Un trasgressore che vuole cambiare: sincerità v. Convinzione?

Durante quarantatre anni di valutazione e di consulenza per i trasgressori, ho incontrato molti che professano di voler cambiare. Le loro motivazioni variano in quanto affermano di voler diventare responsabili e rinunciare a una vita criminale. Alcuni parlano di cambiamenti dopo l'arresto e sono di fronte a un procedimento giudiziario. Alcuni rilasciano dichiarazioni del genere dopo che la porta della prigione o della prigione si è chiusa di colpo prima del processo o dopo. E ci sono quelli, anche se in numero limitato, che si auto-indirizzano e non si trovano ad affrontare procedimenti legali.

Non ho modo di sapere in un dato momento se un criminale stia facendo affermazioni sul cambiamento semplicemente per disperazione e per cercare un risultato migliore per un procedimento legale o se abbia un genuino desiderio di vivere una vita diversa. Non si dovrebbe essere ingenui e prendere le dichiarazioni di un desiderio di cambiare al valore nominale. D'altra parte, non ha senso rispondere con cinismo sfrenato, poiché ciò rende impossibile stabilire una relazione con un criminale.

Con molti trasgressori, è possibile stabilire che hanno espresso il desiderio di cambiare in altre occasioni in passato. Queste potrebbero essere risultate dichiarazioni di convenienza fatte in una situazione legale minacciosa. Oppure potrebbero essere stati abbastanza sinceri. Ciò che accadde, tuttavia, fu che la sincerità non si traduceva in convinzione. Tali individui non volevano continuare una vita di crimine (rischiando di incarcerare, ferire o addirittura morire) e ferire le persone a cui importa di lui (ad esempio, genitori, figli, altri significativi). Pensavano di voler abbracciare uno stile di vita diverso. Tuttavia, come si è scoperto, avevano aspettative non realistiche. Pensavano che il cambiamento sarebbe stato facile, che avrebbero raggiunto i loro obiettivi rapidamente, e avrebbero ricevuto feedback positivi dagli altri e avrebbero avuto una ricchezza istantanea. Il loro modello per tutta la vita era stato quello di perseguire qualsiasi mezzo per un fine e di annoiarsi con attività che non offrivano eccitazione. Sono come velocisti a breve distanza, non corridori di lunga distanza. Lo sforzo continuo necessario per fare ciò che è richiesto e la dissuasione del pensiero criminale sembrano la proverbiale perpetua ondata di un enorme macigno su una collina. Diventano presto disincantati. I vecchi schemi non muoiono o addirittura diminuiscono senza grandi sforzi.

Lo scopo del compito del cambiamento è molto più comprensivo che mai immaginato. "Che cos'hai rispetto alla cocaina?" Chiese un trasgressore. Si riferiva non solo alla droga, ma a tutto il modo di vivere che la droga offre: le persone, i luoghi, il brivido dell'affare e le altre attività illecite che fanno parte del mondo della droga e della criminalità. Scoprì che lavorare in un lavoro quotidiano, cercare di far quadrare i conti finanziariamente, partecipare alle riunioni e vivere una vita normale era terribilmente noioso. Inizialmente molto sincero per il cambiamento, aveva fatto bene con qualsiasi standard. Ma ha rinunciato a tutto e tornato al crimine, alla fine è stato arrestato e tornato al confinamento con nuove accuse e violazioni alla libertà vigilata.

Una persona può essere sincera sul voler cambiare. Ma al momento non è in alcun modo possibile comprendere tutto ciò che comporta un cambiamento significativo e duraturo. Il disincanto inizia quando vede quanto sia arduo il processo. Deve vivere privato dell'ossigeno della sua vita, l'eccitazione di fare il proibito che include costruirsi a spese degli altri.

Nel lavorare con i criminali, è essenziale fornire all'individuo un'anteprima di ciò che il cambiamento comporta, per aiutarlo ad adeguare le sue aspettative. Eppure, fino a quando non sta davvero lottando per vivere responsabilmente, quelle parole potrebbero avere poco significato.

Forse un'analogia è una persona che è entusiasta di perdere peso. Ha prontamente versato qualche chilo. Poi vede cosa richiede una riduzione duratura del peso, cioè un insieme completamente nuovo di abitudini alimentari. Tuttavia, con l'autore del reato, lo scopo del compito è molto più formidabile; si trova di fronte a cambiare un intero modo di vivere. Questo è fattibile, ma è compiuto solo con uno sforzo prolungato – astenendosi dal fare molte cose che vuole fare e spingendosi troppo a ciò che resiste interiormente. Se la sincerità del cambiamento si trasformi in convinzione, solo il tempo lo dirà.

Solutions Collecting From Web of "Un trasgressore che vuole cambiare: sincerità v. Convinzione?"