"Un-Whining" Your Life

"È dura invecchiare!" È un ritornello familiare tra la generazione di Forever Young . "Qual è il mondo in arrivo?" È un altro sulla lista delle crescenti preoccupazioni mentre invecchiamo.

Alcuni di noi si preoccupano del nostro futuro: assistenza sanitaria, sicurezza sociale e demenza. Altri si concentrano su questioni più grandi: precipizi fiscali, riscaldamento globale e terrorismo. Molti semplicemente desiderano i bei tempi in cui Life in the Fast Lane è stato un grande testo, non una descrizione di una gara che non ci aspettavamo di correre.

Queste sono le preoccupazioni che affliggono Baby Boomers mentre lottano con la realtà dell'invecchiamento in una cultura ossessionata dalla gioventù. Trasformando me stesso a 60 anni, non sono estraneo alle preoccupazioni della mia generazione, né mi sento in colpa quando parliamo di loro. Ma tutte le lamentele in realtà aiutano?

Alcuni credono che possa fornire un po 'di sollievo dallo stress. Altri dicono che li aiuta a sentirsi meno soli. Ma il piagnucolio abituale può effettivamente avere l'effetto opposto. Non solo diventa noioso per il lamentoso, ma può essere irritante per gli altri. Quanti di noi hanno giurato che non saremmo mai stati uno di quei " Grumpy Old Men" (o donne!), Eppure ci siamo ritrovati verso questo?

Suggerisco "Un-Whining", una nuova tattica per affrontare l'impulso di lamentarsi. Si basa sulla terapia cognitivo comportamentale (CBT), una tecnica dimostrata efficace nell'annullare le abitudini disadattive. Sfidando i pensieri e i sentimenti legati al comportamento disfunzionale, offre alternative che possono portare a reazioni più positive.

Tenete a mente, questo processo non riguarda negare la realtà o adottare un pio desiderio. Né incoraggio lo stoicismo o il martirio. Nella mia pratica di psicoterapia, esorto i miei pazienti a parlare liberamente di tutto – mentre sospendo ogni giudizio – in modo che possiamo identificare e capire cosa c'è nella loro mente. Dico loro che condividere i loro problemi non è lamentarsi, a meno che non si blocchino e si soffermino su di loro. Un buon lavoro terapeutico si concentra sull'uso dei reclami per imparare come gestirli in modo produttivo e andare avanti.

Ecco i cinque passaggi per non-whining seguito da una spiegazione della psicologia dietro questo processo.

  1. Identifica il disagio quando senti una denuncia in arrivo.
    " Qualcosa mi infastidisce e merita la mia attenzione ."
  2. Considera un comportamento proattivo alternativo invece di lamentarti ad alta voce.
    " C'è qualcosa che posso fare per alleviare il mio disagio ?"
  3. Tollera temporaneamente il disagio se nessuna azione può essere intrapresa immediatamente.
    " Posso rimanere lì finché non trovo una soluzione?
  4. Sposta le aspettative di te stesso e degli altri per abbassare il livello.
    " Se faccio qualche aggiustamento interno, forse il mio disagio sarà più tollerabile.
  5. Pensa a cambiamenti a lungo termine per evitare futuri reclami.
    " Forse posso modificare la mia situazione in modo che il disagio sia meno probabile che si verifichi in futuro.

Per vedere come funziona, applichiamo i passaggi a un reclamo comune, come "la mia spalla dolorante".

  • Identificare il disagio: ho appena giocato a tennis e ho sviluppato un dolore alla spalla che non avevo mai avuto prima. Prendo un momento per prestare attenzione a ciò che provo, pensando "la mia spalla mi sta uccidendo". Ascolto la lamentela nella mia testa con il tipo di preoccupazione che avrei se avessi sentito che un amico intimo era ferito. Mi dico empaticamente: "È comprensibile che io sia infastidito da questo dolore, che seccatura." Mentre potrei darmi la possibilità di sentire "ow" e pensare "questo fa davvero male", mi affretto a spostarmi verso " E adesso?
  • Essere proattivo: il mio prossimo pensiero è: "C'è qualcosa che posso fare immediatamente per alleviare il mio disagio?" Per quanto riguarda la mia spalla – posso farlo, prendere due Advil e prendere un appuntamento per la terapia fisica. Spesso ci sono alcune azioni immediate che possiamo prendere che rispondono direttamente a un reclamo. Questo non si applica solo a dolori fisici e dolori, ma anche a quelli emotivi e interpersonali. Diciamo che ho avuto un disaccordo con un amico; Potrei prendere in considerazione la possibilità di telefonare per risolverlo piuttosto che semplicemente esprimere la mia irritazione a qualcun altro. Un'azione produttiva ci fa sentire come se prendessimo in carico i nostri disagi piuttosto che essere passivamente vittimizzati da loro.
  • Frustrazione tollerante: una certa quantità di dolore fisico o psicologico è spesso più tollerabile di quanto pensiamo. Naturalmente dipende dalla gravità del problema, ma molti disagi diminuiscono o scompaiono gradualmente nel tempo. Annunciare che sono ferito e concentrarmi sul dolore non mi è di aiuto come dire a me stesso che "La mia spalla mi dà fastidio, ma è molto probabile che migliorerà". Non si tratta semplicemente di stringere i denti e sopportare il dolore . Al contrario, si tratta di prendere tempo per pensare a soluzioni (o se necessario, suscitando l'aiuto degli altri) piuttosto che esprimere disagi per abitudine. Inoltre, la soddisfazione eterna è un obiettivo irrealistico, perpetuato da una cultura che promuove la felicità senza sosta. A meno che non impariamo a tollerare qualche frustrazione nella vita, ci mettiamo a essere piagnistei.
  • Aspettative mutevoli: la vita è una serie di aggiustamenti. Prima o poi, sperimenteremo tutti i cambiamenti fisici e cognitivi che accompagnano l'età. Alcuni affrontano queste perdite prima, alcune più drammaticamente di altre. A volte i cambiamenti più impegnativi sono quelli tra i nostri cari. Ma tutti dobbiamo adattare le nostre aspettative per evitare di sentirci cronicamente delusi. Se mi fa male la spalla, penso: "Forse l'ho esagerato?" O "Forse non sono forte come una volta". Considero la possibilità che potrei dover prendere una pausa dal tennis o giocare al doppio invece dei single per evitare di stressare la mia spalla. Se non equilibriamo il desiderio di mantenere la vitalità con l'accettare limiti crescenti, perderemo la nostra battaglia con il processo di invecchiamento.
  • Fare cambiamenti a lungo termine: alcuni disagi richiedono una visione più ampia e più lunga della vita. Può significare cambiamenti nel nostro ambiente, relazioni o stile di vita. Se la mia spalla non può tollerare il movimento ripetuto richiesto per giocare a tennis, forse devo usare meno topspin, servire sottomano o addirittura iniziare a pensare a uno sport alternativo. Se non sono disposto a prendere in considerazione la prospettiva a lungo raggio, mi metto nella posizione di provare dolore cronico. Cambiare la mia visione dello sport che amo porterà a cambiamenti nel mio comportamento che probabilmente causeranno meno reclami. Prendere questa visione a lungo, sia dentro che fuori dal campo, è particolarmente importante per mantenere le attività e le persone che sentiamo appassionate da fonte di crescente infelicità.

Considero la protesta cronica come un'abitudine acquisita. La sua rottura (come la maggior parte dei comportamenti disadattivi) richiede pratica. "Un-whining" richiede di ripetere questi 5 passaggi ripetutamente per sviluppare modelli di comportamento alternativi che siano più efficaci. Una volta che la nuova abitudine è formata, sarà rinforzata dalla reazione positiva che evoca. Provalo e guarda

La buona notizia è che viviamo più a lungo. La notizia non tanto buona è che la longevità porta dolori e dolori lungo la strada. Pensiamo a "non piagnucolare" come un'altra sfida che la nostra generazione può superare. Certo, lamentarsi può fornirci l'opportunità di rilasciare qualche negatività. Potrebbe persino aiutarci a sentirci connessi l'un con l'altro mentre condividiamo le nostre lamentele. Ma mi sembra che trasformare i reclami in azioni positive possa servire a tutti noi di più alla fine.

Pensi che "non piagnucolare" possa essere utile a te e agli altri? Se è così, passalo e dicci come va.

Vivian Diller, Ph.D., è uno psicologo in uno studio privato a New York City. È esperta in media su vari argomenti psicologici e come consulente per le aziende che promuovono prodotti per la salute, la bellezza e cosmetici. Il suo libro Face It: What Women Really Feel As Their Looks Change (2010), a cura di Michele Willens, è una guida psicologica per aiutare le donne ad affrontare le emozioni provocate dalle loro apparenze mutevoli.


Per ulteriori informazioni, visitare il mio sito Web all'indirizzo www.VivianDiller.com. Amico su Facebook (su http://www.facebook.com/Readfaceit) o ​​continua la conversazione su Twitter.

Solutions Collecting From Web of ""Un-Whining" Your Life"