Una discussione intenzionale

Nel loro libro best-seller del New York Times "An Invisible Thread" (Howard Books, 2011), Laura Schroff e Alex Tresniowski danno vita a un antico proverbio cinese che ha ispirato il titolo del libro. Essi documentano la storia di un mendicante di undici anni, Maurice, e un occupato direttore delle vendite (l'autrice Laura), la cui gestione non pianificata della vita del ragazzo rende drammatica e convincente evidenza del potere della connessione.

Ma non tutte queste relazioni devono essere sfumate dal destino.

Infatti, studi di mentoring "formale", come quelli trovati nei programmi Big Brothers Big Sisters, mostrano che c'è un valore significativo in tali relazioni e indicano universalmente i risultati positivi che generano. Secondo "Programmi di mentoring e sviluppo giovanile: una sintesi" della Edna McConnell Clark Foundation, "rapporti caldi e stretti con adulti premurosi, supervisione e modelli di ruolo positivi sono le risorse e gli investimenti comuni che gli interventi di mentoring contribuiscono allo sviluppo dei giovani".

Allo stesso modo, uno studio di Child Trends ha rilevato che i giovani che partecipano a relazioni di mentoring sperimentano migliori rendimenti accademici, mantengono atteggiamenti più positivi sul futuro e sono meno propensi a iniziare l'uso di droghe rispetto a quelli che non lo sono.

Persino i mentori "informali" – come insegnanti, allenatori e consulenti – hanno una notevole influenza nelle giovani vite che aiutano a plasmare. Con l'apertura di campane scolastiche in tutto il paese, milioni di giovani si trovano i beneficiari del mentoring da parte di alcuni degli adulti più importanti della loro vita, i quali hanno preso una decisione intenzionale di educare, guidare e guidare i giovani.

È proprio questa intenzionalità, e l'impegno che rappresenta, che rendono i mentori significativi veri e propri cambiavalute per bambini e adolescenti ovunque.

Secondo una ricerca della SADD (Students Against Destructive Decisions), il 46% degli adolescenti con un mentore ha riportato un alto "senso di sé", contro il 25% degli adolescenti senza un mentore. L'alto senso di sé si sente più positivo riguardo alla propria identità, all'indipendenza crescente e alle relazioni con i coetanei rispetto agli adolescenti con un basso senso di sé. Non trascurabilmente, sono anche più propensi ad evitare l'uso di alcool e droghe.

Quindi, che aspetto ha un mentore? Le caratteristiche che i giovani attribuiscono a loro sono affidabili, premurose, comprensive, rispettose, utili, affidabili, divertenti, compassionevoli e responsabili. Essere un buon ascoltatore e offrire buoni consigli sono anche visti come competenze chiave di mentori di successo.

Più succintamente, "Essere un mentore per qualcuno non significa che devi sempre sapere la risposta giusta, solo che sei sempre lì quando hanno bisogno di qualcuno su cui appoggiarsi", ha dichiarato una nona classe di 14 anni. "Sempre" potrebbe essere la parola chiave dato che il rapporto Child Trends ha anche scoperto che le relazioni di mentoring possono fare più male che bene se sono "di breve durata" o "sporadiche" piuttosto che "coerenti" e "impegnate".

Sfortunatamente, per alcuni bambini potrebbero non esistere affatto.

Nonostante la chiara evidenza degli effetti positivi del mentoring sui giovani, il timore di una responsabilità legale per condotta scorretta da parte dei suoi dipendenti sta causando alle scuole e alle organizzazioni giovanili lo sviluppo di standard che limitano il contatto che potrebbe rendere il mentoring uno strumento così efficace in primo luogo. Ad esempio, le linee guida raccomandate dalla National Education Association (NEA) descrivono come un comportamento professionale inappropriato "portare gli studenti a pranzo, fuori dalle attività sociali o ricevere e scrivere note personali".

Inoltre, un sorprendente numero di adolescenti (53%) afferma che i genitori li scoraggiano dal partecipare a organizzazioni o attività in cui tale tutoraggio potrebbe accadere, tra cui uno su cinque che cita specificamente la preoccupazione dei genitori per la sicurezza personale dell'adolescente quando trascorre del tempo con un mentore.

Può qualcosa di così buono essere davvero così male? A volte, ma forse non così spesso come pensiamo. In effetti, le statistiche federali non supportano l'idea che i nostri bambini debbano affrontare un rischio crescente di danni. Tuttavia, i genitori sono saggi di essere cauti. Ecco tre semplici passaggi da adottare per essere sicuro che i tuoi figli rimangano al sicuro:

1. Rimani coinvolto. Sapere con chi sta trascorrendo il tempo, dove stanno andando e cosa stanno facendo.

2. Conosci i mentori di tuo figlio. Lavorare insieme andrà a beneficio tuo figlio e ti darà un senso migliore della sua sicurezza.

3. Incoraggiare il coinvolgimento di tuo figlio solo in organizzazioni che conducono controlli di dipendenti o volontari e / o controlli sui precedenti penali e sessuali.

Secondo il proverbio di cui sopra, "Un filo invisibile collega coloro che sono destinati a incontrarsi, indipendentemente dal tempo, luogo e circostanza. Il filo può allungarsi o aggrovigliarsi. Ma non si romperà mai. "

Questo è anche il caso dei fili intenzionali tessuti a scuola.

 

Stephen Wallace, professore associato di ricerca e direttore del Center for Adolescent Research and Education (CARE) dell'Università di Susquehanna, ha una vasta esperienza come psicologo scolastico e consulente per adolescenti e famiglia. È anche consulente senior di SADD e direttore della formazione di counselling e counselor presso Cape Cod Sea Camps. Per ulteriori informazioni sul lavoro di Stephen, visitare StephenGrayWallace.com.

© Summit Communications Management Corporation 2013 Tutti i diritti riservati

Solutions Collecting From Web of "Una discussione intenzionale"