Un ritratto clinico di un uso pornografico online eccessivo (parte 3)

Ecco la terza puntata in quello che sarà un ritratto clinico in 10 parti. Come sta diventando la mia pratica standard, ogni rata inizia con collegamenti a tutte le altre parti (tipo di un sommario alla serie) insieme a un promemoria sulla riservatezza clinica:

Parte 1: Per iniziare: Qualcosa di troppo bello per essere vero, lo è

Parte 2: "50 modo per lasciare il tuo … terapeuta"

La riservatezza clinica è stata rigorosamente protetta. La storia raccontata in questa serie è un ritratto clinico costruito di eventi reali, una pratica comune sia nella letteratura professionale che nei libri popolari. Per proteggere i pazienti (passati, attuali e futuri), le famiglie e gli amici tutte le informazioni identificative sono state completamente camuffate e il racconto ha attraversato diverse storie specifiche.

————–

Parte 3 di "Paul and His Girls"
Un Rock and a Hard Place

Dopo il nostro inizio roccioso, ma prima che arrivassimo al porno, abbiamo parlato di crescere, di come i suoi rapporti con i suoi genitori lo rendessero l'uomo che è. In altre parole, abbiamo rischiato di diventare il cliché che la psicoterapia è incolpare di mamma e papà. Sono dolorosamente consapevole del cliché: detto con un accento finto viennese uno psicoterapeuta dice "così, parlami di tua madre". Il cliché è così familiare che persino gli psicologi, dagli studenti universitari ai professionisti esperti, si divertono invocando l'idea assurda che il kvetching della mamma sia la strada regale per un'autentica vita buona.

Ma quando lasci il sarcasmo a parte per la verità, il fatto è che i segni – forse le cicatrici – dell'infanzia sono reali. Sopportano. Le storie personali di amore e connessione influenzano profondamente chi siamo indipendentemente dalle battute che diciamo. La storia non può essere ignorata.

Ulteriori complicazioni tra cliches e realtà sono il modo in cui la vita adulta può anche lasciare il segno. A volte le esperienze dopo la crescita possono persino cancellare i residui delle calamità infantili, altre volte possono offrire conforto e consolazione per qualunque danno rimanga. Non è nemmeno un tratto dire che ciò che la terapia cerca di fare è ingrandire la capacità della vita di guarire e fornire conforto.

Ma non è così che le cose stavano funzionando per Paul. Per quanto ricco e vario potesse avere un aspetto insolitamente positivo, la sua esperienza rimase piatta e rimase sostanzialmente intoccato da tutto ciò che stava facendo. Era come se avesse ripetuto la stessa esperienza ronzante (e oltre e …) indipendentemente da ciò che ha fatto. Viaggi con amici, appuntamenti con donne bellissime, promozioni al lavoro, soldi in banca e lodi e ammirazione di routine si sentivano tutti uguali: sentimenti piatti che emergevano da quello che le persone di successo facevano.

È cresciuto con diversi fratelli, un padre che non credeva nel risparmiare la verga e una madre infelice incline a scoppi di rabbia risentita. Aveva sacrificato una carriera musicale molto promettente per crescere la sua famiglia, e spesso ricordava a tutti i fratelli la profondità del suo sacrificio. I suoi ricordi d'infanzia erano insaporiti dalle sue delusioni e dal suo temperamento, che spesso includeva il suo essere così sopraffatto dall'energia giovanile maschile nella casa che tutto ciò che era in grado di fare era fornire la temuta minaccia "Aspetta che tuo padre torni a casa". E quando Papà tornò a casa con la cintura o la pagaia avrebbe inevitabilmente seguito.

Una volta ha raccontato di un pestaggio particolarmente duro dopo che lui ei suoi fratelli avevano disegnato delle immagini con il gesso colorato su un cortile sul retro. Ho chiesto, "Quando racconti una storia del genere, pensi di essere stata abusata da bambina?"

"Era una disciplina", protestò Paul. "Non abusare. Non che ci siamo sempre meritati, ma le percosse sono state facili. La parte difficile era che non avrebbe mai colpito nessuno di noi a meno che non fossimo tutti lì a guardare. "

"Com'è stato come avere i tuoi fratelli più piccoli guardare che sei stato colpito da tuo padre, è stato peggio" ho chiesto.

"Nah," disse. "Posso prendere un pestaggio. Non è un problema. Odiavo, era dannatamente umiliante, a guardare i miei fratelli minori colpiti. Preferirei prendere il pestaggio da solo. Sono il più vecchio. "

Quando parlava di sua madre, Paul riconosceva spesso, di solito con una certa riluttanza, "Sono sempre stato il suo favorito". Ha detto che sua madre gli diceva spesso che era la sua "luce splendente" o il suo "ragazzo d'oro". Avrebbe condiviso con lui un cospiratore come i suoi numerosi successi e la facile grazia con cui li raggiunse, quasi rendesse i suoi sacrifici utili, ma solo quasi.

Ha parlato di come ha sempre sentito di non essere mai abbastanza, che non importa quanti A-plus che ha ottenuto sarebbe stata ancora depressa e arrabbiata. Voleva mantenere la pace in casa sia perché prendesse le percosse sia perché potesse rendere orgogliosa e felice sua madre. E anche se non l'ha mai fatto, ha continuato a cercare di vincere la cronica delusione che ha espresso facendosi sempre meglio. Abbiamo passato molte sessioni a catalogare come ha usato – e continua a usare – i suoi talenti in uno sforzo destinato a farla sentire meglio.

Era sempre il migliore della sua classe, il ragazzo più popolare nel parco giochi, il capitano della squadra, persino il trombettista nella banda jazz d'élite della sua scuola superiore. Ha detto di aver ottenuto tutte queste cose non perché lo facessero sentire bene o perché gli piacesse davvero farlo, ma perché sperava di tenere le cose sotto controllo a casa. Meglio era, più era bella sua madre, con il risultato che forse lui ei suoi fratelli non avrebbero dovuto "aspettare fino a quando il padre non fosse tornato a casa".

Alla fine accettammo che tutti i suoi talenti erano stati la tragedia della sua vita, perché sua madre finì per "possedere" molte esperienze che altrimenti avrebbero potuto sentirsi come sue. In diverse occasioni, gli dissi: "Per lei, per liberarti da lui, fingi di essere te stesso." Il ragazzo d'oro che mi aveva preso da "Ciao" si era completamente trasformato in un uomo ferito e di talento, sperando che la perfezione avrebbe fatto guadagnare a sua madre amore e forse, solo forse, aiutare lui ei suoi fratelli a scappare dalle violente punizioni di suo padre.

Era intrappolato. Nessuna donna o relazione potrebbe mai vivere secondo gli standard di perfezione con cui è stato cresciuto: troppo successo non è mai abbastanza. Ma non essere all'altezza di quegli standard non era nemmeno un'opzione. Il pensiero di volere una relazione e di averla fallita, o di essere con qualcuno imperfetto, o qualcuno che i suoi genitori potrebbero vedere come difettoso, era inimmaginabile. L'ombra della punizione paterna ha oscurato tutte le possibilità che la vita gli ha portato. Per quanto il successo non fosse terribilmente gratificante, il fallimento non poteva mai essere un'opzione.

Allo stesso tempo, ogni volta che c'era il minimo indizio che una donna potesse soddisfare i suoi standard, quando era quasi perfetta come lui e come lui aveva bisogno di lei, la vedeva come troppo simile a come sua madre si vedeva e quindi troppo spaventoso per stare con. Quando si trattava di amare, era davvero bloccato tra una roccia di perfezione impossibile e un posto materno. La sua via d'uscita era assicurarsi che ogni relazione finisse per fallire a causa sua, non di lui. Aveva bisogno di ogni donna con cui era per non essere "la ragazza giusta". E in questo, come sappiamo, aveva avuto un enorme successo.

[Fine della parte 3 … vai alla Parte 4]

Solutions Collecting From Web of "Un ritratto clinico di un uso pornografico online eccessivo (parte 3)"