Un secchio di ghiaccio, un bambino autistico e uno scherzo crudele

Lee Morley on Flickr
Fonte: Lee Morley su Flickr

Una campagna di social media finalizzata a sensibilizzare su un problema di salute diventa il veicolo crudele attraverso il quale la consapevolezza viene sollevata per un altro.

Il 18 agosto 2014, un ragazzo autistico di 15 anni a Bay Village, Ohio, è stato incoraggiato da cinque amici adolescenti a partecipare a quella che pensava sarebbe stata la sfida del secchio di ghiaccio dell'ALS. Invece, gli adolescenti hanno lasciato cadere un secchio di urina, feci e tabacco sputato sulla sua testa. Quando i genitori del ragazzo hanno trovato un video dello scherzo sul suo telefono, lo hanno immediatamente portato a Fox 8 News per mostrare come i bambini con malattie mentali possono essere vittime.

Il video è diventato virale ed è stato accolto con sdegno dal grande pubblico e annunciato come una disgrazia per lo scopo della campagna della Associazione ALS.

In un'intervista con Fox 8, la madre del bambino si identifica come Diane per proteggere l'identità di suo figlio:

"La sfida del secchio dovrebbe aumentare la consapevolezza di questa malattia e ora l'hanno trasformata in uno scherzo malato. Non riesco proprio a capire perché i bambini farebbero qualcosa di così crudele. "

Ma non c'è nulla che non possa essere usato per provocare sofferenza, specialmente quando la vittima è un obiettivo facile.

In uno studio di Benjamin Zablotsky della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e dei suoi colleghi, 1221 genitori di bambini con disturbo dello spettro autistico sono stati invitati a iscriversi alla Interactive Autism Network (IAN) e hanno chiesto della storia del loro bambino con i bulli a scuola. I risultati hanno mostrato che il 63% dei bambini autistici ha subito vittimizzazione da parte dei loro coetanei a un certo punto della loro vita e che il 38% è stato vittima di bullismo nel mese scorso. Un risultato estremo rispetto al tasso medio di bullismo del 20-30% riportato dagli studenti in generale.

Lo studio ha anche rivelato che i bambini autistici in normali contesti scolastici con coetanei che non hanno ASD hanno maggiori probabilità di essere vittime di bullismo rispetto ai bambini che sono collocati in contesti educativi specializzati.

Catherine Cappadocia, una studentessa di dottorato, insieme agli psicologi Jonathan Weiss e Debra Pepler nella facoltà di salute dell'Università di York, ha studiato gli effetti del bullismo sullo sviluppo dei bambini autistici. Ha scoperto che i bambini autistici che hanno genitori con problemi di salute mentale hanno tre volte più probabilità di diventare vittime, soprattutto in giovane età.

Le difficoltà di linguaggio servono anche ad aumentare il rischio di essere vittime di bullismo. Per i bambini autistici che non sono in grado di esprimersi con i trasgressori o con le autorità, la vittimizzazione può diventare inevitabile.

Una combinazione di molti di questi fattori può essere ciò che ha portato alla vittimizzazione del figlio di Diane. Eppure ciò che rende questo problema più inquietante è che i cinque giovani responsabili hanno affermato di essere suoi amici.

Il Procuratore della Contea di Bay Village, capo della divisione giovanile dell'ufficio, ha dichiarato: "La vittima e i cinque giovani accusati erano e sono amici e compagni di classe. Si associano regolarmente l'uno con l'altro e, a volte, si comportano in scherzi sgradevoli e sofistici. Tuttavia, questo incidente è chiaramente diverso. Ha attraversato una linea morale e legale, e anche i cinque presunti perpetratori lo hanno capito e hanno espresso rammarico ".

Tre dei ragazzi coinvolti nello scherzo sono stati accusati di due capi di delinquenza, aggressione e condotta disordinata. I restanti due autori sono stati accusati di un singolo conteggio di condotta disordinata.

I ricercatori Vicki Bitsika e Christopher Sharpley hanno dimostrato che un gran numero di bambini con ASD spesso hanno pochi o nessun amico e trascorrono la maggior parte del tempo libero a scuola da soli. Circa il 40% di questi bambini ha anche affermato che le poche persone che credono di essere loro amici tendono a fare il prepotente anche a loro.

Bitsika e Sharpley spiegano anche che queste molestie possono creare un ciclo di feedback positivo, rallentando lo sviluppo sano e aumentando la difficoltà dei bambini autistici mostrando emozioni e comunicando con gli altri.

Perché i bambini autistici crescano in un ambiente sano, scuole, genitori e bambini devono essere educati non solo al bullismo, ma all'autismo stesso.

– Afifa Mahboob, contributore, rapporto traumi e salute mentale

– Redattore capo: Robert T. Muller, The Trauma and Mental Health Report

Copyright Robert T. Muller

Solutions Collecting From Web of "Un secchio di ghiaccio, un bambino autistico e uno scherzo crudele"