuiti, poiché la pornografia su Internet è più ampiamente disponibile. L'uso delle webcam ha portato a un numero molto minore di esibizionisti nelle strade e nelle stazioni di servizio, quando possono utilizzare Internet per esporsi in sicurezza e in privato.

Coloro che si scagliano contro il sesso su Internet e i pericoli della pornografia e dei desideri sessuali stanno gridando per il nostro aiuto, la nostra solidarietà e il nostro sostegno. Coloro che sostengono varie forme di dipendenza da sesso e pornografia ci chiedono infatti di capire che hanno paura di non poter controllare i loro desideri sessuali. Forse possono sentirci dire che anche noi a volte litighiamo con i nostri desideri sessuali, ma che questo è umano e comprensibile. È chiaramente qualcosa in cui la loro paura è molto, molto peggiore della cosa che temono, e l'energia che danno alla loro paura aumenta solo il loro panico.

Solutions Collecting From Web of "Una formazione di reazione contro il porno"