Una crisi di rumore – Messaggi da / per il nostro cervello

Argh! Non ci sentiamo tutti travolti dalla quantità di informazioni che sta inondando il nostro cervello? Il problema è più che "notizie false". Come possiamo sapere quali informazioni sono utili e importanti per noi?

Fortunatamente, nel nostro sistema di mercato aperto, e grazie a Internet e ai social media, ci sono molte fonti di informazione. Aspetta, non è questa parte del problema?

Abbiamo bisogno di sviluppare nuove abilità di sopravvivenza. Dobbiamo insegnare ai nostri figli come affrontare questa situazione, che abbiamo portato a noi stessi attraverso la nostra spinta verso nuove tecnologie, economie guidate dal consumo di massa e semplicemente più persone nel mondo. L'educazione formale non è sufficiente.

Il problema fondamentale per noi è capire cosa credere. I Millennials sembrano avvicinarsi a ciò ignorando la saggezza convenzionale e le "fonti di stabilimento" e facendo affidamento sulla propria esperienza e su quella di altri, persino di estranei, così come di amici. I social media sono una tecnologia chiave che ha permesso a questa nuova abilità di sopravvivenza. È abbastanza?

Quali principi generali ci aiutano a capire questa sfida? Nell'elettronica, il termine tecnico per il problema è "rapporto segnale-rumore". Quando il rumore è troppo forte, annega il segnale. Lo sviluppo di filtri altamente efficaci ed efficienti ha permesso la qualità del suono che ci si aspetta da radio, televisione e telefoni cellulari. Ciò è il risultato della capacità di misurare e controllare i segnali elettrici in modo molto preciso. Il rumore consiste in segnali casuali, segnali che non contribuiscono a modelli noti o comprensibili. Possiamo solo interpretare il significato attraverso i modelli. I computer sono di gran lunga migliori nell'elaborazione di grandi quantità di dati e nella scoperta di modelli che possono o non possono esistere.

Quali sono i segnali che i nostri cervelli stanno elaborando? Sfortunatamente, le nostre attuali conoscenze non ci permettono di misurare e manipolare le comunicazioni molecolari tra le cellule del nostro corpo e il nostro cervello.

Siamo in guerra! Apparentemente, ci sono più cellule batteriche nel nostro intestino, il microbioma, rispetto alle cellule nel nostro corpo. Ci sono "batteri buoni", che aiutano la nostra digestione, sostengono il nostro sistema immunitario, forniscono vitamine e altri biochimici essenziali. Ci sono anche "batteri cattivi", e quando l'equilibrio tra il bene e il male è inclinato a favore del cattivo, possono verificarsi condizioni di malattia. Un lieve stato di squilibrio potrebbe essere un mal di stomaco. Una condizione più grave potrebbe essere la diarrea o la stitichezza. Le cose peggiorano solo dopo. Quindi, questi batteri sono in guerra l'uno con l'altro. I nostri corpi sono il campo di battaglia.

C'è una ricerca scientifica che sostiene l'idea che sia i batteri buoni che quelli cattivi trasmettono continuamente messaggi al nostro cervello, indirizzando le nostre voglie verso determinati tipi di cibo. I messaggi dei batteri cattivi ci dicono di mangiare cibi non sani! Questo è un altro tipo di guerra nel nostro cervello di cui molti di noi potrebbero non essere consapevoli. Questa è una battaglia per l'attenzione. Come facciamo a sapere a quali voci credere e rispondere?

La nostra sopravvivenza sembra dipendere dal modo in cui supportiamo i batteri buoni, mangiando gli alimenti e comportandoci in modi che sono buoni per loro e non supportando i batteri cattivi. I nostri corpi fisici esistono per nutrire i batteri nel nostro intestino! Che idea.

Nel processo di innovazione, quando un'azienda sta sviluppando un nuovo prodotto, esiste un dilemma simile. Nella fase di ideazione, generiamo un gran numero di nuovi concetti per i potenziali prodotti. Alcuni di questi potrebbero essere selvaggiamente inappropriati, e questo è incoraggiato. Chiamiamo questo pensiero divergente.

Il prossimo passo, chiamato pensiero convergente, richiede di fondere queste idee folli in un messaggio più coerente. Questa è la parte davvero difficile. Come sappiamo di avere abbastanza idee? Come possiamo dire quali sono le idee migliori delle altre? Come decidiamo su cosa credere?

Quali segnali percepiamo oggi? Quali dati e tipi di input stiamo elaborando? Quali ulteriori punti dati potrebbero essere utili? Che sensi stiamo usando? Quali filtri stiamo applicando per aiutarci a capire cosa osserviamo?

come procediamo? Forse dobbiamo imparare a fare domande migliori, da fonti più affidabili, e riflettere di più sulle risposte che ci vengono presentate.

  • Hai raggiunto il culmine! Ora cosa?
  • Evasione, sobrietà e realtà: la psicologia della dipendenza
  • Come i social media possono aiutarti a diventare neurotico per divertimento, profitto e celebrità
  • Rottura: vista positiva nonostante il tumulto emotivo
  • Una camminata cristiana, indù e musulmana in un bar ...
  • Le cose brutte accadono a tutti
  • Cosa c'è in un numero?
  • Il femminile è il nuovo equilibrio
  • È più facile, o più difficile, diventare genitori di un bambino introverso?
  • Death and Beyond (Spiritualità per principianti 11)
  • I cani hanno bisogno di code e voci: gli ambulatori "cosmetici" devono andare
  • Platone lancia il suo voto
  • Caccia alla saggezza: riflessioni di un baby boom
  • Sono i giochi della concorrenza o della violenza in azione?
  • Giorno 12: Michael Cornwall sull'essere presente a "Madness"
  • Gestire l'ansia dopo una sparatoria di massa
  • La saggezza dell'amore
  • Compatibilità sessuale: l'importanza per la vostra soddisfazione
  • Death and Beyond (Spiritualità per principianti 11)
  • 10 motivi per continuare ad andare avanti
  • Tranquillità per il pensatore attivo
  • Tre punti essenziali di meditazione
  • Come prepararsi per l'inaspettato
  • Dobbiamo perdonare?
  • Fatto e finzione nei matrimoni misti
  • Antibullyism e "The Coddling of the American Mind", Parte 2
  • 4 suggerimenti per affrontare le persone frustranti
  • Nuovo esercizio di psicologia positiva!
  • Il solista: un preambolo
  • Educazione: punire i genitori degli studenti non diplomati?
  • Neurofeedback illumina i modi personalizzati per motivare se stessi
  • In che modo il lavoro di squadra può danneggiare la produttività
  • 3 modi inefficaci ho cercato di gestire e godermi il mio uso di droghe
  • Pseudodemenza e Me
  • Giudicare la personalità nell'induismo, parte 1
  • Separazione dei fatti dalla narrativa nel disturbo dello spettro autistico