Una conversazione di follow-up su daltonismo

Ora stiamo arrivando da qualche parte. Sono stato contento di ricevere commenti sul mio recente post sul blog su Colorblindness. Una conversazione sui problemi della neo-diversità è ciò di cui abbiamo bisogno, quindi parliamo di cosa stavo parlando.

In realtà, un commentatore ha catturato parte del mio punto quando "White girl" ha scritto:

"Notare la razza di qualcuno non è razzista o pregiudizievole. * Giudicare * le persone in base alla loro razza è ciò che è in discussione. Sembri essere confuso. Va bene notare cosa rende le persone diverse … Questo non è un concetto complicato. Rido sempre quando la gente boccheggia quando distinguo qualcuno in una folla dicendo "il ragazzo nero" o "la ragazza asiatica", come se fossero insulti. E sì, se sto indicando una persona bianca in mezzo alla folla dove lui / lei è in minoranza, dirò "la donna bianca". Non è davvero un grosso problema. Trovo che la sottocorrente di vetriolo nella tua affermazione sia davvero inquietante. Oh, e sì, sono bianco. "

Quindi, se non è un concetto complicato, perché così tante persone che camminano in giro temono di essere percepite come "razziste" se danno la prova di notare una razza persona, pelle-colore? La discussione in aula con i miei studenti mette in chiaro che le persone, in particolare i giovani, sono legate in nodi su come interagire senza essere giudicati razzisti.

Il commentatore "Hannah" ha detto così:

"Sembra che noi bianchi non possiamo mai fare la cosa giusta, per quanto riguarda la razza. Voglio dire, se notiamo la razza di una persona di colore, allora siamo accusati di essere razzisti e di giudicare quella persona dal loro colore della pelle. Ma se ignoriamo il colore della pelle di una persona di colore, allora ci accusano di 'essere daltonici' e si lamentano di ciò che hai appena fatto. Quindi cosa dovremmo fare noi bianchi, allora? "

Si scopre che non stavo scherzando. E non sono arrabbiato e pieno di vetriolo. Sono triste per il modo in cui ci siamo legati a questi nodi quando si tratta di interracial e di tutti i nostri incontri e interazioni neo-diversi, intergruppi. Il mio vantaggio è che come psicologo sociale posso analizzare cosa sta succedendo. Analizzo con il mio obiettivo di dare ad altri strategie che li aiuteranno a navigare nelle nuove tensioni intergruppi in America. Analizzare?

"Fai un passo avanti Signore e signori e prendi l'assicurazione per il razzismo". Se potessi acquistare una polizza assicurativa che ti potrebbe sostenere se commettessi un errore razziale, lo faresti? Questa è la premessa di una grande parodia che si sta facendo strada su internet (https://www.youtube.com/watch?v=xeukZ6RcUd8).

Nella prima delle tre scenette, un impiegato bianco con incredulità nella sua voce dice al suo collaboratore nero, "Tu? … guarda Game of Thrones?"

Poi il collaboratore bianco continua a dire al suo collega di sesso maschile, "L'uomo è ciò che amo di te; sei un tizio nero ma non ti comporti in nero ".

Notando lo sguardo di disapprovazione nei suoi occhi da collega di sesso maschile nero, questo uomo bianco ben intenzionato dice: "Sai cosa intendo, non ti comporti tutti tirati fuori".

Il collaboratore maschio nero mostra agitazione e dice "Così tutte le persone di colore vengono derubate". In quel momento il collaboratore bianco si rende conto che questa interazione non sta andando come aveva sperato e improvvisamente canta, sì canta, "Oops I è stato sollevato … ragazzo nero venuto qui. "Un uomo nero appare e liscia sopra l'interazione. Questa è un'assicurazione contro il razzismo ed è piuttosto divertente fino a quando non ti rendi conto che gli americani hanno cercato di comprarne alcuni.

Qualcuno dice qualcosa di sconveniente su persone asiatiche, persone di colore, ecc. E gridiamo "… che razzista!" Siamo confusi perché il pregiudizio non è bigottismo, non è razzismo. Uno studio psicologico sociale ha dimostrato che quando gridiamo "… che razza di razzismo" lo facciamo per prendere le distanze da tutte queste cose. "Loro" sono razzisti, ma io non lo sono. Diventa un'assicurazione contro il razzismo. Sembra che questo sia il motivo per cui così tanti americani siano così veloci nell'etichetta "razzista" e saltino il concetto di bigottismo.

Facciamo tutti dei pregiudizi su tutti i tipi di cose. Ma quando si tratta di questioni intergruppi, il pregiudizio è un'opinione ingiusta e sfavorevole di un intero gruppo di persone. Qualsiasi giudizio su un intero gruppo di persone è pregiudicato perché nessuno può interagire e sperimentare un intero gruppo di persone. Anche così, avere un pregiudizio di gruppo non significa che una persona debba dare prova di quel pregiudizio in qualsiasi momento o in qualsiasi circostanza. Se, tuttavia, quel pregiudizio di gruppo emerge in un comportamento esterno osservabile (parola o azione), questo è bigottismo .

Allora, qual è tutto questo parlare di una persona che è un razzista? Il razzismo non è mai in una persona. Il razzismo è istituzionale e organizzativo. Il razzismo è un sistema istituzionale e organizzativo che rende accettabili pregiudizi e bigottismo individuali.

Tuttavia, cerchiamo di assolvere noi stessi per avere problemi intergruppi implicando "Non sono un razzista". Un commentatore sul mio post Colorblindness ha vissuto con questo in modo interessante. "Ebony & Ivory" ha detto questo:

"Sono in una relazione interrazziale, omosessuale (sono nero, è bianco) e mi fa impazzire quando il mio ragazzo dice che è" daltonico ". Dopo numerose conversazioni, ho capito che ciò che intende veramente è che non giudica le persone dal colore della loro pelle. Ma sembra paternalistico quando dice che è daltonico. Non ho il lusso di essere daltonico. Mi viene spesso in mente il mio colore …

Non sto chiedendo a tutti di essere politicamente corretti, ti sto chiedendo di vedere il colore della mia pelle e mi rendo conto che esso è accompagnato da tutta una serie di esperienze che una persona di una razza diversa non necessariamente sperimenta. E quelle esperienze sono reali e valide. Anche se può sembrare bello pensare a noi stessi come daltonici, sfortunatamente il colore della nostra pelle influisce sulle nostre interazioni sociali ".

Vedete, la negazione non aiuta. Ognuno di noi ha il potenziale per essere un bigotto. Ascoltami forte e chiaro: non ci sono innocenti. Ognuno porta con sé qualche pregiudizio dal modo in cui sono stati socializzati per essere un americano. Tutti!

Ecco perché dovremmo parlare di più del bigottismo. Alcune delle stesse persone che chiamano qualcun altro per essere un razzista girano intorno e si impegnano in un fanatismo di genere. Oppure si impegnano nel fanatismo verso le persone con determinate condizioni fisiche evitando quelle persone. Oppure si impegnano in bigottismo basato sull'orientamento sessuale attraverso l'uso della lingua; froci, argini. È così gay, dicono le persone senza pensare al lamento sessuale che è, e al bigottismo di quel linguaggio. Oppure si impegnano in fanatismo verso persone con condizioni mentali; dicendo ad alta voce che qualcuno è un "ritardato".

Vedete il trucco dietro concentrarsi su "razzismo" è che lascia fuori tutte le altre forme di bigottismo nella nostra società. Insinuiamo che se possiamo semplicemente impedire alle persone di essere "razziste", impedire alle persone di vedere il colore, risolveremmo tutti i problemi del pregiudizio umano nella nostra società. No, non lo farebbe.

Siamo solo post-razziali in quanto il bigottismo razziale non è l'unica forma di bigottismo che le persone devono affrontare. Con tutta la vicinanza tra gruppi diversi nella nostra America neo-diversificata, molte forme di pregiudizio di gruppo hanno il potenziale per essere espresse nei comportamenti individuali. Ognuno di noi ha il potenziale per essere un bigotto.

Solutions Collecting From Web of "Una conversazione di follow-up su daltonismo"