Un programma di storia orale per raccontare storie di veterani

Ed Tick, fondatore di Soldier's Heart, sostiene (in modo persuasivo, secondo me) che l'America ha fallito i suoi veterani. Non solo il governo – tutti noi.

Ai soldati dovrebbe essere chiesto di combattere solo nelle guerre per proteggere il nostro paese, dice. E poiché viene loro chiesto di uccidere, dovrebbero esserci rituali sociali per proteggerli emotivamente prima che lo facciano. E quando tornano a casa, dovrebbero esserci cerimonie di purificazione.

"Innumerevoli americani che hanno prestato servizio nelle nostre guerre motivate politicamente ed economicamente si sono rotti perché hanno tradito lo scopo e il codice del guerriero, perché la guerra non era indiscutibilmente e puramente difensiva, perché la società e il governo rifiutavano i loro compiti e giudicavano e incolpavano i veterani per il loro problemi successivi e perché sia ​​il governo sia i cittadini hanno rifiutato la responsabilità collettiva ", ha scritto Tick nel suo ultimo libro, Warrior's Return: Restoring the soul after war.

Dopo la guerra, i veterinari si sentono isolati. Non parlano di quello che hanno fatto (o non hanno fatto) perché sentono di aver violato il nostro codice morale. E non chiediamo loro cosa hanno fatto (o non hanno fatto) perché abbiamo paura di ciò che potremmo imparare.

In altre culture, tuttavia, i guerrieri vengono celebrati per quello che hanno passato, il che rende più facile per loro sentirsi accettati nella società.

Ciò è particolarmente vero tra i nativi americani delle Grandi Pianure, che erano spesso in guerra con i loro vicini e in seguito con truppe federali. L'intera tribù sentì la responsabilità collettiva di raggiungere i propri guerrieri, Frank Fools Crow, capo cerimoniale dei Lakota Sioux, disse all'autore Thomas Mails a metà degli anni '70.

"Così tanti che sono andati in guerra sono tornati a casa feriti e menomati", ha detto. "Gli altri erano fisicamente bene, eppure non erano mai più tornati allo stesso livello. Una persona non può tornare facilmente alla vita normale una volta che è stato in quel tipo di guerra.

"Gli anziani di quei giorni lo capivano", ha aggiunto Fools Crow. "Sapevano molto bene com'era tornare a casa dopo aver combattuto contro altre tribù e bianchi indiani. Così, mentre i veterani tornavano a Pine Ridge (SD), gli anziani e gli altri leader religiosi facevano quello che potevano per restaurarli e rinnovarli. Hanno dato ai veterani i bagni di sabbia, che purificavano e purificavano i loro corpi e le loro anime; il miglior cibo disponibile; e hanno parlato con loro per giorni e giorni. "

In una certa misura, questo è ciò che la VA sta facendo attraverso un affascinante programma pilota guidato a Madison, Wis., Da un poeta e consigliere, Thor Ringler.

In sostanza, i consulenti del William S. Middleton Memorial Veterans Hospital di Madison si resero conto che non avevano davvero il tempo di conoscere i loro pazienti, quindi Ringler iniziò a intervistare i veterinari che erano disposti a partecipare e che producevano storie orali da includere come parte delle loro cartelle cliniche.

"Ho iniziato a rendermi conto di quanto siano importanti le storie dei veterinari quando ero un tirocinante presso il centro veterinario", mi ha detto Ringler. "Fanno una storia militare abbastanza approfondita, e ho capito che quelle storie erano davvero importanti per me per essere in grado di conoscere l'esperienza del veterinario. Ho imparato tanto da quelle piccole storie.

"Poi, quando la sovvenzione è diventata disponibile (dall'ufficio VHA di cura centrata sul paziente e trasformazione culturale), mi sono reso conto che sarebbe stata un'enorme opportunità per raccontare quelle storie in modo onesto", ha aggiunto.

Il programma, intitolato "La mia vita, la mia storia, è iniziato nel 2013. Da allora, Ringler e un gruppo di circa 20 volontari hanno intervistato circa 1.000 veterani sulle loro esperienze militari. Scrivono le interviste, che in genere richiedono circa un'ora, e poi le rileggono ai veterinari per assicurarsi che siano una riflessione accurata e onesta.

"È un'esperienza emozionante per molti veterinari sentire le loro storie leggere a loro, ma è anche un'esperienza umiliante per me", ha detto Ringler.

Un principio guida è che gli intervistatori non indagano su questioni che i veterinari non sono disposti a discutere, ma Ringler dubita che molto sia trattenuto.

"C'è più onestà di quanto avrei mai immaginato", ha detto. "Le persone parlano delle loro relazioni e ammettono di essere parte dei loro problemi e accettano la loro tristezza per ciò che è accaduto. Non penso che la gente mi dica tutto, ma mi dicono tanto quanto si fidano della mia volontà di essere una forza non giudicante. "

Oltre a far parte della cartella clinica, vengono fatte delle copie per le famiglie e gli amici dei veterinari. E alcune storie orali sono anche pubblicate sulla pagina Facebook dell'ospedale:

www.facebook.com/MadisonVAHospital.

Recentemente, il programma "La mia vita, la mia storia" si è espanso in altri sei siti nel VA: Ashville, NC; Bronx, NY; Iowa City, Iowa; Reno, Nev .; Topeka, Kan .; e White River Junction, Vt.

"Le storie di veterani, se abilmente elaborate e create con cura, offrono agli operatori un'opportunità per conoscere meglio i loro pazienti, senza interferire con il loro tempo", hanno scritto Ringler e quattro coautori l'anno scorso nel "Federal Practitioner". "Per i veterani, l'esperienza di essere intervistato e la consapevolezza che la loro storia sarà condivisa con i fornitori è un importante riconoscimento che contano e hanno voce nelle loro cure mediche ".

Venire nel nostro prossimo blog sarà la storia dolorosa che un veterinario ha condiviso con il VA e come si è sentito a rendere pubblica un'esperienza così dolorosa.

Solutions Collecting From Web of "Un programma di storia orale per raccontare storie di veterani"