Un ritratto clinico di un uso pornografico online eccessivo (parte 6)

La storia di "Paul and His Girls" continua con un breve viaggio nella teoria clinica e il bisogno del mio terapeuta (il mio) di comprendere questo paziente confuso.

Sommario (fino ad oggi 🙂

Parte 1: Per iniziare: Qualcosa di troppo bello per essere vero, lo è
Parte 2: "50 modo per lasciare il tuo … terapeuta"
Parte 3: una roccia e un luogo difficile
Parte 4: The Medium è il … Sex Act
Parte 5: conoscere cosa serve per essere "una delle mie ragazze"

La riservatezza clinica è stata rigorosamente protetta. La storia raccontata in questa serie è un ritratto clinico costruito di eventi reali, una pratica comune sia nella letteratura professionale che nei libri popolari. Per proteggere i pazienti (passati, attuali e futuri), le famiglie e gli amici tutte le informazioni identificative sono state completamente camuffate e il racconto ha attraversato diverse storie specifiche.

—–

Parte 6 di "Paul and His Girls"
Dalla confusione alla dipendenza dalla metafora di "Scaffolding"

Potrebbe il porno online essere davvero così potente? Abbastanza potente da deformare una giovane vita promettente? Chissà, c'è un sacco di cose là fuori. Tonnellate. Internet è come un centro commerciale in cui uno su 10 negozi vende porno e molti altri lo regalano o semplicemente lo lasciano in giro per chiunque ne abbia voglia. Sembra ovvio che non ci sarebbe molto là fuori a meno che molte e molte persone abbiano apprezzato un sacco e un sacco di porno; l'offerta segue la domanda. Cosa non è così ovvio è perché una tale domanda?

Tali enormi quantità di immagini online sessualmente esplicite devono rispondere a qualcosa. Ma cosa? Il richiamo della curiosità adolescenziale (a qualunque età!)? Vuoti momenti di essere soli o annoiati? Forse solo la sensazione eccessiva, eccessivamente stimolata e poco gratificata? Probabilmente tutti questi e altri: il fatto è che la gente ha voluto il porno apparentemente per sempre, almeno dal momento che gli antichi greci decoravano la ceramica con immagini sessualmente esplicite. Chissà, forse Stonehenge era un terrapieno e un peep-show basato sulla pietra. Ma tutti questi motivi tradizionali spiegano la quantità sbalorditiva di porno online disponibile? Spiegano come Paul abbia trascorso il suo tempo libero, soprattutto considerando tutto ciò che questo incantatore di successo avrebbe potuto fare?

In una parola, no.

L'uso del porno online da parte di Paul era più complesso, più confuso, e non mi piaceva affatto, neanche un po '. Ho avuto un piccolo conforto dal fatto che molti altri terapeuti erano anche sconcertati. Le persone che usano troppo il porno online erano (è?) Ancora un problema relativamente nuovo. Inoltre, con l'avanzare delle tecnologie, nuove forme emergono ulteriormente alimentando la confusione. Ma le menti aborriscono la confusione, quasi quanto la natura aborre il vuoto. Tanto che la confusione non dura mai. Qualcosa arriva sempre per lavare via la confusione e ristabilire il comfort cognitivo. Con il porno online eccessivo, quello che inizialmente è arrivato per lenire la mia mente psicologicamente confusa era il concetto di "dipendenza".

La dipendenza è un concetto pratico e vicino allo scaffale esplicativo. E chiamare il porno di Paul usare una dipendenza sicuramente eliminerebbe la mia confusione. Se i suoi problemi nella vita non erano nient'altro che clinicamente familiari – ma non meno potenzialmente pericolosi per la sua familiarità – situazione di eccessivo comportamento che induce i neurotrasmettitori a ricablare i circuiti neurali di motivazione e ricompensa che portano a un comportamento ancora più eccessivo in un ciclo accelerato di feedback verso il basso il mistero diagnostico sarebbe risolto. Per Paul, quindi, restava aperta la questione se la sua fosse una "dipendenza dal sesso" o una "dipendenza da Internet". O forse entrambi, come un giocatore alcolico compulsivo con una dipendenza da cocaina. Ma quello sarebbe il mistero familiare della diagnosi differenziale, non la confusione causata semplicemente dal non sapere cosa fare dell'intera situazione.

Ma le prove a supporto della "dipendenza dal sesso" o della "dipendenza da Internet" come entità diagnostiche distinte sono alquanto scarse, non proprio vicino a ciò che sarebbe necessario per descrivere una malattia completamente nuova. Invece, sono le etichette meglio pensate come metafore e non come diagnosi. Come metafora comunicano utilmente la profondità e la gravità del problema – ci sono molte vite distrutte sullo schermo. Ma ho capito che in realtà non spiegano molto né possono guidare il trattamento, almeno non per Paul. In realtà, dire che era dipendente dal porno online avrebbe reso più difficile aiutarlo. I suoi problemi non erano solo una malattia che necessitava di trattamento, come l'alcolismo. Piuttosto stava agendo e scegliendo per ragioni che stavamo solo iniziando a capire; nulla di buono sarebbe venuto dal liquidare tutto ciò di cui avevamo discusso come nient'altro che la negazione di un tossicodipendente.

Dal momento che il concetto di "dipendenza" mi ha lasciato confuso come sempre su Paul e il potere del porno online, mi sono rivolto a un'altra spiegazione per farla entrare nella letteratura professionale: il "motore tripla" di accessibilità, anonimato e accessibilità. Poiché il porno online ha combinato convenienza, anonimato e accessibilità è stata un'attività potenzialmente pericolosa in cui le persone potrebbero rimanere intrappolate. In altre parole, il motore del potere del porno online deriva dal fatto che è economico, privato e davvero facile da ottenere.

L'ipotesi del motore triplo-A è un'idea accattivante, ma vi arriva solo a metà strada. Economico, privato e davvero facile da ottenere fa un buon lavoro descrivendo caratteristiche che rendono il porno online diverso dai tradizionali sistemi di consegna pornografici. Tutti i vecchi ostacoli all'acquisizione del porno, dal costo all'imbarazzo alla difficoltà, scompaiono. Ma non fa nulla per spiegare tutto quel desiderio che ha sempre spinto contro quegli ostacoli, né dice nulla sull'esperienza di chi va online. L'ipotesi del motore triplo-A dà per scontata le stesse cose che dobbiamo capire. È come dire che se il liquore fluisse liberamente dai rubinetti dell'acqua, spiegherebbe un alcolizzato.

Piuttosto che minimizzare il ruolo giocato dagli stessi utenti di pornografia, mi sono reso conto che ingrandire e capire quei singoli punti di vista era esattamente ciò che era necessario, anche se ciò significava che ci sarebbero tante spiegazioni quante sono le persone con il problema. Dopotutto, quando Paul trascorreva il tempo con le sue "ragazze", era un agente attivo che prendeva decisioni e scelte consapevoli e incoscienti nella ricerca di qualcosa, non una nave passiva in cui venivano versate le tossine digitali. Naturalmente, la sua esperienza è stata influenzata da ciò che le immagini gli hanno permesso, ma ciò che ha fatto psicologicamente con le immagini e come le ha vissute sono i processi che devono essere capiti.

A differenza della due diligence, praticava costantemente per assicurarsi che non fosse mai finito con la "ragazza sbagliata", Paul si avvicinava al porno come qualcosa di separato, personale e banale. Separato, personale e banale era il suo "motore a tripla": il porno non faceva parte della sua vita da "ragazzo d'oro", era totalmente suo, e il porno in realtà non importava. La sua "tripla" gli ha dato la libertà di sfruttare al massimo le sue esperienze pornografiche (che sarebbero state una ricetta per una buona vita se solo fosse stato in grado di applicare la stessa strategia ai rapporti con le donne reali piuttosto che solo le immagini sessuali delle donne) .

Ognuno è la propria storia e separato, personale e banale è stato il suo. Con il porno poteva chiedere senza paura di conseguenza, "Cosa mi piace?" Invece di cercare difetti. In un certo senso, ogni volta che vedeva un'immagine o un video era come l'attesa di un grande primo appuntamento, prima che iniziasse la caccia alle delusioni. Si è avvicinato usando il porno come esperienza ha provato a fare lavoro.

"È davvero facile rendere noioso il porno", ha ammesso un giorno. "Posso uccidere il massimo ogni volta che voglio solo dicendo a me stesso che sono solo un mucchio di pixel. Ma immagino, perché preoccuparsi? Perché romperlo? "

"Immagino sia meglio farlo funzionare", dissi, incuriosito da dove stesse andando. "Come hai detto, è solo un porno, qualcosa che è tuo, un posto dove essere libero senza aspettative, senza conseguenze della vita reale. Ma come lo fai? Come trovi così tanto piacere da una foto? "

"Be ', immagino prima di tutto, lo voglio," disse con un sorriso complice. "Collezionare è semplicemente divertente. Ma quando voglio scendere devo lasciarmi perdere nel sentimento. Il porno rende facile. Faccio slide show delle mie foto preferite ora, e alcuni dei video sono fantastici. Rimango chiuso a chiave e posso cambiare quello che voglio ogni volta che voglio. È tutto mio. "

A volte si perdeva nell'uso sempre più creativo della tecnologia e della larghezza di banda di un fornitore porno, altre volte era contento; ad esempio, ha davvero apprezzato i blog di sesso quando hanno iniziato a comparire. Quando la vita si sentiva "troppo" e aveva davvero bisogno di rilassarsi, passava del tempo con le sue ragazze; era tutto basato sul suo bisogno di una "pausa". Altre volte disse che era come se si stesse immergendo nelle immagini che aveva raccolto, lasciando che una ragazza dopo l'altra si lavasse su di lui.

Combinando l'immaginario sessuale del porno online, la sua stessa "on-line", con quello che ha fatto ho iniziato a sentirmi meno confuso. Paul ha portato molto di se stesso al porno: desiderio sessuale, bisogno di essere perfetto, bisogno di rilassarsi. Ma aveva anche bisogno di ciò che il porno online gli forniva: uno spazio di gioco separato, personale e banale in cui poteva mettere in scena varie fantasie. In altre parole, stava usando il porno online come supporto interattivo per i suoi processi interni. Porno che cerca e trova uno sfogo sessuale dalle richieste quotidiane. Funzionava come una sorta di impalcatura "tripla A" che poteva erigere, nessun gioco di parole, ogni volta che ne aveva bisogno o voleva farlo.

Apparentemente, il porno ha un potere emotivo così incredibile nella sua vita non a causa del suo potere di dipendenza, ma perché era così sostituibile, come un'impalcatura trasportata via e scartata dopo la costruzione, una volta terminata l'esperienza.

[Fine della parte 6 … da continuare]

Solutions Collecting From Web of "Un ritratto clinico di un uso pornografico online eccessivo (parte 6)"