Una divisione pericolosa

I famosi esperimenti di "caverna dei ladri" condotti dallo psicologo sociale pionieristico Muzafer Sherif con camper estivi della classe media negli anni '50 sono esempi da manuale di quella che sembra essere la nostra innata propensione a formare "in-gruppi" che si legano prontamente tra loro diventando antagonista verso i membri di "out-groups". Siamo, a quanto pare, parimenti inclini a collaborare oa combattere l'uno con l'altro.

Possiamo vedere questa tendenza "noi-loro" – a volte indicata come il "complesso di amità-ostilità" – al lavoro in sport di squadra come rivalità del calcio universitario, nelle divisioni religiose a volte profonde tra, per esempio, musulmani sunniti e sciiti o cattolici e Protestanti e, cosa più importante, nella lunga e sanguinosa storia della guerra tra le società umane, dal Neolitico al XXI secolo.

Particolarmente inquietante è il fatto che questa propensione polarizzante nel genere umano può facilmente scatenarsi e produrre risultati reciprocamente autodistruttivi. Un simbolo leggendario di questa sindrome è la famigerata (assassina) faida tra Hatfields e McCoys negli Appalachi alla fine del XIX secolo. Forse l'esempio più drammatico recente è stato il tumulto mortale del calcio in Egitto pochi mesi fa. Tuttavia, gli esempi più costosi e distruttivi di un conflitto umano irrazionale si possono trovare in guerre insensate, come la guerra civile americana e la prima guerra mondiale, dove la ricchezza è stata sperperata, milioni sono morti e i compromessi tra i combattenti sono diventati impossibili.

Sembra che la nostra tendenza alla xenofobia possa diventare altamente tossica quando è collegata a conflitti politici sostanziali: una disputa territoriale, il controllo su risorse preziose o una lotta di potere. Il grande teorico militare Carl von Clausewitz, nella prefazione al suo famoso trattato, On War , ha caratterizzato la guerra come una continuazione della politica "con altri mezzi". Altri hanno notato che questo aforisma sembra funzionare bene al contrario: la politica è una continuazione di guerra con altri mezzi. Come uno dei nostri padri fondatori, James Madison, osservò veramente: "I semi della fazione [politica] sono cuciti nella natura dell'uomo".

La nostra tendenza alla partigianeria politica può diventare particolarmente autodistruttiva quando una società ha un ampio divario economico tra ricchi e poveri. Come Platone ha avvertito più di duemila anni fa nella Repubblica , estremi di ricchezza e povertà possono dividere una società in due campi di guerra. Sfortunatamente, il cosiddetto numero dell'indice Gini (la nota misura delle disuguaglianze economiche) per questo paese è ora il peggiore nel mondo industrializzato, e siamo nella zona di pericolo per l'approfondimento dei conflitti sociali. Il declassamento del credito nazionale risultante dal conflitto sul tetto del debito nel Congresso dello scorso anno è solo un esempio del potenziale danno che questa partigianeria può fare, e i movimenti Tea Party e Occupy Wall Street possono essere solo un assaggio di disordini sociali più diffusi e dannosi venire.

Cosa si può fare per evitare questo scivoloso pendio? Innanzitutto, dobbiamo ricordare a noi stessi che siamo tutti portatori di interesse in questo paese. Abbiamo molti interessi in comune e nessuno di noi vuole vivere in un ambiente ostile e arrabbiato, o deliberatamente causare danni agli altri (a parte alcune eccezioni oltraggiose, a quanto pare). Sebbene ci siano divisioni serie e legittime tra di noi su alcune questioni altamente controversi, l'unico modo per evitare danni durevoli alla nostra nazione è che tutte le parti usino il principio di equità come guida per cercare di trovare una soluzione. Ciò significa riconoscere la legittimità dei nostri diversi interessi, ascoltare rispettosamente tutti i punti di vista e fare del nostro meglio per accogliere e raggiungere un equilibrio tra queste preoccupazioni contrastanti. Soprattutto, significa controllare i nostri impulsi partigiani innati.

In una società civile, il compromesso è una priorità morale, non un poliziotto. Questo è l'unico percorso costruttivo in avanti.

Solutions Collecting From Web of "Una divisione pericolosa"