Un problema di virilità

David Brooks, uomo-macho e cronista del New York Times , ha accusato il presidente Barack Obama di avere un "problema di uomo". Su Meet the Press, Brooks ha detto:

"E diciamocelo, Obama, meritatamente o meno, ha un – lo dirò rozzamente – ma un problema virile in Medio Oriente. È abbastanza duro da resistere a qualcuno come Assad o qualcuno come Putin? Penso che gran parte del rap sia ingiusto, ma certamente in Medio Oriente c'è il presupposto che non sia abbastanza duro. "

Ma quando si tratta di politica, tutti noi soffriamo di un "problema di virilità". E quel problema è che la "virilità" funziona allo stesso modo "felice e contento". Ci assicura che un principe audace arriverà e ci terrà al sicuro con la sua possente spada / simbolo fallico. Nelle nostre vite romantiche, questa fantasia può farci aspettare che qualcun altro sia responsabile della nostra felicità e del nostro benessere o di risentirci dei nostri consorti perché non hanno davvero poteri magici e quindi non possono davvero renderci eternamente felici e al sicuro. Nel mondo politico, questa fantasia è ancora più pericolosa.

Alcuni dei "più umili" politici hanno creato guerre senza causa, reso miserevoli le vite per donne, bambini, gay e tutti gli altri che non sono "abbastanza uomini" e generalmente creano il caos nel mondo. Il machismo non è un sostituto per la politica estera, anche se Brooks vuole fantasticare su Obama che piomba su un cavallo bianco e lo spazza via in un futuro in cui uomini forti ci proteggono dal pericolo.

Se Brooks vuole davvero un politico virile, forse dovrebbe dare un'occhiata al molto virile Vladimir Zhirinovsky della Russia. Zhirinovsky, da tempo noto come nazionalista e pazzo, è anche un politico rispettato. È un leader dell'omonimo Partito Liberal Democratico. Quando viene interrogata da una giornalista di Russia Today, Stella Duboviskaya, sul divieto dell'Ucraina agli uomini russi, comincia a gridare che c'è una bestia tra le gambe delle donne ucraine, che sono in delirio per gli uomini russi che parlano con la bocca, e poi dice i suoi aiutanti violentano violentemente il reporter. Spinge un aiutante a dirle: "Baciala!" E anche "Cristo è risorto!". Quando un altro reporter si mette di fronte a Duboviskaya per proteggerla, Zhirinovsky chiama quella giornalista una lesbica e dice che sarà licenziata. Alla fine dice al primo reporter, che è incinta, che dovrebbe essere a casa, con i suoi figli.

Mi chiedo se questo è abbastanza uomo per il signor Brooks? Dopotutto, nella piccola acrobazia di Zhirinovsky abbiamo tutta la politica basata sul machismo in una sola tirata apparentemente priva di senso. Il primo Zhirinovsky trasforma i suoi nemici in una specie di pervertiti sessuali e bestie animali. Queste tecniche di alterazione sono seguite da una minaccia di violenza per ogni donna che contesta la sua autorità maschile, una creazione di nemici interni segnando l'altra giornalista come lesbica e una minaccia, e tutto ciò legato a un'esuberanza patriarcale con Cristo è risorto gridato a Risen significa l'importanza del cristianesimo ortodosso, una religione misogina per eccellenza.

Certo, è facile liquidare un buffone come Zhirinovsky, ma quando i giornalisti rispettati per pubblicazioni rispettabili come il New York Times vogliono che un grande uomo venga a salvarli dai loro nemici, è ora di interrompere questa favola. Obama non ha un problema virile. Brooks lo fa. E così facciamo anche noi, aspettando che il principe / politico si precipiti e ci salvi. Invece di fantasticare su qualcosa che si è rivelata un disastro più e più e più volte, perché non fantasticare su un futuro politico in cui gli uomini non cercano di superarsi a vicenda nel loro odio per tutte le cose non umane. In questo futuro, nessun nemico, interno o esterno, viene creato attraverso un processo di genere e sessualità, ma tutti gli umani lavorano insieme per creare soluzioni a problemi complessi. Oh, e finchè stiamo fantasticando, Brooks si dimette dal New York Times e assumono una femminista per sostituirlo.

Solutions Collecting From Web of "Un problema di virilità"