Una breve storia di timore

L'emozione del timore reverenziale è stata ritenuta importante per l'esperienza umana, una speculazione che è stata sempre più supportata dalla ricerca empirica. Tuttavia, anche il timore è un fenomeno straordinariamente complesso. Ciò si riflette in quanto sostanzialmente la concettualizzazione del timore reverenziale è cambiata nel tempo.

Il verbo "to awe" deriva dal vocabolo norreno "agi" del 13 ° secolo, che letteralmente si traduce come "spavento" o "terrore". Questa iniziale comprensione del timore proviene da una prospettiva quasi esclusivamente religiosa che storicamente è stata dominante. Cercando di comprendere il significato di un passaggio chiave nel primo testamento della Bibbia che di solito fa riferimento al "timore del Signore", il rabbino Abraham Joshua Heshel tradusse alternativamente Salmo 111: 10 dicendo che "Il timore di Dio è l'inizio della saggezza". Un altro esempio di comprensione religiosa del timore reverenziale si trova nel classico teologico " L'idea del santo ", in cui Rudolf Otto sviluppa l'idea del "mysterium tremendum". Secondo Otto, questa esperienza consiste di due componenti intrecciate. Un aspetto è una sensazione di tremore, che deriva dalla percezione di trovarsi in presenza di qualcosa di inquietante, opprimente e vibrantemente vivo. Secondo, c'è il mistero, che di solito porta una persona al fascino, un termine generale usato da Otto per riferirsi più specificamente ai sentimenti di essere stupiti, fulminati, trapassati o sbalorditi.

Una prospettiva significativamente diversa sul timore reverenziale cominciò a svilupparsi nel 1757 quando Edmund Burke scrisse " Un'inchiesta filosofica sull'origine delle nostre idee del sublime e del bello ". Oltre alle fonti religiose, Burke notò che anche il timore può essere evocato, guardare l'arte e ascoltare una sinfonia. Ciò ha portato le persone a cominciare a pensare di stupore in termini più ampi, più positivi.

Altrettanto rilevante per questa discussione è una distinzione che si è verificata tra i termini "orribile" e "terrificante". Ad alcuni, "orribile" si riferisce a una reazione in cui si incontra un evento di timore negativo o in cui un'esperienza potenzialmente sconvolgente non può essere abbracciata per qualche ragione. Al contrario, la parola "fantastico" in origine si riferiva a un'esperienza in cui si ha un incontro di meraviglia positiva. Come scrive Jonathan Haidt in " The Happiness Hypothesis ", tuttavia, il significato di "awesome" è cambiato in tempi relativamente recenti. I giovani, ad esempio, ora usano la parola "fantastico" per trasmettere qualcosa di simile a "doppio più positivo". Forse è per questo che Neil Pasricha, autore del popolare blog, " 1000 cose fantastiche ", può riferirsi a esperienze come "Foto di scuola materna", "il tre mese di stipendio" e "mettere una fetta di lasagna nel piatto e averlo tutto stare insieme" come "fantastico". Rabbi Heschel potrebbe aver fatto qualcosa quando ha osservato che "la consapevolezza di grandezza e il sublime è tutto finito dalla mente moderna. "

CS Lewis una volta consigliò che le persone non dovessero "usare parole troppo grandi per il soggetto. Non dire "infinitamente" quando intendi "molto"; altrimenti, non avrai più alcuna parola quando vuoi parlare di qualcosa di veramente infinito. "Lo stesso si potrebbe dire per le parole" stupore "e" fantastico ". Forse faremmo bene a riservare queste parole per esperienze che sono veramente "Fantastico." Mentre gli scienziati psicologici continuano a esplorare questa emozione elusiva, faremmo bene a ricordare alcune di queste complessità concettuali. È molto probabile che il timore abbia più fonti, cause ed effetti attualmente considerati.

Andy Tix, Ph.D., scrive spesso di esperienze di mistero e stupore in un nuovo blog dedicato esclusivamente a questi argomenti: Riflessioni su Mistero e Awe. La sua specializzazione primaria è nella psicologia della religione e della spiritualità.

Solutions Collecting From Web of "Una breve storia di timore"