Un quadro unificato per la dipendenza: le vulnerabilità dei processi decisionali e la procrastinazione

Basato su un quadro per la dipendenza recentemente pubblicato nella rivista Behavioral and Brain Sciences , il filosofo Chrisoula Andreou ha offerto idee da considerare nella nostra comprensione della procrastinazione.

Ho scritto sul lavoro di Chrisoula Andreou (University of Utah) precedentemente in relazione alle strutture di preferenze intransitive e alla procrastinazione di secondo ordine. Chrisoula ha apportato significativi contributi teorici alla nostra comprensione della procrastinazione. Qui voglio riassumere brevemente alcuni dei suoi pensieri più recenti ed estenderlo con alcune ipotesi alternative.

La nuova struttura per comprendere la dipendenza
L'articolo target per la risposta di Chrisoula nel "Open Peer Commentary" è stato scritto da tre colleghi dell'Università del Minnesota, Minneapolis – A. David Redish (Dipartimento di Neuroscienze), Steve Jensen (Laurea in Informatica) e Adam Johnson (Laureato Programma in Neuroscienze e Centro per le scienze cognitive). Redish e colleghi identificano 10 vulnerabilità chiave nel processo decisionale che possono portare a scelte disadattive. La loro struttura è stata descritta come un "tour de force" – una teoria unificata del processo decisionale nel cervello dei mammiferi come derivante da più sistemi interagenti (compreso un sistema di pianificazione, un sistema di abitudini e un sistema di riconoscimento della situazione). Scrivono: "In questo articolo, abbiamo proposto un nuovo quadro per comprendere la dipendenza. Questo nuovo quadro fornisce una nuova definizione della dipendenza stessa come decisioni prese a causa delle modalità di fallimento nel sistema decisionale "(pag 433).

Essi suggeriscono che il loro "quadro in cui i fallimenti nel processo decisionale" per la comprensione della dipendenza possono anche contribuire a migliorare la nostra comprensione dei disturbi psichiatrici (pagina 434). In realtà, questo è il punto di partenza di Chrisoula. Scrive: "Nello spirito di riflettere sul significato e la portata della loro ricerca, sviluppo brevemente l'idea che il loro quadro possa anche contribuire a migliorare la nostra comprensione del pervasivo problema della procrastinazione" (pagina 440).

Ecco uno schema delle sue idee, seguito da alcune delle mie ipotesi alternative.

Innanzitutto, affronta i problemi relativi alle vulnerabilità nel sistema di pianificazione.

  1. Chrisoula inizia con la vulnerabilità n. 9 nel sistema di pianificazione (processi di attualizzazione eccessivi) collegando la procrastinazione a uno sconto problematico. Scontiamo l'utilità futura di un'azione che a volte richiede un'inversione di preferenza. In altre parole, le azioni che hanno ricompense in futuro sono considerate meno importanti, hanno meno utilità (anche quando non lo fanno) e finiamo per preferire un'azione a breve termine con una ricompensa più stretta (ma più piccola e più speciosa).
  2. Collega qui l'idea di preferenze intransitive alle vulnerabilità nel processo decisionale. Il suo classico esempio è il fumatore che ama fumare ma apprezza anche la salute. C'è il desiderio di smettere di fumare, ma è sempre visto come un giorno da ora (come sicuramente un altro giorno non sarà la rovina della salute dell'individuo). È possibile ottenere i dettagli su questo al mio precedente riassunto del suo lavoro.
  3. Inoltre collega questo nuovo quadro alla paura di fallire e procrastinare, osservando che la paura di fallire può anche essere il risultato di un fallimento nel processo decisionale. Ad esempio, la paura di fallire potrebbe derivare da un eccesso, anche ossessivo, che si concentra su un possibile risultato per una situazione. (I medici si riferiscono a questo come pensiero irrazionale, mentre all'interno di questo quadro Chrisoula lo collega a specifiche vulnerabilità nel processo decisionale.)

Quindi specula sulle vulnerabilità nel sistema di abitudini.

Sempre attingendo al suo tema principale delle strutture di preferenza intransitive, sostiene che se le nostre preferenze intransitive ci spingono a ripetere azioni apparentemente trascurabili ma cumulativamente distruttive (ad esempio, fumare, mangiare grassi trans, evitare l'esercizio fisico), una vulnerabilità basata sull'abitudine può essere stabilita cima a questa vulnerabilità di pianificazione. Ciò significa, ovviamente, che affrontare la procrastinazione legata alle vulnerabilità sia nei sistemi di pianificazione che in quelli di abitudine comporterà un cambiamento consapevole della pianificazione e una "revisione" delle nostre abitudini affinché i nuovi piani diventino una seconda natura.

I miei commenti e una prospettiva alternativa
Non possiamo essere altro che colpiti dal quadro presentato da Redish e dai suoi colleghi. È quello che intendevano, una teoria unificata del processo decisionale per la comprensione della dipendenza.

La prospettiva di Chrisoula sulla procrastinazione con strutture preferenziali intransitive si inserisce bene in questo modello esplicativo, poiché anche lei prende un approccio fortemente decisionale al suo modo di pensare. Infatti, inizia la sua discussione sulla procrastinazione in relazione a questo quadro dicendo "il modello più consolidato di procrastinazione collega la procrastinazione a processi di attualizzazione problematici" (pagina 440). Questa non è una semplice asserzione, né completamente accurata.

In realtà, non sono d'accordo sul fatto che questo sia il modello più consolidato. Sebbene sia ben documentato che i tossicodipendenti scontano più velocemente dei non-tossicodipendenti e l'impulsività è legata alla procrastinazione, una revisione della letteratura psicologica rivela che avversione al compito e "cedere per sentirsi bene" (l'incapacità di autoregolamentare il comportamento a favore dell'immediato riparazione emotiva) può essere un modello più consolidato e più parsimonioso di procrastinazione.

Dalla mia lettura di questo quadro, penso che la vulnerabilità # 8 possa essere un problema chiave con la procrastinazione. La vulnerabilità 8 è la "Inibizione selettiva del sistema di pianificazione". Come Redish et al. Scrivi, "Il sistema di abitudine è inflessibile, reagisce rapidamente, 'senza pensare', mentre il sistema di pianificazione è altamente flessibile e consente la considerazione delle possibilità" (p.425). Penso che varrebbe la pena indagare fino a che punto "cedere per sentirsi bene" è un'abitudine per procrastinatori cronici che creano una situazione in cui il sistema di pianificazione è inibito mentre l'individuo semplicemente reagisce alle emozioni negative generate da un compito avversivo con un'azione da fare loro si sentono meglio. La loro abitudine è di fare riparazione emotiva quando affrontano compiti che non godono. Non è che gli individui stanno scontando l'utilità di un'azione prevista che poi porta alla procrastinazione, non arrivano nemmeno lì! L'intero sistema di pianificazione è inibito dalla risposta abituale di "cedere per sentirsi bene". Naturalmente, questa abitudine mina l'azione verso obiettivi a lungo termine che il sistema di pianificazione potrebbe rendere possibile, un problema chiave con la procrastinazione.

Alla fine, tutta questa speculazione attende ulteriori ricerche. Redish e colleghi riconoscono i molti aspetti incompleti della loro struttura e riconoscono che il quadro decisionale presenta un paradigma di ricerca. Terminano il loro lavoro con una lunga lista di studi futuri, possibili variabili alternative e processi da considerare. Questa è la natura della scienza. Sono sicuro che vedremo molte più ricerche che esplorano la dipendenza, l'insuccesso dell'autoregolamentazione e il problema quotidiano e pervasivo della procrastinazione discussa in questi termini in futuro.

Riferimenti
Andreou, C. (2008). Dipendenza, procrastinazione e punti di fallimento nei sistemi decisionali. Scienze comportamentali e cerebrali, 31, 439 – 440.

Redish, AD, Jensen, S., & Johnson, A. (2008). Un quadro unificato per la dipendenza: le vulnerabilità nel processo decisionale. A 415 – 487.

Solutions Collecting From Web of "Un quadro unificato per la dipendenza: le vulnerabilità dei processi decisionali e la procrastinazione"