Un messaggio di San Valentino per famiglie con disturbi dell'alimentazione

Le relazioni sono importanti. Molte ragioni, uniche e specifiche per la mia natura e il modo in cui sono stato nutrito, mi hanno portato ad essere un donatore, un fornitore, un allevatore. Ho una soglia alta per il dolore delle altre persone e generalmente tollero molto da un individuo prima di accettare che non posso fare il lavoro per qualcun altro o accettare la responsabilità di qualcuno che non è disposto ad assumersi la responsabilità per il proprio comportamento, i propri sentimenti o vita insoddisfacente. Ho imparato molto dai miei figli e dai miei pazienti sul cambiamento, permettendo loro di lottare con la loro angoscia e il loro dolore. Posso solo sperare che la loro fiducia nei miei confronti durante il loro variegato passato e le attuali lotte sia mantenuta sapendo che il mio rispetto e la mia compassione non vacillano mai. Quanto sono fortunato per continuare ad avere questo privilegio come madre e terapeuta.

A questo proposito, sono venuto a sapere che problemi, sintomi, comportamenti autodistruttivi o distruttivi e problemi sorgono per una moltitudine di ragioni e derivano da una varietà di fonti. I disturbi alimentari sono multi-causazionali. Impariamo sempre più attraverso la ricerca e il trattamento su come funzionano i sintomi e come sono le risposte a fattori di stress interni e relazionali. Continuiamo a cercare i geni che contribuiscono a disordini autodistruttivi come i disturbi alimentari, il taglio, l'abuso di sostanze.

Sappiamo che l'ansia e la depressione tendono a funzionare in famiglie e possono offrire alcune indicazioni su come queste condizioni siano precursori dei disturbi alimentari e delle dipendenze. Continuiamo, tuttavia, a cercare la comprensione di "perché" l'ansia e la depressione corrono nelle famiglie. L'ansia e la depressione sono genetiche? Hanno imparato comportamenti da bambini cresciuti in famiglie in cui uno o più membri sono depressi o ansiosi? L'ansia e / o la depressione sono il risultato netto di fattori stressanti familiari, conflitti psicologici in un individuo o collettivamente nella famiglia, emozioni represse, eventi traumatici, comportamenti familiari ripetitivi e dinamiche ripetute attraverso le generazioni? Lo sviluppo di un disturbo alimentare ha quindi senso come risposta.

Quello che ho imparato a comprendere nella mia vita, le pratiche di allevamento dei miei figli e il trattamento clinico dei miei pazienti è che indipendentemente da quale sia la causa del problema o della questione, la relazione tra me e i miei figli e me contenga. Se i sintomi dei disturbi alimentari di un paziente sono stati causati da un'ansia predisponente in cui i sintomi del disturbo alimentare hanno calmato o soffocato l'ansia o il disturbo alimentare era un risultato diretto di crescere in una casa dove il bambino era fisicamente, sessualmente o emotivamente traumatizzato e il disturbo alimentare era un tentativo di distrazione, adattamento, adattamento o ripetizione del trauma attraverso la durezza dei sintomi, sapendo che qualcuno ora è lì per fare affidamento su chi è gentile, solidale e non giudicante è fondamentale per la crescita e il cambiamento. L'onestà, sia che si tratti di un bambino in via di sviluppo o di un paziente in cura, è possibile solo quando la persona si sente al sicuro e non teme le critiche, la vergogna, la rabbia o il ritiro.

Genitori e terapeuti hanno un ruolo simile.

Quando il rispetto genuino, l'empatia e la compassione sono presenti nel complesso, viene creata una sensazione di sicurezza e il bambino o il paziente sviluppano una prospettiva affidabile sulle relazioni in generale. L'onestà e la guida da parte dei genitori o terapeuta – senza controllo, manipolazione o giudizio – consentono lo sviluppo della fiducia nell'individuo. Quando a un bambino o un paziente viene dato il diritto di avere la propria voce e opinione, l'insicurezza diminuisce. Di conseguenza, lei / lui impara nel tempo a fidarsi della sua intuizione – quella profonda conoscenza della voce interna che ci guida durante tutta la vita nel prendere decisioni e valutare le persone.

Identificare, discutere e tollerare le emozioni tra i membri della famiglia, in particolare quelli negativi, crea consapevolezza di sé nel bambino in via di sviluppo. La capacità di conoscere, tollerare e integrare tutte le emozioni è quindi resa possibile.

In che modo la terapia aiuta le famiglie a guarire?

La guarigione è un processo; il primo passo è aiutare i membri della famiglia a imparare a non avere paura l'uno dell'altro. Scoprono cosa significa sentirsi sicuri nel confrontarsi ed esprimere emozioni, nella convinzione che le loro relazioni siano sicure e accogliere questo tipo di onestà. Man mano che le famiglie imparano e iniziano a integrare un nuovo linguaggio di emozioni nella loro vita, l'impiallacciatura di rabbia, colpa, difesa, critica, vergogna e senso di colpa lentamente cade via. I membri della famiglia iniziano veramente a capire e ad accettare cosa significa amarsi apertamente a vicenda. Imparano come relazionarsi l'un l'altro in modo empatico e condividono la responsabilità per i loro contributi individuali nello sviluppo del disturbo alimentare dei loro cari – e in tutti gli aspetti della loro vita familiare. Col tempo, dopo che il dolore è passato, il perdono arriva e, alla fine, l'accettazione sorge – ognuno inizia ad abbracciare l'umanità degli altri con tutte le sue imperfezioni e contraddizioni. Questo bellissimo risultato è possibile; Ho visto accadere molte volte nella mia pratica.

Se una solida infrastruttura di sicurezza, fiducia e rispetto è costruita in un bambino fin dall'inizio o una persona cerca la terapia più tardi nella vita in risposta al crescere non sentirsi sicuro, fiducioso e nutrito e, di conseguenza o per coincidenza, sviluppa un disturbo alimentare, il il messaggio è lo stesso È possibile costruire o ricostruire l'infrastruttura. Il recupero da un disturbo alimentare è possibile quando sono presenti l'impegno per il lavoro, l'accettazione della responsabilità e la profondità della fiducia. Le famiglie che sono coinvolte in questo processo se sono fisicamente presenti o meno nel trattamento di un membro della famiglia sono irrilevanti se possono vedere il beneficio e la bellezza della responsabilità condivisa e la profondità e il respiro di ciò che l'onestà e la fiducia forniscono alla crescita e alla guarigione.

Buon San Valentino!

Judy Scheel, Ph.D., LCSW

Solutions Collecting From Web of "Un messaggio di San Valentino per famiglie con disturbi dell'alimentazione"