Un Picasso può guarirti

L'artista russo Alexander Melamid ha aperto la vetrina al suo Art Healing Ministry a SoHo New York una mattina di fine maggio, gli ho consegnato un biglietto da visita per il mio studio di psichiatria a New York, dove ho sviluppato la mia versione di guarigione artistica. I suoi occhi riflettevano l'umorismo nel mio mentre rivelavo le nostre parallele incursioni nella guarigione dell'arte, e subito mi invitò a fare un cenno in un caffè vicino. Co-fondatore con Vitaly Komar del movimento Sots Art in Unione Sovietica negli anni '70, Alex ora è un newyorkese sessantacinquenne con capelli come Einstein, noto per insegnare agli elefanti a dipingere in Tailandia e, più recentemente, per i suoi ritratti di star del rap Kanye West, 50 Cent e altri.

Mentre eravamo seduti al bar, abbiamo parlato della capacità dell'arte di guarire e del potere dell'effetto placebo. Immediatamente ho cominciato a chiedermi se ciò che avevamo definito autonomamente la guarigione dell'arte potesse essere un meme moderno, una forma di pensiero del ventunesimo secolo il cui tempo era giunto.

Ho appreso per la prima volta della connessione tra il lavoro di Alex e il mio mentre leggevo del suo ministero in un articolo del New York Times intitolato "Può un Picasso curarti?" Dall'articolo ho compreso la pratica che ha chiamato arte curativa per essere un umoristico, finto -trattamento terapeutico sotto forma di interazioni esagerate con opere d'arte. Alcuni esempi della terapia ironica di Alex includevano chiedere al paziente di vedere un dipinto di Jackson Pollock per liberarli dalla colite ulcerosa, avere un paziente che fissava il busto della testa di una donna per curare la ritenzione urinaria e proiettare varie opere d'arte su una paziente corpo per effettuare la guarigione generale.

Attraverso questi e altri trattamenti proposti, ci sta chiedendo di ripensare a ciò che accettiamo come ragione e verità e di esaminare quale impatto possano avere le nostre aspettative sui risultati delle nostre inchieste.

Tornato alla sua clinica di negozio, Alex mi ha fatto indossare un dispositivo che ha chiamato Art Blocker, un pesante quadrato nero che si trova dietro la testa e viene tenuto in posizione da una cinghia intorno alla fronte. Questo quadrato impedisce alle particelle di arte putativa che ha chiamato "creatoni" di passare attraverso la testa di un osservatore come la radioattività, e invece le dirige verso il cuore dello spettatore, dove possono essere completamente assorbite e assimilate per una maggiore guarigione.

Alex ha scattato foto di me ridendo fragorosamente mentre indossava l'Art Blocker e prestando attenzione attenta a un'opera di arte pop di Roy Lichtenstein appesa al muro.

Prima di andarmene, accettai che la considerazione di tutti questi principi meritasse attenzione. Ma dovevo spingermi a essere ricettivo nei confronti di Alex, i trattamenti chiaramente assurdi e i meccanismi di azione stranamente concepiti.

Avendo praticato la guarigione dell'arte come parte del mio lavoro psichiatrico per anni ho osservato come interagire con l'arte catalizza la guarigione emotiva e, in coppia con altri trattamenti, aiuta a mantenere la libertà da depressione, ansie, compulsioni e altri comportamenti potenzialmente distruttivi. Quindi inizialmente mi preoccupavo che, a seguito delle buffonate di Alex, la guarigione artistica potesse essere relegata a una battuta furba, seppur intelligente, sulla nostra corsa collettiva ad acquistare salute attraverso tonici, elisir, dottori, antidecettori, supercibi e trattamenti alternativi. Peggio ancora, ho esitato dal suggerimento di Alex che è necessaria una grande convinzione per scoprire la verità, anche quando si tratta del metodo scientifico.

Anche così, mi è piaciuto incontrare con lui e sto cominciando a vedere che c'è davvero qualcosa in questa versione spensierata di guarigione artistica, dopo tutto. Desiderando di avere più occasioni per ridere così profondamente come ho fatto nella clinica di Alex, tornerò per esplorare ulteriormente ed espandere il nostro comune interesse per la guarigione dell'arte e per coltivare la nostra amicizia.

Alexander Melamid and Jeremy Spiegel

Godendo il viaggio di gioiosa sincronicità, sono certo che il potere terapeutico dell'arte può emergere da diverse angolazioni sulla sua traiettoria alla genuina guarigione.

Solutions Collecting From Web of "Un Picasso può guarirti"