Un punto di svolta per DSM 5

Fino ad ora, la leadership della American Psychiatric Association ha ostinatamente difeso l'indifendibile proposta del DSM 5 che avrebbe trasformato il normale dolore in depressione clinica. L'APA ha tranquillamente ignorato le prove scientifiche contrarie; l'opposizione unificata di 47 organizzazioni professionali; 2 editoriali eloquenti su Lancet; e articoli critici in oltre 100 giornali di tutto il mondo. Le scarse argomentazioni contrarie offerte dalla leadership dell'APA e del DSM 5 rivelano quanto abbiano perso il contatto con il buonsenso clinico, con la più ampia comunità di professionisti della salute mentale e con il pubblico in generale.

Recentemente, la dott.ssa Joanne Cacciatore ha scritto un blog in movimento che si oppone al piano DSM 5. In pochi giorni, aveva attirato inaspettatamente oltre 100.000 spettatori. Incoraggiato dalla dimostrazione di un supporto travolgente, il Dr Cacciatore ha ora scritto una potente lettera agli Amministratori dell'APA chiedendo loro di agire immediatamente per proteggere il normale dolore da una medicalizzazione inappropriata del DSM 5.

Penso che la sua lettera potrebbe essere il punto di svolta cruciale nello sviluppo del DSM 5. Se gli amministratori dell'APA rispondono positivamente e finalmente esercitano un'adeguata governance del DSM 5 su questo punto, possono sentirsi autorizzati a rivedere e revisionare altri DSM ugualmente imprudenti 5 proposte. Se, invece, gli amministratori fiduciari si appoggiano di nuovo in fila dietro questa proposta irrimediabilmente folle, è improbabile che il DSM 5 sia mai un sistema di diagnosi psichiatrica sicuro o scientificamente valido.

Ecco la lettera del Dr Cacciatore:

"Lettera aperta al Board of Trustees della American Psychiatric Association e alla DSM 5 Task Force"

"Due settimane fa, ho scritto un blog che si opponeva alla proposta del DSM 5 per ridurre l'esclusione dal lutto del DSM IV".

"Questo blog è diventato virale nel modo più incredibile: 100.000 lettori nelle prime settimane. Sembra che questa proposta sia vissuta come un insulto oltraggioso proprio dalle persone che intende aiutare. "

"Ho più di sedici anni di esperienza nel trattare con decine di migliaia di persone in lutto i cui figli muoiono o stanno morendo a qualsiasi età e da qualsiasi causa. Per quanto ne so, non esiste una posizione empirica per il calendario arbitrario di due settimane, e quindi questa proposta non solo contraddice il buon senso comune, ma si basa anche su deboli prove scientifiche ".

"Una cosa in cui la letteratura è chiara: il disagio psicologico a lungo termine è comune in questa popolazione e in altre popolazioni che soffrono di morti traumatiche. Nella mia esperienza sia come ricercatore e clinico nel campo che come genitore in lutto, la proposta del DSM 5 è radicale, inutile, sfida ciò che significa essere umano, e per alcuni può essere pericoloso ".

"Quelli con gravi sintomi depressivi distinguibili dal normale dolore possono già essere diagnosticati non appena necessario utilizzando i criteri del DSM IV. Al contrario, il DSM 5 richiederebbe una distinzione tra dolore normale e lieve depressione poco dopo la morte di una persona cara che è spesso impossibile da discernere anche per i clinici più esperti. Il DSM 5 potrebbe benissimo creare falsi positivi problematici – e quindi causare ulteriori danni, a una popolazione già vulnerabile. Ci sono molti altri motivi per cui ci opponiamo a questi cambiamenti, molti dei quali sono delineati nel mio blog ".

"La nostra organizzazione internazionale (MISS Foundation) ha 77 capitoli in tutto il mondo e ha aiutato innumerevoli famiglie in lutto e i professionisti che li servono. Tutti i nostri servizi sono gratuiti e siamo un'organizzazione basata sul volontariato. Il nostro sito riceve più di un milione di visite al mese e abbiamo 27 gruppi di supporto online. Ci opponiamo a questo cambiamento con le nostre menti, con i nostri cuori e con i nostri numeri ".

"Parlo a nome delle famiglie in lutto della MISS Foundation: se il DSM 5 dovesse ignorare ostinatamente le prove e la crescente opposizione professionale e pubblica, la nostra ultima alternativa sarà quella di chiedere un'azione più diretta – a breve termine, la nostra organizzazione radunerà il supporto dei leader del Congresso; a più lungo termine, non avremo altra scelta che unire un boicottaggio concertato contro l'uso del DSM 5 nel trattamento delle famiglie in lutto che devono affrontare la morte di un bambino ".

"La trasparenza del processo è anche importante. Si prega di rispondere prontamente con un'indicazione dei passi successivi e del calendario nel processo di revisione dell'APA; qual è la tabella organizzativa per prendere questa decisione; su quali basi sarà fatto; quando sarà annunciato; e c'è un processo di appello? "

"A nome di centinaia di migliaia di persone in lutto in tutto il mondo, ti imploro di invertire questa decisione mal concepita e inutile. Più di 100.000 lettori e spero di sentirti presto. "

Grazie, dottor Cacciatore. Fino ad ora, la dirigenza dell'APA non ha fornito alcuna direzione, creando un vuoto che ha permesso al DSM 5 piena libertà di tracciare il suo corso rischioso. Ma la competenza può arrivare da molti e inaspettati quartieri – in questo caso arriva nella forma sorprendente di una effusione spontanea da parte di 100.000 persone che comprendono il tema del lutto dall'interno. La proposta di lutto per il DSM 5 non è mai stata necessaria, non ha senso, è del tutto gratuita e ha posto la psichiatria nella peggiore luce possibile. La difesa sbagliata dell'APA semplicemente non ha alcuna trazione e ha già inflitto un colpo inutile alla credibilità della psichiatria.

La lettera ben motivata del dott. Cacciatore è un chiaro (e forse definitivo) richiamo agli amministratori dell'APA. È passato molto tempo da loro per fare alcuni test di realtà e anche per mostrare un certo senso di colpa e una governance responsabile. La psichiatria è una professione essenziale e meravigliosa che merita una leadership molto migliore di quella che ha ricevuto finora nel fiasco del DSM 5. Si è arrivati ​​ad un momento, ora o mai, per i leader dell'APA, per arrivare finalmente a placcare e limitare l'eccesso di DSM 5. Non dovrebbero costringere coloro che cercano un DSM sicuro 5 agli estremi dell'azione politica o del boicottaggio. Questo è il punto di svolta per la leadership dell'APA, forse la sua ultima possibilità di impostare il DSM 5 nel modo giusto.

Solutions Collecting From Web of "Un punto di svolta per DSM 5"