Una buona settimana per il giornalismo verde

Una caratteristica di grande successo nel New York Times scatena un ampio dibattito.

Quelli di noi abituati alla generale assenza di segnalazioni ambientali nei media mainstream sono stati sorpresi dall’esplosione di questa settimana dei media verdi. L’uscita di un lungometraggio del magazine New York Times di 30.000 parole di Nathaniel Rich, “Losing Earth”, scatenò una serie di coinvolgenti risposte, critiche e correzioni in una varietà di media. Gli editori del Times presentano il saggio come una “opera della storia” focalizzata sugli anni ’80 quando gli Stati Uniti quasi, sono diventati quasi un leader mondiale nella lotta per salvare il pianeta dal riscaldamento globale. È accompagnato da collegamenti a materiali educativi pertinenti e commenti critici provocati dal saggio.

È raro che il Times dedichi quasi un’intera rivista domenicale a una questione di così vasta portata. Anche l’attivista verde Naomi Klein ha dovuto riconoscere la sua eccitazione per “vedere il Times lanciare tutta la forza della sua macchina editoriale dietro” l’articolo, anche se la sua pubblicazione non può “mascherare l’abbandono del dovere” del Times per riferire in modo coerente sul crisi climatica.

La storia si legge come un documentario della PBS su un breve ma fiducioso momento della nostra storia, quando la politica americana si svegliò ai pericoli del cambiamento climatico. In questa particolare versione di un dramma nazionale, gruppi di scienziati lungimiranti e lobbisti ambientali lottano per convincere i dubbiosi politici su una minaccia invisibile alla nostra salute e sicurezza. Con il cuore nel posto giusto, alcuni membri del Congresso decidono di convincere i loro colleghi che è ora di unirsi alla lotta contro il riscaldamento globale e ridurre le emissioni di carbonio. Per un momento fugace, anche i giganti dell’industria petrolifera vedono la luce e investono nello sforzo.

Ma poi le forze ciniche all’interno della politica e dell’industria americane emergono per ridurre il movimento in avanti del cambiamento politico, minando la politica ambientale in patria e nei negoziati internazionali. La fragile coalizione di conservatori, ambientalisti, leader del settore petrolifero e scienziati si separa e l’azione per il clima viene posticipata indefinitamente.

È una grande storia. Ma come hanno notato i critici, la definizione della storia e molte delle affermazioni sui conservatori di coscienza e sulle compagnie di combustibili fossili sono fuorvianti. Il punto principale della contesa è come l’autore accusa il fallimento della volontà politica su una colpa intrinseca della nostra umanità. Nelle parole di Rich, “Se gli esseri umani fossero davvero in grado di prendere la lunga visione – per considerare seriamente il destino della civiltà decenni o secoli dopo la nostra morte – saremmo costretti a cimentarci con la transitorietà di tutto ciò che conosciamo e amiamo nella grande spazzata di tempo. Quindi ci siamo allenati, sia culturalmente che evolutivamente, a ossessionare il presente, a preoccuparci del medio termine ea gettare il lungo termine fuori dalla nostra mente, poiché potremmo sputare un veleno “.

Parole potenti che, come osserva Naomi Klein, ignorano la possibilità che gli umani abbiano la capacità e l’agenzia di trasformare la società in “qualcosa che è radicato nella sicurezza umana e planetaria, che non pone la ricerca di crescita e profitto a tutti i costi a il suo centro. “L’idea di un’umanità universale è anche una nozione distorta in cui l’ineguaglianza è inesistente e tutti sono in grado di fare il cambiamento. Non ci sono solo disuguaglianze geopolitiche che escludono le nazioni più vulnerabili dall’influenza politica; ci sono anche disuguaglianze sistemiche di sopravvivenza quotidiana che, come sottolinea Kate Aronoff, “rendono praticamente impossibile per la maggior parte delle persone prendersi cura e organizzare intorno alle forze che non le riguardano nel presente immediato”.

Ridisegnare le economie nazionali con l’obiettivo di consentire a individui e nazioni di creare un ordine internazionale ecologicamente corretto non è mai stato nell’agenda dei personaggi di questa storia. Ciò segna la narrazione con un punto di vista fatalistico e passivo: “Possiamo fidarci della tecnologia e dell’economia. È più difficile avere fiducia nella natura umana. Mantenere il pianeta a due gradi di riscaldamento, per non parlare di 1,5 gradi, richiederebbe un’azione di trasformazione. Ci vorranno più che buone opere e impegni volontari; ci vorrà una rivoluzione. Ma per diventare un rivoluzionario, devi prima soffrire “.

Questa versione comportamentista della mobilitazione di massa è qualcosa che uno studente del primo anno di studi ambientali potrebbe dire prima di conoscere esempi internazionali esistenti di politiche pro-ambientali che consentano modelli vitali di pienezza economica. Ci sono progetti per società più verdi e un pianeta più verde, ma ci sono anche potenti attori politici ed economici la cui ricchezza dipende da quei progetti che non diventano realtà. Questo non significa che i ricchi non abbiano paura della crisi ecologica; ci sono segni che in realtà stanno pianificando la sua inevitabilità.

Mentre potrebbe piacere ai lettori del New York Times sapere che la colpa ricade su di noi tutti ricchi, poveri, deboli, forti, sarà una lezione molto più difficile per molti di loro imparare che in realtà è stato un piccolo gruppo di paesi potenti, i loro leader passati e presenti e le grandi corporazioni che sono responsabili della continua inerzia sui cambiamenti climatici. Ironia della sorte, il corpo dell’articolo del Times illustra come questa élite del potere abbia coscientemente lavorato per minare la politica ambientale e la scienza del clima.

Tuttavia, il saggio Rich ha fornito ai lettori un’introduzione importante e provocatoria alle sfide che gli scienziati del clima e dell’atmosfera hanno affrontato nel corso degli anni. I risultati di scienziati come Jim Hansen dovrebbero essere meglio conosciuti in questo paese. Ha contribuito a fornire importanti modi di vedere e spiegare il riscaldamento globale e l’effetto serra. Insieme ai suoi colleghi, merita il posto di rilievo che Nathaniel Rich dà loro. Ma il Times ha una lunga strada da percorrere per fornire un forte senso normativo di ciò che dovrebbe essere fatto. Senza uno standard contro cui misurare il modo in cui stiamo facendo, riceviamo segnalazioni che cercano rifugio in affermazioni psicologiche universalistiche che non riescono a spiegare perché molte nazioni e scienziati pensano diversamente da quelle del governo e delle corporazioni degli Stati Uniti.

Solutions Collecting From Web of "Una buona settimana per il giornalismo verde"