Un sex terapeuta agli Academy Awards

Quanti di voi hanno visto Le Sessioni ? Bene – vedo delle mani.

Ha portato a molte discussioni? Beh, non è nemmeno nella mia casa.

E nella stampa popolare la stessa cosa. Alcune prime recensioni dicono che è stato molto commovente e ben fatto. Quindi niente di più.

Un film su un uomo gravemente disabile – il poeta Mark O'Brien – che arruola un surrogato sessuale per aiutarlo a provare la passione fisica. E a proposito delle complessità emotive e religiose (è cattolico) che ne derivano. Sembrerebbe che questo film susciterebbe discussioni infinite, con così tanti possibili punti di accesso.

Ma non è stato così. Tutti erano d'accordo sul fatto che il film fosse "molto commovente", ma nessuno sembrava avere molto da dire al riguardo.

Forse le Sessioni hanno coinvolto cose su cui abbiamo imparato a tacere – ad esempio che il mondo potrebbe essere un posto migliore se tutti potessimo dare e ricevere il piacere sessuale molto più liberamente. Tale idea, naturalmente, generalmente incontra un educato silenzio. Anche nei nostri tempi saturi di sesso sessuale, la maternità surrogata come professione non osa ancora pronunciare il suo nome.

O forse non è quello. Forse è qualcos'altro. Forse il film suggerisce sentimenti che sono semplicemente troppo difficili da esprimere con le parole. Ciò non sarebbe sorprendente, dato il modo in cui la sessualità raggiunge le parti più primitive della nostra mente. Forse ci piacerebbe davvero tanto parlare di questo film, ma ci manca il vocabolario necessario.

Forse hai sentito la storia dell'artista che mostra il suo lavoro durante l'apertura di una galleria. Qualcuno si avvicina a lui e gli chiede che cosa dipinga un suo particolare dipinto. Risponde: "Se potessi dirti cosa significa, perché mi sarei preso tutta la fatica di dipingerlo?"

Quando ho visto per la prima volta The Sessions alcuni mesi fa, ho cercato invano di esprimere sulla carta i sentimenti che ha suscitato. Ora che Helen Hunt ha un Oscar per   il suo lavoro nel film, forse è il momento di riprovare.

Come ogni psicoterapeuta ti dirà, raramente riguarda solo il sesso. È ciò che il sesso è venuto a rappresentare per un individuo. Mark O'Brien di Sessions ne è un esempio.

Conoscere e vedere

Come descritto nel film, O'Brien soffre soprattutto di una sensazione di invisibilità. La città di Berkeley, in California, ai suoi tempi era una sorta di mecca per l'abilitazione sessuale delle persone disabili. Ma anche in una simile comunità, O'Brien è così gravemente disabile che non riesce a trovare un partner.

Tra i significati più naturali e profondi del sesso è quello di essere pienamente conosciuto e pienamente visto. Ma nessuno desidera conoscere quest'uomo o vederlo. (Non è un caso che una delle scene climatiche del film riguardi uno specchio).

All'insaputa di O'Brien, la sua surrogata sessuale Cheryl Cohen-Green si contende con un sentimento più sottile ma non completamente diverso di sentirsi invisibile. Per vari motivi, suo marito ha smesso di vederla in un modo che la afferma. Un problema non raro in un matrimonio. Il bisogno del suo cliente disabile di essere visto risveglia il suo stesso desiderio.

Le manda una poesia sul desiderio di poterla toccare con le sue mani paralizzate –

Lascia che ti tocchi con le mie parole.
Per le mie mani
-light e volo libero come mattoni –
Ignora i miei desideri e rifiuta testardamente
Per realizzare anche i miei desideri più silenziosi.
Lascia che le mie parole entrino nella tua mente
Torce per cuscinetti. . .

 

Il poema fa le buone poesie. Le sue parole entrano nella sua mente e nel suo essere. Piange mentre legge quello che le ha scritto, sentendo la sua grande solitudine come la sua.

La loro ultima sessione insieme, lui e lei stanno sdraiati fianco a fianco, entrambi fissi verso l'alto. I suoi seni nudi non trasmettono più sensualità. Solo vulnerabilità L'ha vista, l'ha conosciuta, ha riflettuto profondamente su di lei. Si conoscono.

È tragico, perché non c'è nessun posto dove possano andare da lì. Ma si conoscono ancora.

Gran parte del silenzio che circonda questo film, credo, è questa cosa che va oltre il potere delle parole di esprimere pienamente: il desiderio silenzioso dell'anima sessuale di essere conosciuto da un altro.

È difficile, ma comunque importante, cercare di trovare parole per queste cose.

Copyright © Stephen Snyder, MD 2013

www.sexualityresource.com   New York City

Segui Dr Snyder su Google+ e Twitter

Solutions Collecting From Web of "Un sex terapeuta agli Academy Awards"