Un legame tra consulenza farmaceutica e prescrizione di farmaci

Quando il medico ti dice che dovresti assumere un nuovo farmaco, ti devi fidare che abbia il tuo miglior interesse in mente. Certamente non vuoi pensare che lei stia permettendo ai propri interessi finanziari di influenzare le sue decisioni di prescrizione. Prendiamo ad esempio la decisione di prescrivere farmaci di marca rispetto ai farmaci generici. Quando hai il colesterolo alto e il tuo medico ti ha prescritto una statina di marca costosa, lo fa perché crede che il farmaco sia il migliore per impedirti di sperimentare un infarto o un ictus? O lo sta facendo perché si sente obbligata verso la compagnia che produce il farmaco?

Una recente analisi di ProPublica mostra che più i medici ricevono denaro dall'industria farmaceutica, più è probabile che prescrivano farmaci di marca.

Permettetemi di fornire alcune parole di cautela.

Il titolo di ProPublica dice: "Ora c'è la prova: i documenti che ottengono denaro contante tendono a prescrivere più medici di marca". Questa formulazione è accurata, solo descrivendo l'associazione tra denaro ricevuto e schemi di prescrizione. L'organizzazione è appropriatamente cauta nello spiegare che la correlazione non significa causalità: "L'analisi di ProPublica non dimostra che i medici pagano i premi del settore per prescrivere particolari farmaci o anche farmaci di una particolare azienda. Piuttosto, mostra che i pagamenti sono associati a un approccio alla prescrizione che, scrivendo in grande, va a vantaggio dei profitti delle compagnie farmaceutiche. "Questo è molto accurato e attento. Evviva.

Ma scrivendo i risultati delle loro analisi sul loro sito web, la loro lingua è anche fuorviante. Iniziano con un titolo – "Now There's Proof" – che suggerisce una specie di pistola fumante. Poi citano un medico e un rispettato esperto dell'industria farmaceutica, che va oltre le prove per implicare che lo studio rivela la causalità. Dice: "Conferma ancora la saggezza prevalente … che esiste una relazione tra i pagamenti e la prescrizione del marchio. Questo si nutre della conversazione in corso sulla proprietà di questi tipi di relazioni. Speriamo di superare il punto in cui le persone diranno: "Oh, non ci sono prove che queste relazioni cambino le pratiche di prescrizione dei medici".

Non sono d'accordo con l'opinione di questo esperto. Per quanto importante e interessante come questo studio, non si qualifica come prova che il denaro farmaceutico ha cambiato il comportamento del medico. Invece, mostra una correlazione – una correlazione molto provocatoria, lo ammetto – tra il denaro ricevuto e le medicine prescritte. In effetti, sono abbastanza fiducioso, non scientificamente parlando, che questa relazione è in parte causale. Un carico di studi psicologici mostra il potere della reciprocità – quando le persone ricevono anche piccoli doni, sentono l'obbligo di restituire il favore. I medici che accettano denaro da compagnie farmaceutiche si sentono probabilmente obbligati ai donatori di regali.

Ma dobbiamo riconoscere che correlazioni come questa potrebbero essere spiegate senza affermare che ricevere denaro farmaceutico ha indotto questi medici a prescrivere farmaci di marca. Ad esempio, il tipo di medici che ricevono tali soldi potrebbe semplicemente essere lo stesso tipo di medici che credono nella superiorità dei farmaci di marca. Anche senza soldi dall'industria farmaceutica, in altre parole, avrebbero potuto prescriversi allo stesso modo. In alternativa, le aziende potrebbero semplicemente aver ottenuto informazioni prescrittive, identificato i prescrittori dei loro prodotti e fatto piovere denaro. Causa ed effetto, in questo caso, verrebbero invertiti rispetto a quanto suggerisce l'esperto citato.

Guarda, so che il denaro cambia comportamento in tutti i tipi di contesti. E non credo che le società farmaceutiche farebbero piovere così tanti soldi ai medici senza un ritorno sul loro investimento. Ma i giornalisti e gli esperti accademici non aiutano la loro credibilità quando implicano la causalità quando si riferiscono a prove che non dimostrano causa ed effetto. Non dovremmo fare una ricerca provocatoria ma inconcludente e lanciare titoli provocanti che vanno al di là di ciò che la ricerca ha dimostrato. Quando si traggono conclusioni su argomenti controversi come i rapporti medico / farmaceutico, è necessario separare la speculazione dalla prova.

*** Pubblicato in precedenza a Forbes ***

Solutions Collecting From Web of "Un legame tra consulenza farmaceutica e prescrizione di farmaci"