Un nuovo sguardo ai genitori millenari (parte 2)

Nel mio precedente articolo, ho esaminato ciò che il sondaggio genitoriale da Zero a Tre millenario ci stava raccontando di come si sente il più grande gruppo di americani che attualmente gestiscono i propri figli e che cosa sta affrontando nel compito di crescere la prossima generazione e che può , in un mondo che è molto diverso da quello in cui è stato sollevato. Le preoccupazioni per il denaro, la sicurezza, l'enormità della responsabilità di crescere i figli quando stanno crescendo così velocemente e l'incertezza su dove rivolgersi per chiedere aiuto erano nel suo elenco di preoccupazioni. I Millennials, tuttavia, hanno apprezzato il sostegno che trovano tra i loro coetanei e si divertono molto a capire chi è il loro bambino nella loro vita e famiglia. Ecco ulteriori approfondimenti e suggerimenti su come questo gruppo di genitori può trovare supporto.

  • Rispetto ai loro genitori, i millennial si sentono orgogliosi delle loro credenze liberali, maggiore tolleranza e risultati educativi. Progettano di avere meno figli, li hanno in seguito e sono più informali sugli impegni matrimoniali, come si è visto nel loro numero relativamente elevato di "convivenze non pianificate" che portano alla genitorialità. Si vedono anche come più fortemente impegnati nel coparenting rispetto ai loro genitori, almeno dal punto di vista ideologico.
  • I millennial sono più propensi dei loro genitori a dire che i loro figli sono i loro migliori amici, e vogliono il rispetto dei loro figli, non la loro paura, il che è particolarmente vero tra le mamme. Non sorprende che le mamme, in particolare, abbiano difficoltà a stabilire dei limiti, specialmente quando i loro figli spingono i loro bottoni e combattono per mantenere il controllo emotivo. Sono turbati dai consigli contrastanti su come gestire tali momenti, trovando i loro amati motori di ricerca meno utili, nonostante la loro disponibilità perpetua.
  • I Millennial si considerano più affettuosi, impegnati, presenti e giocosi dei loro genitori. Ma sono turbati da quanto spesso si sentano giudicati come genitori difettosi (specialmente i padri) nelle loro comunità e nei loro matrimoni. Le mamme sono meno preoccupate di essere giudicate negativamente dai loro partner.
  • Parlando di papà millenari, mentre le mamme ei papà nel sondaggio concordavano sul fatto che i padri non ottengono sufficiente apprezzamento o sostegno per il loro coinvolgimento (che entrambi vedono come migliorato rispetto alle loro famiglie di origine), tre volte più papà che le mamme dissero che " mi piace ancora più coinvolgimento. Sembra che le mamme stiano ancora facendo il gatekeeping più di quanto non credano o ammettano, e sta causando tensione, specialmente considerando quelli che credono siano i benefici del buon co-marketing.

Con tutto questo in mente, ecco alcune cose da considerare.

  1. Pensa attentamente a essere il migliore amico di tuo figlio. Ne hai già alcuni, come loro, ma i genitori disposti a fare le cose difficili sono difficili da trovare e insostituibili.
  2. Facilità su gatekeeping, mamme ed essere pronto con la lode. Il ritorno sull'investimento, per così dire, è considerevole.
  3. Utilizzare buoni siti Web per consigli sui genitori come risorse. Chiedi al tuo pediatra o ad amici fidati o dai miei preferiti: zerotothree.org, parents.com, AFWI.org (Alberta Family Wellness Initiative), sesame.org e aap.org (American Academy of Pediatrics).

Il Dr. Kyle Pruett è Professore Clinico di Psichiatria Infantile presso la Yale School of Medicine e Educational Advisory member di The Goddard School, un franchising di educazione della prima infanzia e principale insegnamento dell'apprendimento prescolare attraverso il gioco (www.goddardschool.com).

Solutions Collecting From Web of "Un nuovo sguardo ai genitori millenari (parte 2)"