Un naso lontano dal bello

David Levine photo, "Catchlights"/Flickr
Fonte: foto di David Levine, "Catchlights" / Flickr

Oltre alla sua funzione critica nell'odore e nella respirazione, il naso marcato con la sporgenza cartilaginea è stato a lungo cruciale nelle considerazioni sulla bellezza umana. E come potrebbe non essere così, quando si trova nel centro della tua faccia, letteralmente "distinguersi" da altre caratteristiche. In effetti, sia nell'arte che nella vita, la curiosa estetica del naso è stata per millenni un argomento di particolare interesse (vedi Enciclopedia culturale del corpo , p.360).

Ironicamente, meno il naso è prominente, meglio è. Vale a dire, il cosiddetto "naso perfetto" è quello che richiama meno attenzione possibile a se stesso. Come molti chirurghi estetici concordano, idealmente gli occhi, le guance e le labbra di una persona sono ciò che più dovrebbe attirare lo sguardo di chi guarda. Ma se il naso sembra essere sovradimensionato, o fuori di testa con il resto della propria faccia, l'attenzione di un altro si centrerà invece sulla propria proboscide. E una tale distrazione non è affatto favorevole alla loro stima dell'aspetto.

Ciò che è così deplorevole qui è che non meno di 14 tipi di nasi sono stati identificati (vedi Abraham Tamir, 2011). E in realtà quasi tutti, o le loro varianti, non riescono ad essere in perfetto equilibrio e armonia con il resto della faccia. In un certo senso, tale perfezione, paradossalmente, potrebbe essere vista come un'aberrazione.

Scaachi Koul è uno scrittore che, tristemente, riprende questo argomento preoccupante. E la sua eccellente visione d'insieme si concentra (come fa la maggior parte della letteratura popolare) specificamente sui nasi delle donne :

Non importa dove siamo, o chi pensiamo di essere, gli standard di bellezza per i nasi sono ancora notevolmente ristretti. . . . Non c'è da stupirsi che stiamo ancora cercando di nascondere il nostro naso. . . . Poche culture gradiscono o accettano un naso [sproporzionatamente] grande. Nessuno vuole uno storto. Qualunque cosa troppo ampia, troppo svasata, è facilmente scartata come poco attraente. . . . Questo è vero per quasi tutti, ma doppiamente vero per le donne, per le quali qualsiasi cosa fuori misura o fuori dall'ordinario viene esaminata e scelta separatamente. In effetti, il miglior naso, per le donne, è quello che a malapena si nota. . . . [Sono] francamente, relativamente anonimi [o, potrebbe essere aggiunto, non-etnico ]. ("Quando il naso avrà il suo momento di bellezza?", BuzzFeedNews, 11 luglio 2016.)

Ciò a cui questa caratterizzazione suggerisce è che è molto più facile avere un naso che, beh, lascia qualcosa a desiderare che essere dotato di uno che si armonizza magnificamente con le altre caratteristiche del viso. Perché realisticamente, quali sono le probabilità che il tuo naso non abbia una sorta di protuberanza, leggermente inclinato, uncinato, allungato o eccessivamente prominente, bulboso, snobbato, aquilino o falco. . . o anche uno che sporga così in modo così evidente che potrebbe essere facilmente caricaturale come quello di Richard Nixon?

Indubbiamente, su questo pianeta così imperfetto, il naso imperfetto ha e avrà la meglio. Ed è per questo che è così triste che un gran numero di noi rimanga consapevole di ciò che non possiamo non considerare sfacciatamente come i nostri "becchi imperfetti", in particolare come visto di profilo (e maledice quell'individuo insensibile che ha inventato lo specchio nel primo posto!). È affascinante che il naso femminile perfetto sia stato effettivamente etichettato come "celestiale", come in paradiso o, meglio, non di questa terra.

E alcune etnie sembrano particolarmente svantaggiate dalle loro strutture nasali. Quindi, per esempio, Koul, citando Natalie Bullock Brown, attualmente lavorando su un documentario relativo a come gli ideali occidentali di bellezza influenzano le donne nere, la cita come segue:

Più le caratteristiche di una donna di colore sono diventate africane, meno è probabile. . . lei sarà considerata bella o attraente. . . . Un naso piccolo, proprio come una piccola struttura del corpo, e imbronciato, anche se sono labbra carnose, dovrebbe essere delicato, e gioca completamente nell'idea distorta di cosa significhi essere femminile.

In diverse sezioni di commenti online dedicati al naso, ho incontrato un altro grave disservizio che – i giovani in particolare, i cui nasi si discostano in modo significativo dalle norme comunitarie – deve spesso contendersi: vale a dire, presa in giro verbale e bullismo. Nel passaggio seguente, considera il danno psicologico che anche le osservazioni apparentemente "innocenti" dei bambini possono avere sulla propria immagine di sé:

Hump Nose/Wikipedia Commons
Fonte: Hump Nose / Wikipedia Commons

In quinta elementare, mentre ero in classe, una quarta elementare seduta accanto a me disse: "Wow your nose [s] shadow ti fa sembrare una strega, ma senza la verruca". . . Questo è un commento che ho provato a lasciar andare [di], ma fallire [ed]. Non ha mai aiutato il resto della [mia] famiglia. . . non condivido lo stesso naso romano che faccio. Nei miei anni preadolescenti, mi è stato costantemente detto in tono canzonatorio di non uscire con un ragazzo con un grande naso perché se ci baciassimo potremmo curiosare a vicenda. . . . Il mio naso imperfetto e auto-percepito mi ha ossessionato (tratto da "Conversazioni su Facebook" dopo l'articolo di Koul sopra elencato).

Inoltre, anche se è generalmente riconosciuto che la bellezza è soggettiva, in realtà non è così soggettiva. Ruth Graham, nel suo pezzo "Chi combatterà i pregiudizi di bellezza?" (Boston Globe, 23/08/2013), osserva ironicamente:

Come suoni soggettivi come "bellezza", gli esseri umani concordano in misura notevole su chi è attraente e chi no. La bellezza, a quanto pare, non è negli occhi di chi guarda. In generale, significa caratteristiche femminili per le donne, come gli occhi grandi e una faccia rotonda, e caratteristiche maschili per gli uomini, come una mascella quadrata. Anche ai neonati è stato mostrato di preferire lo sguardo ai volti che gli adulti sono d'accordo.

E questo autore continua citando Connor Principe, un professore di psicologia alla Pacific University, che considera queste preferenze come "intrise sia all'interno che attraverso le culture, anche quelle che presumibilmente hanno standard di bellezza radicalmente diversi".

Forse la cosa più sfortunata in tutto questo è che la ricerca ha ripetutamente dimostrato che le persone attraenti – e tanto altro, è il loro naso che sembra determinare questo verdetto favorevole – sono "beatificate" con l'effetto alone. Per questo motivo, non guadagnano semplicemente salari più alti rispetto alle loro coorti più dall'aspetto medio, o hanno più successo nell'applicare prestiti bancari, o hanno meno probabilità di avere una giuria che li convinca di un presunto crimine. In genere sono percepiti come moralmente superiori (la ricerca ha dimostrato che non è vero).

Un mio post precedente, "C'è qualcosa di non etico riguardo alla bellezza?", Tocca questo argomento provocatorio. E come riporta Graham, siamo inclini a vedere le persone attraenti come "più sane, più amichevoli, più intelligenti e più competenti di noi" e (prendi questo) "anche i gemelli identici si giudicano l'un l'altro dal loro parente bellezza ", suggerendo che anche le minime discrepanze tra le facce possono avere un effetto maggiore sulle nostre percezioni.

Ritornando all'articolo seminale di Scaachi Koul sulla visione contemporanea dominante del naso, questo giornalista sottolinea con forza che molti aspetti della forma femminile stanno subendo una revisione positiva. . . tranne, cioè, per il naso. Con le sue stesse parole:

Quasi ogni segno di bellezza vagamente etnico ha attraversato un momento online di gloria e adorazione. . . . Il movimento di positività del corpo è forse la versione più incoraggiante dell'autoaccettazione, dove le donne grasse – o, francamente, le donne di qualsiasi forma stanche di sentirsi dire che c'è qualcosa di sbagliato in loro – stanno celebrando i loro corpi. Ma il naso, o almeno quelli di noi con il naso grande, largo e storto che non sono mai stati glorificati, o feticizzati, o romanticizzati, devono ancora trovare un simile risveglio [enfasi aggiunta]. Il naso è ancora considerato un difetto in innumerevoli comunità, un problema che deve essere risolto rompendo e rimodellando. E il naso, indipendentemente da dove ti trovi nel mondo, ha quasi sempre bisogno di essere snello, raffinato e piccolo . Nel 2015. . . sono stati eseguiti oltre 200.000 "rimodellamenti del naso". . . e il 76% di questi interventi chirurgici riguardava donne.

Quindi cosa deve fare una persona in tali circostanze? Ecco le tre opzioni principali:

(1) Mordere il proiettile e, se ci si può permettere, esaminare ciò che si potrebbe cambiare o migliorare attraverso la rinoplastica. Alcuni discussant su internet erano entusiasti di aver deciso di sottoporsi all'intervento, finendo con un naso con cui erano molto più felici. Hanno affermato che la procedura li ha aiutati ad essere meno consapevoli e ad aumentare la fiducia in se stessi. Inoltre, non ci volle molto tempo prima che si abituassero alla "novità" del loro aspetto migliore. (E per avere una migliore idea di cosa possa potenzialmente fare la rinoplastica per la tua bellezza, dai un'occhiata a queste presumibilmente, intere foto online pre-e-dopo.)

(2) Attaccati con il tuo "naso di nascita" e, comunque a malincuore, fai pace con esso. Altri hanno evitato l'opzione della chirurgia estetica per timore che il risultato finale potesse essere deludente, o che il loro aspetto potesse essere cambiato in un modo che avrebbe reso impossibile per loro riconoscersi . Nel bene o nel male, avrebbero sacrificato qualcosa di essenziale per la loro identità. Altri, ammettendo di essere "gatti impauriti", erano semplicemente troppo spaventati per andare sotto i ferri, punto.

(3) Impara gradualmente, e con grazia, non solo ad accettare, ma affermare il naso che hai ereditato, anche celebrando il fatto che ti "lega" ancor di più alla tua famiglia. Indipendentemente dal fatto che a un certo punto possano aver seriamente preso in considerazione la chirurgia del naso elettiva, alcuni discussi giunsero alla conclusione che era meglio coltivare un certo orgoglio nel loro aspetto "distintivo". Inoltre, non potevano semplicemente sentirsi a proprio agio nel cancellare artificialmente la propria etnia.

Ovviamente, qualunque scelta tu possa fare, personalmente, dovrebbe essere giusta, poiché questa non è una decisione che nessun altro può fare per te. E indubbiamente, qualunque alternativa è selezionata porterà i suoi rischi. . . e premi.

Chiudo questo pezzo con una citazione di una donna che, sebbene lei stessa abbia deciso di non migliorare il proprio naso, è ancora solidale con chi vorrebbe farlo. Le sue parole semplici possono mancare di raffinatezza, ma riflettono comunque un'umanità che vale la pena notare. Perché parlano all'autocondizionalità incondizionata che tutti noi faremmo bene per cercare di:

CCO Public Domain/on Pixabay
Fonte: dominio pubblico CCO / su Pixabay

Mi è stato detto per tutta la vita che il mio naso è troppo grande. Una ragazza ha persino detto che "deve essere aggiustato". [Ma] è il. . . naso sono nato con. . . . Il mio naso è mio e di nessun altro. Chi non ama il naso è libero di cambiarlo e non dovrebbe mai essere criticato per questo. . . . Se cambiando il naso ti fa sentire meglio, fallo se puoi, ma spero anche che ti ricorderai che sei bella anche se non pensi che il tuo naso sia perfetto, perché è tuo. Vorrei che tutti potessero accettare di essere belli perché sono umani (tratto da "Facebook Conversations", citato in precedenza).

Va bene, ha detto abbastanza. . . .

Se potessi riferirti a questo post e pensare che potrebbero esserlo anche altri, ti preghiamo di considerare di inoltrare il suo link.

Per controllare altri post che ho fatto per Psychology Today online, su una vasta gamma di argomenti psicologici, fai clic qui.

© 2017 Leon F. Seltzer, Ph.D. Tutti i diritti riservati.

-Per ricevere una notifica ogni volta che pubblico qualcosa di nuovo, invito i lettori a unirsi a me su Facebook-così come su Twitter dove, in aggiunta, puoi seguire le mie varie riflessioni psicologiche e filosofiche.

Solutions Collecting From Web of "Un naso lontano dal bello"