Una delle nostre cattive idee preferite

Amo i cartoni animati. I migliori cartoni animati sono eleganti opere d'arte che comunicano istantaneamente una verità. Questo, dal numero del 6 dicembre 2010 di The New Yorker, comunica una verità emotiva avvolta in uno dei nostri miti psicologici preferiti: il mito della rabbia "imbottigliata".

"Il mio medico dice che dovrei prendere tutta la mia rabbia in bottiglia e venderla a un movimento di base".

"Attenti alla rabbia" imbottigliata "!" Ci viene detto. La metafora della rabbia come sostanza quantitativa, come un liquido o un gas, che si muove attraverso un sistema chiuso e deve essere "rilasciata" per ridurre la pressione nei tubi di un immaginario sistema emotivo idraulico – continua a prosperare nell'immaginario pubblico, e negli uffici di molti terapeuti. È un mito che descrive il modo in cui a volte si sente la rabbia, ma non il modo in cui funziona davvero.

La rabbia è un'emozione complicata. Influenzato da fattori sociali, culturali e biologici, la rabbia è una fiamma che può essere ventilata e sfinita da ciò che si pensa, crede e dice. Gran parte di ciò che proviamo come rabbia è la versione per adulti della denuncia di ogni bambino, "non è giusto!" I genitori sanno che il più delle volte ciò che "non è giusto!" Significa veramente "non è il modo in cui voglio! "La nozione che le cose dovrebbero essere nel modo in cui vorrebbe che fossero – a mio modo di vedere – è l'assunto di fondo alla base di molta rabbia sentita. Le persone più arrabbiate sono quelle che provano mentalmente e riesaminano questa e altre convinzioni che aumentano l'ostilità.

Anche la rabbia viene mantenuta perché funziona. La rabbia intimidisce. La rabbia richiama l'attenzione su qualcosa che deve essere cambiato, nello stesso momento in cui suscita il desiderio di cambiarlo. La giustizia e la moralità possono essere ben servite dalla rabbia. Politici, demagoghi e commercianti allo stesso modo sanno che la rabbia è motivante.

Un recente studio di H. Aarts, et al. pubblicato su Psychological Science, ha scoperto che associare un oggetto con la rabbia fa sì che le persone desiderino di più l'oggetto. Ciò che è particolarmente interessante è che il sottile disegno sperimentale ha introdotto la rabbia a livello subliminale. I soggetti non erano consapevoli di sentirsi arrabbiati. Tuttavia, preferivano e lavoravano di più per gli oggetti correlati alla rabbia. Quando gli chiesero le ragioni delle loro scelte e dei loro sforzi, dissero: "È solo perché mi piace". Quindi la rabbia influenza la motivazione anche quando non siamo consapevoli della rabbia.

In contrasto con la sottile rabbia sperimentale, la rabbia eccessiva è sempre problematica; può infuriarsi violentemente quando fuori controllo. Ecco perché, per quanto riguarda la rabbia, gli Antichi consigliavano sempre pazienza, pazienza e ritardo. Hanno capito che la rabbia non era una sostanza da "imbottigliare" o meno.

L'ultima parola spetta a Ralph Waldo Emerson, che ha osservato che per ogni minuto in cui rimani arrabbiato, rinunci a 60 secondi di tranquillità. E quello non viene in una bottiglia.

Solutions Collecting From Web of "Una delle nostre cattive idee preferite"